Lunar Gateway

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Deep Space Gateway)
Jump to navigation Jump to search
Lunar Gateway
2024 Lunar Gateway concept art, March 2020.jpg
Render artistico del Lunar Gateway in orbita intorno la Luna
Emblema della stazione
NASA Artemis Gateway logo.png
Statistiche
Equipaggio4 (previsto)
Lancio2024 (previsto)
Periodo orbitale7 giorni
Rendering di Orion in prossimitá della stazione spaziale

Il Lunar Gateway, ex Deep Space Gateway (DSG, traducibile in italiano come: Passaggio per lo Spazio Profondo) è una stazione spaziale cislunare pianificata dalla NASA, da Roscosmos, da ESA e dalla JAXA per essere costruita a partire dal 2024. La stazione sarebbe usata come punto d'appoggio per la nave spaziale Deep Space Transport, anch'essa pianificata, per missioni verso la Luna e Marte[1][2] Viene anche ipotizzato, da diversi partner internazionali, un suo utilizzo come base per le missioni di superficie lunare robotizzate e con equipaggio.

Componenti[modifica | modifica wikitesto]

La stazione spaziale Gateway sarà costituita da 7 moduli, più un braccio robotico fornito dal Canada, arrivando a 125 m³ di spazio abitabile.[3]

Concept della stazione
  • Power and Propulsion Element (PPE) è un modulo con un peso di 8-9 t progettato per produrre energia elettrica (della potenza di 50 kW) tramite pannelli fotovoltaici e fornire propulsione ionica.[4] Il 23 maggio 2019 ne è stato annunciato l'affidamento della costruzione alla Maxar Technologies e costituirà il primo modulo della stazione.[5]
  • European System Providing Refuelling, Infrastructure and Telecommunications (ESPRIT) contribuirà all'immagazzinamento di xenon e idrazina, oltre a costituire un punto di attracco per eventuali carichi. Sarà progettato in parallelo da Airbus e Thales Alenia Space.[6]
  • Utilization Module, di produzione statunitense, fornirà spazio aggiuntivo e costituirà l'iniziale modulo abitativo, portando a 55 m³ di spazio abitabile. Sarà basato su un veicolo spaziale Cygnus, con le aggiunte di radiatori, antenne, batterie e punti di aggancio, fornendo supporto per l'equipaggio per almeno un mese.[7] La costruzione del modulo è stata affidata nel luglio 2019 alla Northrop Grumman, la quale, per la produzione dei Cygnus, collabora con Thales Alenia Space, operante nelle sezioni pressurizzate. La scelta è stata fatta perché unico ente in grado di costruire il modulo in tempo per il programma.[8]
  • International Habitation Module (I-HAB) fa parte del modulo abitativo durante le missioni con equipaggio e costituisce un punto di attracco per altri moduli. Presenta una forma cilindrica con l'aggiunta di quattro portelli, due in asse e due radiali, e per l'assenza di rifiuti spaziali in area cis-lunare sono sufficienti delle pareti meno spesse. All'interno ci saranno spazi notte, di cucina e di esercizio fisico. Sarà progettato in parallelo da Airbus e Thales Alenia Space.[9][10] Alla conferenza ministeriale ESA di Siviglia è stata assegnata una commessa da 327 milioni di euro per il modulo, 137 dei quali di ritorno italiano.[11]
  • U.S. Habitation Module (U.S.HAB) costituisce la parte statunitense del modulo abitativo della stazione, arrivando a 125  di spazio abitabile.[12]
  • I Gateway Logistics Modules saranno usati come moduli di rifornimento. Il progetto prevede una capacità di carico pressurizzato di 5 t e 2,6 t di non-pressurizzato, per un totale di 7,6 t (a confronto il Cygnus e l'ATV arrivano a 3,5 t e 9 t).[13]
  • Gateway Airlock Module fungerà da airlock per eventuali passeggiate spaziali e sarà fornito dalla Russia.[14]

Orbita[modifica | modifica wikitesto]

In occasione del 50º anniversario del primo sbarco sulla Luna, è stato deciso che la stazione orbiterà in una Near-rectilinear halo orbit. Essa consiste in un'orbita halo quasi rettilinea, con perilunio e apolunio a distanze rispettivamente di 3.000 e 70.000 km dal satellite al fine di ridurre al minimo le eclissi, durante le quali si perdono i contatti con la Terra.[15]

Cronoprogramma[modifica | modifica wikitesto]

I moduli della stazione verranno lanciati con il SLS, che li trasporterebbe insieme all’Orion ma potrebbero essere usati lanciatori commerciali come il Falcon Heavy, il Falcon 9, l’Ariane 6 europeo oppure l’Angara russo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Kathryn Hambleton, Deep Space Gateway to Open Opportunities for Distant Destinations, su www.nasa.gov, NASA. URL consultato il April 5, 2017.
  2. ^ Robyn Gatens e Jason Crusan, Cislunar Habitation & Environmental Control & Life Support System (PDF), su www.nasa.gov, NASA. URL consultato il March 31, 2017.
  3. ^ (EN) NASA updates Lunar Gateway plans, su nasaspaceflight.com, 11 settembre 2018.
  4. ^ (EN) NASA issues study contracts for Deep Space Gateway element, su spacenews.com, 3 novembre 2017.
  5. ^ La NASA ha ordinato il primo componente per la stazione spaziale lunare, su focustech.it, 26 maggio 2019.
  6. ^ (EN) ESA develops logistics vehicle for cis-lunar outpost, su russianspaceweb.com.
  7. ^ (EN) Justification for other than full and open competition (JOFOC) for the Minimal Habitation Module (MHM), su fbo.gov.
  8. ^ NASA taps Northrop Grumman in sole-source agreement to build Gateway habitat, su spaceflightnow.com, 23 luglio 2019.
  9. ^ (EN) Our first cis-lunar habitat, su russianspaceweb.com.
  10. ^ Nuova stazione tra Luna e Terra: accordo fra Esa e Thales Alenia Space per i primi moduli, su ilmessaggero.it, 4 settembre 2018.
  11. ^ Spazio, dal modulo per il ritorno sulla Luna ai campioni prelevati da Marte: ecco i nuovi contratti in arrivo per l’industria italiana, su ilsole24ore.com, 5 luglio 2020.
  12. ^ (EN) LOP-G meets ISECG, su thespacereview.com, 9 luglio 2018.
  13. ^ (EN) Gateway Logistics Services, su mainenginecutoff.com, 24 ottobre 2018.
  14. ^ (EN) Russian airlock for the cis-lunar base, su russianspaceweb.com, 3 maggio 2018.
  15. ^ Una stazione spaziale per la Luna. Ecco come orbiterà il Lunar Gateway, su quotidiano.net, 22 luglio 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Astronautica Portale Astronautica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di astronautica