Eleanor Parker

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Eleanor Parker negli anni 40

Eleanor Jane Parker (Cedarville, 26 giugno 1922Palm Springs, 9 dicembre 2013) è stata un'attrice e cantante statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Durante la sua infanzia, si trasferì con la famiglia a Cleveland (Ohio), dove frequentò la scuola pubblica, terminando poi gli studi alla Shaw High School. Nel 1941, all'età di 19 anni, firmò un contratto con la Warner Bros., ottenendo un piccolo ruolo nel film La storia del generale Custer (1942) di Raoul Walsh, ma la sua parte venne eliminata in sede di montaggio. Fu lei a rompere la bottiglia di champagne all'inaugurazione della celebre tratta ferroviaria California Zephyr a San Francisco, il 19 marzo 1949.

Con Janet Leigh in Scaramouche (1952)

Ottenne la sua prima candidatura al premio Oscar alla miglior attrice grazie al ruolo interpretato nel film Prima colpa (1950) di John Cromwell, che le valse anche la Coppa Volpi per la migliore interpretazione femminile al Festival di Venezia. Seguirono altre candidature, nel 1951 per il film Pietà per i giusti (1951) di William Wyler, accanto a Kirk Douglas, e nel 1955 per il film Oltre il destino (1955) di Curtis Bernhardt, in cui interpretò la cantante lirica Marjorie Lawrence.

La donna delle tenebre (1957)

Nell'arco della sua lunga carriera la Parker recitò accanto a celebri divi dello schermo, quali John Garfield in C'è sempre un domani (1946) di Delmer Daves, Humphrey Bogart in Assalto al cielo (1950) di Stuart Heisler, Robert Taylor in Il prezzo del dovere (1952) di Melvin Frank e Norman Panama, La valle dei re (1954) di Robert Pirosh e Un napoletano nel Far West (1955) di Roy Rowland, Stewart Granger in Scaramouche (1952) di George Sidney, Charlton Heston in Furia bianca (1954) di Byron Haskin, William Holden in L'assedio delle sette frecce (1954) di John Sturges, Glenn Ford in Oltre il destino (1955) di Curtis Bernhardt, Frank Sinatra in L'uomo dal braccio d'oro (1955) di Otto Preminger e Un uomo da vendere (1959) di Frank Capra, Clark Gable in Un re per quattro regine (1957) di Raoul Walsh e Robert Mitchum in A casa dopo l'uragano (1960) di Vincente Minnelli.

Fra i suoi ruoli più celebri, quello della baronessa Elsa Schroeder nel musical Tutti insieme appassionatamente (1965) di Robert Wise, al fianco di Julie Andrews e Christopher Plummer. Successivamente recitò, tra gli altri, nei film Panic Button... operazione fisco (1964) di George Sherman e Giuliano Carnimeo, Tramonto di un idolo (1966) di Russell Rouse, Il tigre (1967) di Dino Risi, ove interpretava la moglie di Vittorio Gassman, e Il terrore negli occhi del gatto (1969) di David Lowell Rich. La sua ultima apparizione sul grande schermo fu nel film Sunburn - Bruciata dal sole (1979) di Richard C. Sarafian, accanto a Farrah Fawcett. Lavorò anche per la televisione, partecipando a numerosi episodi delle serie Love Boat e Fantasilandia, e fu anche un'apprezzata attrice teatrale: interpretò, tra gli altri, Applause, la versione musical di Eva contro Eva, e La notte dell'iguana.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Eleanor Parker si sposò quattro volte. Dal marzo 1943 al dicembre 1944 con Fred Losee; dal gennaio 1946 al novembre 1953 con Bert E. Friedlob, da cui ebbe tre figli: Susan Eleanor Friedlob (7 marzo 1948), Sharon Anne Friedlob (18 aprile 1950) e Richard Parker Friedlob (8 ottobre 1952). Il terzo matrimonio durò dal novembre 1954 al marzo 1965 con Paul Clemens, da cui ebbe un figlio: Paul Day Clemens (7 gennaio 1958). Il quarto e ultimo matrimonio con Raymond Hirsch (sposato nell'aprile 1966) durò fino alla morte di lui nel 2001.

Morì a 91 anni per le complicazioni di una polmonite[1].

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatrici italiane[modifica | modifica wikitesto]

  • Rosetta Calavetta in Gli amori di Cristina, Scaramouche, Il prezzo del dovere, L'assedio delle sette frecce, La valle dei re, Un napoletano nel Far West, Oltre il destino, L'uomo dal braccio d'oro, Un re per quattro regine, La donna nelle tenebre, A casa dopo l'uragano, Agente 4K2 chiede aiuto
  • Lydia Simoneschi in C'è sempre un domani, La castellana bianca, Rodolfo Valentino, Pietà per i giusti, Panic Button... operazione fisco
  • Dhia Cristiani in Assalto al cielo, Prima colpa, Tre segreti, Ritorno a Peyton Place, Inferno a Madison Avenue
  • Andreina Pagnani in Furia bianca, Tutti insieme appassionatamente
  • Anna Miserocchi in Sunburn - Bruciata dal sole, Il terrore negli occhi del gatto
  • Renata Marini in Preferisco mio marito
  • Rina Morelli in La voce della tortora
  • Maria Pia Di Meo in Un uomo da vendere
  • Benita Martini in Il tigre
  • Mirella Pace in Detective per amore
  • Alina Moradei in Love Boat
  • Valeria Valeri in La signora in giallo

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

La stella dell'attrice sulla Hollywood Walk of Fame

Nel 1960 le venne assegnata una stella sulla Hollywood Walk of Fame al 6340 di Hollywood Blvd per il suo contributo all'industria cinematografica.[2]

1951 - Candidatura per la miglior attrice protagonista per Prima colpa
1952 - Candidatura per la miglior attrice protagonista per Pietà per i giusti
1956 - Candidatura per la miglior attrice protagonista per Oltre il destino
1970 - Candidatura per la miglior attrice in una serie drammatica per Bracken's World
1950 - Coppa Volpi per la migliore interpretazione femminile per Prima colpa
1963 - Candidatura per la miglior attrice protagonista in un singolo episodio di una serie televisiva per The Eleventh Hours (episodio Why Am I Grown So Cold?)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Morta Eleanor Parker, la baronessa di "Tutti insieme appassionatamente", today.it, 10 dicembre 2013. URL consultato il 13 febbraio 2017.
  2. ^ Eleanor Parker, www.walkoffame.com. URL consultato il 24 dicembre 2020.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN30336903 · ISNI (EN0000 0001 1440 7037 · LCCN (ENn88299982 · GND (DE118971743 · BNF (FRcb140391196 (data) · BNE (ESXX1168018 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n88299982