Dina Perbellini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Dina Perbellini

Dina Perbellini, nome d'arte di Dirce Bellini (Caldogno, 14 gennaio 1901Roma, 2 aprile 1984), è stata un'attrice italiana caratterista, molto in auge nei primi anni del cinema sonoro.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nata nel piccolo paese di Caldogno agli inizi del secolo scorso, esordì sui palcoscenici appena ventenne, divenendo una delle migliori caratteriste in scena nel teatro italiano.

Dal 1934 passò al cinema, svolgendo una carriera lunghissima durante la quale ebbe modo di farsi apprezzare in tutti i generi, eccellendo in parti dove seppe palesare la sua straordinaria vis comica, quali Il cappello a tre punte di Mario Camerini (1934), L'allegro fantasma di Amleto Palermi (1941), I bambini ci guardano di Vittorio De Sica (1943), Miss Italia di Duilio Coletti (1950), Il cappotto di Alberto Lattuada (1952), Il principe fusto di Maurizio Arena (1960), Il cavaliere inesistente di Pino Zac (1969)

Parallela, ed ancora più prolifica, fu la sua attività teatrale: recitò accanto ai più grandi nomi del teatro novecentesco, da Luigi Pavese ad Andreina Pagnani, dai fratelli De Filippo a Cesco Baseggio.

Prestò la sua voce a grandissime regine dello schermo, tra cui Angela Lansbury ed Olivia de Havilland, e dalla fine degli anni trenta fu docente di dizione e recitazione al Centro sperimentale di cinematografia sino alla morte.

Dopo una carriera lunghissima e densa di successi, Dina Perbellini morì nella primavera del 1984 all'età di 83 anni.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatrice (parziale)[modifica | modifica wikitesto]

Prosa radiofonica[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Le attrici, Gremese editore, Roma 1993
  • Dizionario Bolaffi dei registi italiani, Torino 1979

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN232729670 · SBN: IT\ICCU\CUBV\122789