Artemis 1

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Artemis 1
Emblema missione
Exploration Mission-1 patch.png
Immagine del veicolo
NASA Artemis 1 Launch.jpg
Il decollo di Artemis 1 dalla rampa di lancio mobile del complesso LC-39B il 16 novembre 2022
Dati della missione
OperatoreNASA
NSSDC ID2022-156A
SCN54257
DestinazioneSpazio cislunare
Fly-by diLuna
EsitoLancio avvenuto con successo - In orbita attorno alla Luna
Nome veicoloOrion MPCV
Modulo di comandoOrion
Modulo di servizioEuropean Service Module
VettoreSpace Launch System Block 1
Lancio16 novembre 2022

07:47 (1:47 EST)

Luogo lancioKennedy Space Center LC-39B
Atterraggio11 dicembre 2022
Sito atterraggioOceano Pacifico
Nave da recuperoUSS Anchorage
Durata25 giorni
Proprietà del veicolo spaziale
CostruttoreLockheed Martin/Airbus
Parametri orbitali
OrbitaNear Recliniear Halo Orbit
Numeroprivo di equipaggio
Sito ufficiale
Programma Artemis
Missione precedenteMissione successiva
Ascent Abort-2 Artemis 2

L'Artemis 1, precedentemente conosciuta come Exploration Mission 1 o EM-1, è il secondo volo di collaudo, senza equipaggio, dell'Orion MPCV e il primo lancio del razzo vettore Space Launch System, nell'ambito del programma Artemis.

Il lancio, inizialmente previsto per il 2020[1] dal complesso 39B del Kennedy Space Center, è stato prima posticipato alla fine del 2021 e in seguito a novembre 2022.[2]

Il primo tentativo di lancio del 29 agosto 2022 è stato cancellato in seguito a problemi tecnici riguardanti il sensore per il raffreddamento del motore 3 avvenuti a 40 minuti dal termine del countdown.[3][4]

Il secondo tentativo di lancio, previsto per il 3 settembre 2022,[5] è stato anch'esso cancellato in seguito a perdite di carburante avvenute circa a 2 ore e 30 minuti dal termine del countdown.[6]

Per verificare il corretto funzionamento dei sistemi di rifornimento, il 21 settembre 2022 la NASA ha effettuato un test criogenico, i cui obiettivi sono stati raggiunti.[7] Il successivo tentativo di lancio era previsto per il 27 settembre 2022 o, in caso di ulteriori problemi, il 2 ottobre 2022.[8]

A causa della formazione dell'uragano Ian, diretto in Florida, la NASA ha deciso di annullare i due tentativi previsti e riportare il razzo SLS al Vehicle Assembly Building per proteggerlo dalle condizioni meteorologiche avverse.[9]

Nella notte del 4 novembre 2022 la NASA ha iniziato il rullaggio del razzo SLS verso la rampa di lancio in vista del tentativo di lancio del 14 novembre 2022, ma a causa della formazione della tempesta tropicale Nicole che ha colpito la Florida, la NASA ha deciso di rinviare il lancio. A causa della mancanza di tempo necessario per far ritornare il razzo nel Vehicle Assembly Building, questo è stato esposto ai forti venti della tempesta, ma nonostante ciò la NASA ha affermato che nessun danno significativo ha colpito il razzo. Il veicolo è infine stato lanciato il 16 novembre 2022 alle ore 6:47AM UTC.

La missione[modifica | modifica wikitesto]

Artemis 1 ha lo scopo di dimostrare l'affidabilità dell'SLS e dei sistemi principali dell'Orion, incluso il modulo di servizio, in preparazione di un volo con equipaggio, e di collaudare lo scudo termico in un rientro ad alta velocità.

La versione Block 1 dell'SLS utilizzata per questa missione avrà due razzi a propellente solido modificati a cinque segmenti, uno stadio principale spinto da quattro motori RS-25 già utilizzati sullo Space Shuttle, e un secondo stadio derivato dal Delta Cryogenic Second Stage.

Il modulo di servizio, che fornirà propulsione, energia elettrica, termoregolazione e supporto vitale al modulo dell'equipaggio, sarà sviluppato dall'Agenzia Spaziale Europea e costruito da Airbus Defence and Space.

