Le scarpe al sole (film)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Le scarpe al sole
Scarpealsole1.jpg
Titolo originale Le scarpe al sole
Lingua originale italiano e veneto
Paese di produzione Italia
Anno 1935
Durata 90 min
Dati tecnici B/N
rapporto: 1,37:1
Genere drammatico
Regia Marco Elter
Soggetto Paolo Monelli
Sceneggiatura Curt Alexander
Produttore Roberto Dandi per Artisti Associati e I.C.I.
Distribuzione (Italia) I.C.I. Artisti Associati (1935)
Fotografia Massimo Terzano
Montaggio Camillo Mastrocinque e Giorgio Bianchi
Musiche Antonio Veretti
Scenografia Enrico Verdozzi
Interpreti e personaggi
Premi
Premio del Minculpop come film Eticamente più significativo, alla Mostra di Venezia per il 1935.

Le scarpe al sole è un film del 1935 diretto da Marco Elter. Il soggetto del film è tratto dal romanzo omonimo di Paolo Monelli.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Prodotto da Roberto Dandi per la ICI e Artisti Associati, gli interni furono girati negli stabilimenti CINES a Roma. La pellicola uscì nelle sale nell'ottobre del 1935. Alla Mostra Cinematografica di Venezia del 1935 la pellicola viene premiata con la Coppa del Ministero della Stampa e Propaganda per essere il film "eticamente più significativo".

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Un veterano della Guerra d'Africa, insieme a due giovani, di cui uno appena sposato, vengono chiamati alle armi per difendere i confini della patria. Saranno protagonisti di drammatici avvenimenti tra assalti, ritirate, vita di trincea. Il vecchio reduce della guerra africana, alla fine perirà da eroe, gli altri due torneranno, dopo la vittoriosa battaglia, alle loro case per raccontare i drammatici avvenimenti vissuti.

La critica[modifica | modifica wikitesto]

Dino Falconi, nelle pagine de Il Popolo d'Italia, del 3 novembre 1935 « La guerra di Scarpe al sole è la guerra viva, priva di fronzoli, vestita di cenci, miracolosi che sono più smaglianti di ogni abito di gala. Vi è la sua tristezza e la sua allegria, vi è il tranquillo buonsenso dei veterani, vi è l'entusiastica baldanza dei giovani. Elter, il regista, che viene dal documentario, mostra di sapere assai bene compilare un film drammatico, soprattutto se riuscirà ad occuparsi un pochino meno del personaggio e un po' più dell'azione. Comunque, gli si può perdonare volentieri qualche piccola lungaggine della seconda metà della prima parte, perché tutto il secondo tempo è veramente ottimo »

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema