Mancia competente

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mancia competente
Trouble in paradise.jpg
Herbert Marshall e Kay Francis
Titolo originale Trouble in Paradise
Lingua originale inglese
Paese di produzione Stati Uniti
Anno 1932
Durata 83 min
Colore B/N
Audio Mono (Western Electric Noiseless Recording)
Rapporto 1.37 : 1
Genere commedia
Regia Ernst Lubitsch
Soggetto Aladar Laszlo (commedia The Honest Finder)
Sceneggiatura Samson Raphaelson
Grover Jones (adattamento)
Produttore Ernst Lubitsch
Casa di produzione Paramount Pictures
Fotografia Victor Milner
Musiche W. Franke Harling
Scenografia Hans Dreier (non accreditato)
Costumi Travis Banton
Eugene Joseff (gioielli)
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Ridoppiaggio anni ottanta:

Mancia competente (Trouble in Paradise) è un film del 1932 diretto da Ernst Lubitsch.

Tratto dalla commedia A Becsuletes Megtalalo di Aladar Laszlo, adattata in inglese come The Honest Finder, è considerato uno dei massimi esempi del genere della commedia sofisticata.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Gaston Monescu, un famoso ladro, incontra e s'innamora di Lily Vautier, anch'essa ladra di professione. Per derubare la bella e ricchissima Mariette Colet, Gaston s'introduce nella sua casa con la scusa di restituire una borsa a lei rubata in cambio di una consistente ricompensa. Tuttavia Gaston, sotto il falso nome di Monsieur Lavalle, e la moglie riescono a farsi assumere come segretari della signora, con l'intenzione di rapinarla. Ma i loro piani non vanno come dovrebbero, per colpa anche di un pizzico d'amore.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film fu prodotto dalla Paramount Pictures.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il copyright del film, richiesto dalla Paramount Publix Corp., fu registrato il 24 ottobre 1932 con il numero LP3359[1].

Distribuito dalla Paramount Pictures, il film uscì nelle sale cinematografiche USA il 21 ottobre 1932.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1932 è stato indicato tra i migliori dieci film dell'anno dal National Board of Review of Motion Pictures.

Nel 1991 è stato scelto per la conservazione nel National Film Registry della Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ AFI
  2. ^ (EN) National Film Registry, National Film Preservation Board. URL consultato il 4 gennaio 2012.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Guido Fink, Ernst Lubitsch, Il castoro cinema, La nuova Italia ed., Firenze - maggio 1977
  • (FR) Bernard Eisenschitz, Jean Narboni (a cura di): Ernst Lubitsch, Cahiers du Cinéma / Cinématèque Française ISBN 2-866642-035-7
  • Marco Salotti, Ernst Lubitsch, Le Mani, Genova 1997 ISBN 88-8012-060-3

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN219205492 · GND: (DE7660220-5 · BNF: (FRcb16459194b (data)
Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema