Denis Marconato

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Denis Marconato
DenisMarconato01 copy1.jpg
Nazionalità Italia Italia
Altezza 211 cm
Peso 115 kg
Pallacanestro Basketball pictogram.svg
Ruolo Centro
Ritirato 13 giugno 2017
Carriera
Giovanili
1990-1993Treviso
Squadre di club
1993-2005Treviso361 (2.652)
1995-1996Petrarca35 (402)
2005-2008Barcellona102 (678)
2008-2009San Sebastián 31 (121)
2009Olimpia Milano13 (58)
2009-2010Mens Sana Siena27 (64)
2010-2012Pall. Cantù74 (350)
2012-2013Reyer Venezia33 (77)
2013-2014Treviso Basket 3 (15)
2014Pall. Cantù13 (22)
2015Bianco e Nero.svg T.B. Montichiari17 (83)
2015-2016Dinamo Sassari1 (0)
Nazionale
1996Italia Italia U-22
1995-2007Italia Italia195 (1.140)
Palmarès
Olympic flag.svg Olimpiadi
Argento Atene 2004
Wikiproject Europe (small).svg Europei
Argento Spagna 1997
Oro Francia 1999
Bronzo Svezia 2003
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 30 giugno 2016

Denis Marconato (Treviso, 29 luglio 1975) è un ex cestista italiano.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

È originario di san Giuseppe, frazione alle porte di Treviso. Nel 1990, la madre lo accompagna in palestra a fare attività sportiva, qui viene notato dai dirigenti della Benetton Pallacanestro Treviso e subito reclutato nel settore giovanile.

Nei campionati giovanili vanta un titolo allievi (1991), un titolo cadetti (1992) ed uno juniores (1994). Nel 1994 ha giocato anche con la nazionale under 20 e, nel 1996, agli europei di Istanbul è stato uno dei punti di forza dell'under 22; dal 1995-96 è stato solitamente convocato nella Nazionale maggiore.

Nel 1993-94 esordisce in campionato con la maglia della Benetton Basket, nel 1994-95, come decimo uomo, viene impiegato poco e, l'anno seguente, è girato in prestito al Petrarca Padova, dove esplode a livello agonistico.

Nel campionato 1996-97 ritorna all'ovile e viene inserito nelle rotazioni dei lunghi dal coach Mike D'Antoni, che premia il suo morbido tiro da sotto e le sue doti di saper giocare sia fronte che spalle a canestro; sarà decisivo nei play-off di quell'anno, culminati con la conquista del suo primo scudetto personale, dove risulta il miglior rimbalzista.

Salta i Mondiali dell'estate 1998, ma si ripresenta in piena forma nella stagione 1998-99, diventando una delle pedine fondamentali del gioco di coach Željko Obradović (memorabile la grande stoppata in gara cinque di semifinale play-off ad Artūras Karnišovas della Fortitudo Bologna).

Viene eletto MVP alle final eight di Reggio Calabria nel 2000. Vince con Treviso ancora due scudetti (2002 e 2003), quattro coppe Italia (2000, 2003, 2004 e 2005) ed ha al suo attivo due partecipazioni alle final four di Eurolega (2002 e 2003).

Diventa uno dei pilastri della Nazionale, con cui conquista l'argento agli Europei del 1997, l'oro agli Europei del 1999, il bronzo agli Europei del 2003 e l'entusiasmante argento alle Olimpiadi di Atene 2004.

Nel 2003 partecipa all'NBA Summer League con i Washington Wizards. Nell'estate 2005 abbandona la Benetton per passare agli spagnoli del Barcellona.

A seguito dell'estromissione degli azzurri dalle Olimpiadi di Pechino, avvenuta con il disastroso nono posto all'Europeo del 2007, e la conseguente linea di rinnovamento imposta dal coach Carlo Recalcati, Marconato viene escluso dalla Nazionale.

Dopo tre anni in maglia blaugrana, durante i quali vince una Coppa del Re, disputa il campionato 2008/2009 con i baschi del San Sebastián Gipuzkoa BC[1].

Verso la fine della stagione 2008-09, rientra in Italia per giocare i playoff con l'Olimpia Milano, contribuendo al raggiungimento della finale, persa però in malo modo contro Siena per 4-0, con un'umiliante gara-4 in casa in cui gli avversari dominano fin dall'inizio.