Rispetto all'EFT-1, il modulo dell'equipaggio includerà modifiche ai componenti per ridurne la massa.[10] Anche se la missione non avrà astronauti a bordo, la capsula sarà dotata di un sistema di supporto vitale completo e funzionante.[11]

Inizialmente la missione prevedeva un sorvolo della Luna lungo una traiettoria di ritorno libero, con rientro sulla Terra 7-8 giorni dopo il lancio. In seguito allo sviluppo della ARM, il piano di volo è stato modificato per prolungare la durata della missione a tre settimane e portare l'Orion su un'orbita distante retrograda attorno alla Luna, in preparazione di un futuro rendezvous tra un Orion con equipaggio e un asteroide sulla stessa orbita.[12]

Lancio (16 novembre 2022, 6:47 am UTC)[modifica | modifica wikitesto]

Il 16 novembre 2022, alle ore 6:47 UTC (1:47 Florida) il veicolo Space Launch System (SLS) è decollato dalla Pad 39B del Kennedy Space Center, Cape Canaveral. Il conto alla rovescia è stato intervallato da problemi tecnici che hanno solamente ritardato il lancio di poche decine di minuti. Il lancio è avvenuto con successo e i Solid Rocket Boosters si sono separati dal veicolo in maniera sicura. Successivamente, approsimativamente a T+8:00, è avvenuta la MECO (Main Engine Cut Off), dove i quattro motori RS-25 si sono spenti e lo stadio centrale si è separato dal resto del razzo assieme al Launch Escape System, sistema di sicurezza che non era completamente operativo in questa missione in quanto non avente equipaggio, lasciando la capsula Orion e l'ICPS (Interim Cryogenic Upper Stage) al loro viaggio verso la Luna. Successivamente, l'ICPS ha effettuato una manovra per aumentare il perigeo dell'orbita e renderla circolare. In seguito, l'ICPS ha effettuato la TLI (Trans Lunar Injection), manovra di inserzione translunare, che ha messo la capsula in una traiettoria verso la luna, per poi separarsi anch'esso dalla capsula.

Carichi utili secondari[modifica | modifica wikitesto]

Adattatore Secondo stadio-Orion con i vari CubeSat

Saranno selezionate tredici missioni a basso costo basate sui CubeSat come carichi utili secondari per la missione.[13] Essi, durante il lancio, risiederanno all'interno dell'adattatore che collega il secondo stadio al modulo di servizio dell'Orion. Le missioni già selezionate sono:[14]

  • Near-Earth Asteroid Scout, un progetto di un CubeSat spinto da una vela solare in grado di incontrare oggetti near-Earth (NEA).[15] Le osservazioni saranno effettuate attraverso una serie di bassi flyby (≈10 km) e con una camera monocromatica ad alta risoluzione per misurare le proprietà fisiche dell'asteroide. Se non fosse stata cancellata, la Asteroid Redirect Mission avrebbe giovato dei dati raccolti.[15] Una grande varietà di potenziali obiettivi sono stati individuati in base alla data di lancio, durata di missione e velocità di sorvolo.
  • Lunar IceCube, progettato dalla Morehead State University in Kentucky, investigherà la presenza e la distribuzione di depositi di ghiaccio d'acqua utilizzando la versione compatta dello spettrometro a bordo di New Horizons.
  • CuSP (CubeSat for Solar Particles) si occuperà di studiare le particelle e i campi magnetici provenienti dal sole e di fornire prove per uno studio di fattibilità di un'ipotetica rete di stazioni per studiare la meteorologia spaziale.
  • BioSentinel, una missione per lo studio dell'astrobiologia che misurerà l'impatto delle radiazioni dello spazio profondo su organismi durante lunghi periodi di permanenza oltre l'orbita bassa terrestre.[14]
  • ArgoMoon, nanosatellite italiano realizzato da Argotec e coordinato dalla ASI (Agenzia Spaziale Italiana), unico scelto dalla NASA tra quelli proposti in campo europeo. Il nanosatellite scatterà immagini della missione EM1 e testerà dei nuovi sistemi di comunicazione[16]
  • SkyFire, Cubesat costruito da Lockheed Martin.
  • LunaH-Map (Lunar Polar Hydrogen Mapper) si occuperà della mappatura dell'idrogeno presente nei crateri vicini al Polo Sud lunare, tracciando profondità e distribuzione di composti ricchi di idrogeno come l'acqua.
  • EQUULEUS (EQUilibriUm Lunar-Earth point 6U Spacecraft) che studierà la distribuzione di plasma attorno alla Terra.
  • OMOTENASHI (Outstanding MOon exploration TEchnologies demonstrated by NAno Semi-Hard Impactor) per dimostrare la fattibilità di lander a basso costo.

