Distretto di Penne

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Distretto di Penne
Informazioni generali
Nome ufficiale Distretto di Penne
(1806-1837 e 1848-1860)
Distretto di Città Sant'Angelo
(1837-1848)
Capoluogo Penne
9888 abitanti (1861)
Altri capoluoghi Città Sant'Angelo (1837-1848)
Dipendente da Coat of Arms of Abruzzo Ultra I (last version).svg Abruzzo Ulteriore I
Suddiviso in 7 circondari
35 comuni
41 ville
Amministrazione
Organi deliberativi Sottintendente
Consiglio distrettuale
Evoluzione storica
Inizio 1806
Fine 1860
Causa Occupazione garibaldina e annessione al Regno di Sardegna.
Preceduto da Succeduto da
Circondario di Penne
Cartografia
Distretto di Città Sant'Angelo.png

Il distretto di Penne, istituito nel 1806 e denominato distretto di Città Sant'Angelo tra il 1837 e il 1848, fu una delle suddivisioni amministrative del Regno delle Due Sicilie, subordinate alla provincia di Abruzzo Ulteriore Primo, soppressa nel 1860. Incorporava tutti i comuni dell'area Vestina.

Istituzione e soppressione[modifica | modifica wikitesto]

Fu costituito nel 1806 con la legge 132 Sulla divisione ed amministrazione delle province del Regno, varata l'8 agosto di quell'anno da Giuseppe Bonaparte. Tra il 1837 e il 1848, il distretto ebbe per capoluogo Città Sant'Angelo. Successivamente, la città di Penne fu ripristinata quale capoluogo del distretto[1]. Con l'occupazione garibaldina e annessione al Regno di Sardegna del 1860 l'ente fu soppresso.

Suddivisione in circondari[modifica | modifica wikitesto]

Il distretto era suddiviso in successivi livelli amministrativi gerarchicamente dipendenti dal precedente. Al livello immediatamente successivo, infatti, individuiamo i circondari, che, a loro volta, erano costituiti dai comuni, l'unità di base della struttura politico-amministrativa dello Stato moderno. A questi ultimi facevano capo le ville, centri a carattere prevalentemente rurale senza autonomia comunale, assimilabili alle moderne frazioni. I circondari del distretto di Penne ammontavano a sette ed erano i seguenti[2]:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Vincenzo Bindi, pp. 572-573.
  2. ^ Attilio Zuccagni-Orlandini, Corografia fisica, storica e statistica dell'Italia e delle sue Isole, vol. 11, Firenze, Tipografia L'Insegna di Clio, 1845, p. 959. URL consultato il 22 luglio 2010. ISBN non esistente

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Distretti della Provincia di Abruzzo Ulteriore Primo (1816-1860) Stemma del Regno delle Due Sicilie

Teramo · Penne