Chiara Zocchi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Chiara Zocchi

Chiara Zocchi (Varese, 25 marzo 1977) è una scrittrice italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1996 ha pubblicato per Garzanti il romanzo Olga, che ha avuto un grande successo in Italia ed è stato tradotto in dieci lingue.

Nel 2005 ha poi pubblicato, sempre per Garzanti, il romanzo, Tre voli, tradotto in francese con il titolo "Volare" (ed. Léo Scheer). Ha collaborato con le riviste Rolling Stone, GQ, Grazia, D di Repubblica, Avvenire, Corriere della Sera, Max e Satisfiction.

Nel 2002 ha lavorato in qualità di autrice e in video, al progetto TSX (un programma creato da radio e televisione della Svizzera Italiana), con il programma "Impronte digitali"

Tra il 2006 e il 2013 ha curato la rubrica "Le mostre" su Grazia.

Nel 2009 ha ottenuto un Dottorato in Scienze Linguistiche, Filologiche e Letterarie, sul "romanzo critico" nella Francia di Fine Secolo.

Nel 2013 ha partecipato alle trasmissioni televisive Markette e Chiambretti Night, in qualità di "personaggio" e co-autrice.

Nel 2014 ha partecipato, su invito di Thomas Hirschhorn, alla sua opera "Flamme Eternelle" (Parigi, Palais de Tokyo), con una riflessione critica vivente al destino editoriale di un'opera, che chiamerà "Scriptorium contemporaneo", consistente nel copiare e nel far-copiare il proprio primo romanzo, a mano.

Nel 2019 ha partecipato con le sue riflessioni-critiche-viventi "Scriptorium contemporaneo" e il suo progetto presente nei social "Lecture" a due festival:

Il piccolo festival della felicità a Monticello d'Alba e Portici di Carta a Torino, per Giardino forbito.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Romanzi[modifica | modifica wikitesto]

  • Olga, Garzanti, 1996
  • Tre voli, Garzanti, 2005

Racconti[modifica | modifica wikitesto]

  • Linea rossa, Subway letteratura, 1998

Testi[modifica | modifica wikitesto]

dicembre 2019 La storia di Nina, testo per un libro pop-up dell'artista Valerio Berruti, Gallucci Editore

2018 Lieux à la recherche d’un signifié (apparement) perdu.

Photographies de Giovanni Scotti, lues pas Chiara Zocchi

Triennale Photographie et Architecture de Bruxelles, opening 16-03-2018

2017 Je ne me souviens pas de tout. Je me souviens de:

texte inspiré à l’œuvre de l’artiste Melanie Berger, Paris, Galerie du Haut Pavé, 2017

2010 in Ecrivains en Série, Léo Scheer

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Premio Fiuggi, Premio Rapallo-Carige opera prima e Premio Costantino Pavan

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN54320646 · ISNI (EN0000 0000 8133 2496 · SBN IT\ICCU\LO1V\154407 · LCCN (ENn96073258 · BNF (FRcb136097581 (data) · WorldCat Identities (ENn96-073258