Tentativi di lancio[modifica | modifica wikitesto]

Giorno Ora Causa del rinvio / Lancio
29 agosto 12:33 UTC Guasto al raffreddamento del terzo motore RS-25
3 settembre 18:17 UTC Perdita di idrogeno al rifornimento
27 settembre 15:37 UTC Uragano Ian sul sito di lancio
2 ottobre 18:52 UTC Uragano Ian sul sito di lancio
16 novembre 06:47 UTC Lancio avvenuto con successo

Piano di volo della missione[modifica | modifica wikitesto]

Piano di volo della Artemis 1
Giorno Evento
1 Lancio e iniezione translunare
2-5 Trasferimento verso la Luna
6 Sorvolo lunare (130km) con fionda gravitazionale
6-9 Transito verso un'orbita lunare distante retrograda (DRO)
10 Ingresso nella DRO
10-15 Permanenza in DRO
16 Accensione motore per preparazione uscita dall'orbita DRO
16-19 Transito verso l'uscita dall'orbita DRO
20 Sorvolo lunare (800 km) con fionda gravitazionale
20-25 Trasferimento verso la Terra
25 Rientro e recupero

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) NASA expects first Space Launch System flight to slip into 2020, su spaceflightnow.com. URL consultato il 20 novembre 2017.
  2. ^ (EN) NASA su Twitter: "Live Now: NASA and @ESA experts discuss specific objectives for our uncrewed #Artemis I test flight around the Moon. Set to launch on Aug. 29, the first @NASAArtemis mission is set to last four to six weeks.", su Twitter, 5 agosto 2022. URL consultato il 14 agosto 2022.
  3. ^ (EN) Artemis: Nasa calls off new Moon rocket launch, in BBC News, 29 agosto 2022. URL consultato il 1º settembre 2022.
  4. ^ Emanuele Menietti, Il lancio di Artemis 1 è stato rinviato, su ilpost.it.
  5. ^ (EN) Artemis: Nasa will try to launch Moon rocket on Saturday, in BBC News, 31 agosto 2022. URL consultato il 1º settembre 2022.
  6. ^ (EN) Nasa: Artemis Moon rocket second launch attempt called off, in BBC News, 3 settembre 2022. URL consultato il 3 settembre 2022.
  7. ^ HDblog.it, Artemis: test criogenico completato con successo, avanti con il progetto, su HDblog.it, 21 settembre 2022. URL consultato il 21 ottobre 2022.
  8. ^ La NASA programma il nuovo lancio di Artemis 1 sulla Luna per il 27 settembre, su Innovazione Fanpage. URL consultato il 14 settembre 2022.
  9. ^ (EN) Rachel Kraft, Artemis I Managers Wave Off Sept. 27 Launch, Preparing for Rollback, su blogs.nasa.gov, NASA, 24 settembre 2022.
  10. ^ (EN) Orion program manager talks EFT-1 in Huntsville, su waaytv.com, http://www.waaytv.com, 13 gennaio 2015. URL consultato il 15 gennaio 2015 (archiviato dall'url originale il 18 gennaio 2015).
  11. ^ (EN) Acronyms to Ascent – SLS managers create development milestone roadmap, su waff.com, www.waff.com, 13 gennaio 2015. URL consultato il 15 gennaio 2015.
  12. ^ (EN) NASA Alters 1st Orion/SLS Flight, su Universe Today, 9 luglio 2013. URL consultato il 19 agosto 2015.
  13. ^ (EN) Gunter Dirk Krebs, NEA-Scout, su space.skyrocket.de, 13 aprile 2015. URL consultato il 13 maggio 2015.
  14. ^ a b (EN) Ellie Zolfagharifard, An asteroid hunter, lunar flashlight and DNA kit: Nasa reveals experiments its mega rocket will carry on its first test flight, in Daily Mail, London, 3 aprile 2015. URL consultato il 24 maggio 2015.
  15. ^ a b (EN) Leslie McNutt e Julie Castillo-Rogez, Near-Earth Asteroid Scout (PDF), su NASA, American Institute of Aeronautics and Astronautics, 2014. URL consultato il 13 maggio 2015.
  16. ^ (IT) La prima missione dell’SLS della NASA darà un passaggio sulla Luna a 13 CubeSat scientifici (tra cui uno italiano), su FlyOrbitNews, 4 febbraio 2016. URL consultato il 9 febbraio 2016 (archiviato dall'url originale l'8 febbraio 2016).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Astronautica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di astronautica