Alessandro De Pol

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Alessandro De Pol
Alessandro De Pol.jpg
Nazionalità Italia Italia
Altezza 204 cm
Peso 107 kg
Pallacanestro Basketball pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex ala)
Squadra Scaligera Verona (vice)
Ritirato 2009 - giocatore
Carriera
Squadre di club
1989-1994 Pall. Trieste 107 (652)
1994-1997 Olimpia Milano 121 (794)
1997-1999 Varese 69 (895)
1999-2000 Virtus Roma 20 (169)
2000-2001 Fortitudo Bologna 39 (216)
2002-2003 Gran Canaria 11 (47)
2003-2008 Varese 185 (1.226)
2008-2009 Crabs Rimini 31 (160)
Nazionale
1992-1993 Italia Italia U-22
1993-2004 Italia Italia 137 (692)
Carriera da allenatore
2009-2011 Scaligera Verona (vice)
2011-2012 Lago Maggiore
2012- Scaligera Verona (vice)
Palmarès
Wikiproject Europe (small).svg Europei
Oro Francia 1999
Bronzo Svezia 2003
Fictional Logo for Goodwill Games.svg Goodwill Games
Argento San Pietroburgo 1994
Transparent.png Europei Under-22
Oro Grecia 1992
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 20 settembre 2013

Alessandro De Pol, detto Sandrino (Trieste, 15 luglio 1972), è un ex cestista italiano.

Ala di 204 centimetri per circa 107 chili di peso, è stato fino alla stagione 2007-08 capitano della Pallacanestro Varese.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Ha cominciato a praticare la pallacanestro nelle squadre giovanili della Pallacanestro Trieste Stefanel, dove vince il titolo italiano Juniores nel 1989. L'allenatore della prima squadra Bogdan Tanjević, chiamato anni prima dal presidente della società e sponsor principale, decide di puntare sui giovani e fa esordire de Pol nel massimo campionato di A1 l'anno successivo.

Il campionato 1993-94 resta uno dei migliori per la Stefanel Trieste e per De Pol: dopo aver collezionato un secondo posto nella Coppa Korac perdendo nella finale il PAOK Salonicco, la squadra viene eliminata alle semifinali scudetto dalla Scavolini Pesaro dopo una memorabile gara tre giocata a Trieste e persa dalla Stefanel per una serie di canestri da tre punti segnati da un giovanissimo Carlton Myers.

Nel 1994 la proprietà decide di trasferire l'intera squadra a Milano, De Pol segue a malincuore la società, che con il medesimo organico (fatta eccezione per la guardia Portaluppi) vincerà lo scudetto e la Coppa Italia nel 1996 ed otterrà due secondi posti nelle Coppe Korac del 1995 e del 1996. De Pol era una delle colonne della squadra, avendo giocato con gli stessi compagni per quasi 10 anni.

Nella stagione 1997-98 decide di cambiare squadra e va a raggiungere il concittadino Gianmarco Pozzecco alla Pallacanestro Varese. La squadra allenata da Carlo Recalcati è improntata attorno al genio ed alla sregolatezza di Gianmarco Pozzecco e alla testa di un giovane Andrea Meneghin.

Dopo alcuni campionati di assestamento, De Pol è uno degli artefici della vittoria dello scudetto della stella (il decimo) della Pallacanestro Varese nel 1999. Quella stessa estate rivede buona parte degli ex compagni della Stefanel nella Nazionale affidata proprio al coach croato Tanjević; spedizione che terminerà con un memorabile titolo europeo, il più recente della Nazionale italiana di pallacanestro.

De Pol si trasferisce a Roma, che lascia dopo una sola stagione.

L'anno successivo è quello del trasferimento (campionato 2000-01) del giocatore a Bologna sponda Fortitudo, esperienza che terminerà dopo una stagione. Dopo una parentesi nella Liga ACB (il massimo campionato di basket spagnolo) con la maglia del Gran Canaria, nel 2002 Sandrino De Pol torna a Varese dove ha il compito di fare da guida ad un gruppo di giovani. Negli ultimi anni la società varesina non è riuscita a ricreare quella forza che la portò a vincere lo scudetto del 1999. De Pol, capitano della squadra durante la stagione 2007-2008, ha reincontrato il vecchio amico Meneghin. Dopo il prematuro ritiro del figlio d'arte per gravi problemi fisici, la squadra varesina ha terminato la stagione nel peggiore dei modi: nonostante l'impegno del suo capitano, non si è potuta evitare la retrocessione in Legadue. Il GM di Varese Francesco Vescovi non ha confermato De Pol che così, dopo 8 anni, lascerà Varese approdando ai Crabs Rimini per la sua diciannovesima stagione a livello professionistico.

Il 27 giugno 2009, con un'intervista, annuncia il suo ritiro per intraprendere la carriera di allenatore. Inizia con la Tezenis Verona dove per la stagione 2009-10 ha fatto il vice di Pippo Faina nel campionato di Serie A Dilettanti, poi diventa capo-allenatore in terza serie a Castelletto Ticino, quindi torna ricoprire il ruolo di vice a Verona, dove assiste coach Ramagli in Legadue. Adesso è tornato a Trieste ad allenare le giovanili del BaskeTrieste: annate 2002-2001

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Esordio: 14 ottobre 1993, Brindisi Italia Italia - Lettonia Lettonia 100-70.

Con la maglia della Nazionale azzurra ha disputato complessivamente 137 gare, segnando 692 punti ed ha ottenuto le seguenti vittorie:

Ha inoltre disputato:

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Olimpia Milano: 1995-1996
Pall. Varese: 1998-1999
Olimpia Milano: 1996

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Zilveren medaille.svg San Pietroburgo 1994

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]