Per il campionato 2009-10 viene ingaggiato dai campioni d'Italia in carica della Mens Sana Siena. Durante la stagione viene impiegato poco e vince scudetto, coppa Italia e supercoppa Italiana.

Nell'estate del 2010 trova l'accordo con la Pallacanestro Cantù, e dà un ottimo apporto al raggiungimento della finale persa con Siena. I brianzoli non avevano più raggiunto tale traguardo dal campionato vinto nel 1980-81. Viene confermato anche per la stagione 2011-12, in cui la compagine brianzola viene eliminata ai quarti di finale dei play-off dalla Scavolini Siviglia Pesaro. Al termine della stagione, Cantù annuncia un profondo rinnovamento della formazione e non rinnova il contratto di Denis.[2]

Nel mese di agosto 2012 viene aggregato, soltanto per gli allenamenti, all'Olimpia Milano, mentre il 26 settembre 2012 firma per una stagione per la Reyer Venezia.

Durante la stagione successiva, il 7 dicembre 2013, torna a Treviso per giocare in quarta serie nazionale nella Treviso Basket 2012, la squadra che ha raccolto l'eredità della precedente Pallacanestro Treviso.[3] Il 2 gennaio 2014 fa ritorno alla Pallacanestro Cantù per sostituire l'infortunato Marco Cusin, esercitando l'opzione che gli consentiva di lasciare Treviso in caso di chiamata di un club di Serie A.[4][5]

Dopo un periodo di prova, nel gennaio del 2015, viene ingaggiato dalla Contadi Castaldi Montichiari, formazione militante in Serie B.[6]

Il 13 agosto firma per la Dinamo Sassari[7] ritornando, così, a calcare i parquet della Serie A.

Il 13 giugno 2017 annuncia il suo ritiro definitivo dall'attività di giocatore[8].

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Pallacanestro Treviso: 1996-1997, 2001-2002, 2002-2003
Mens Sana Siena: 2009-2010
Pallacanestro Treviso: 1993, 1994, 1995, 2000, 2003, 2004, 2005
Mens Sana Siena: 2010
Pallacanestro Treviso: 1997, 2001, 2002
Mens Sana Siena: 2009
FC Barcelona: 2007
Bianco e Nero.svg Team Basket Montichiari: 2015
:

Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Pallacanestro Treviso: 1994-1995, 1998-1999

Premi individuali[modifica | modifica wikitesto]

Pallacanestro Treviso: 2000
Pallacanestro Treviso: 1997

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Ufficiale Ordine al merito della Repubblica Italiana - nastrino per uniforme ordinaria Ufficiale Ordine al merito della Repubblica Italiana
— Roma, 27 settembre 2004. Di iniziativa del Presidente della Repubblica.[9]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Denis Marconato resta in Spagna - BasketNet.it
  2. ^ Serie A, il mercato a Ferragosto Archiviato il 3 gennaio 2014 in Internet Archive., sul sito del Corriere dello Sport - Stadio
  3. ^ Denis Marconato: La storia scende in campo con TVB - L'esordio con la maglia della De' Longhi domani al PalaCicogna (ore 18) con PN, Treviso Basket 2012, 7 dicembre 2013. URL consultato il 2 gennaio 2014 (archiviato dall'url originale il 2 gennaio 2014).
  4. ^ La Pallacanestro Cantù ingaggi Denis Marconato, Pallacanestro Cantù, 2 gennaio 2014. URL consultato il 2 gennaio 2014.
  5. ^ Marconato firma per Cantù: in bocca al lupo Denis e grazie!, Treviso Basket 2012, 2 gennaio 2014. URL consultato il 2 gennaio 2014 (archiviato dall'url originale il 2 gennaio 2014).
  6. ^ Montichiari ingaggia Denis Marconato, Pianetabasket.com, 14 gennaio 2015. URL consultato il 21 gennaio 2015.
  7. ^ Esperienza e carisma: Sassari chiude con Marconato (PDF), su dinamobasket.com. URL consultato il 16 agosto 2015.
  8. ^ Denis Marconato annuncia il ritiro, su sportando.com. URL consultato il 13 giugno 2017.
  9. ^ Ufficiale Ordine al merito della Repubblica Italiana Sig. Denis Marconato, su quirinale.it. URL consultato il 12 aprile 2011.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]