Boeing P-8 Poseidon

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Boeing P-8 Poseidon
P 8 and P 3 over Pax River.jpg
Il P-8A Poseidon, seguito da un Lockheed P-3 Orion, mentre sorvolano la Naval Air Station Patuxent River
Descrizione
Tipoaereo da pattugliamento marittimo
Equipaggio2 pilota,
7 EWO
CostruttoreStati Uniti Boeing
Data primo volo25 aprile 2009
Data entrata in servizioPrevista nel 2014 con l'U.S. Navy
Utilizzatore principaleStati Uniti U.S. Navy
Altri utilizzatoriAustralia RAAF
India Naval Air Arm
Esemplari108 x U.S. Navy
8 x R.A.A.F.
8 x Naval Air Arm
Sviluppato dalBoeing 737-800
Dimensioni e pesi
Lunghezza39,47 m
Apertura alare35,72 m
Altezza12,83 m
Peso a vuoto62.730 kg
Peso max al decollo85.370 kg
Propulsione
Motore2 turboventole
CFM International CFM56-7B
Spinta120 kN
Prestazioni
Velocità max907 km/h (490 kt
Velocità di crociera815 km/h (440 kt)
Tangenza12.500 m

US Navy P-8A Fact File,[1] e Boeing P-8A Specifications [2]

voci di aerei militari presenti su Wikipedia

Il Boeing P-8 Poseidon (conosciuto in origine come Multimission Maritime Aircraft o MMA) è un aereo da pattugliamento marittimo progettato e costruito dall'azienda aeronautica statunitense Boeing. La sua architettura è la stessa del bireattore civile Boeing 737, la cui cellula è stata modificata per sviluppare il nuovo pattugliatore marittimo dell'U.S. Navy, destinato a sostituire il famoso e affermatissimo Lockheed P-3 Orion.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

"Roll out" del P-8A il 30 luglio 2009.

Il programma Multimission Maritime Aircraft (detto anche MMA) è stato avviato grazie ad una specifica emessa negli anni novanta dall'U.S. Navy per sostituire i vetusti Lockheed P-3 Orion.

Il velivolo si basa sulla cellula del noto bireattore civile Boeing 737, modificata per creare un aereo dalle caratteristiche multiruolo che gli consentiranno di svolgere anche missioni di interdizione, ricerca e soccorso, intelligence, sorveglianza, ricognizione e acquisizione di bersagli; il sistema di missione, inoltre, è basato su una architettura aperta. La fase di sviluppo e dimostrazione dell'intero programma prevede la costruzione di tre prototipi volanti e due per le prove a terra.

Nel frattempo il velivolo è stato battezzato P-8A Poseidon dalla U.S. Navy, che prevede di acquistare 108 esemplari con i quali sostituire nella propria linea di volo gli anziani P-3C; la capacità operativa iniziale (Initial Operational Capability) è prevista per il 2013[3]. I nuovi pattugliatori Poseidon saranno in grado di svolgere missioni di ricognizione, sorveglianza, Lotta antisommergibile e operazioni contro il naviglio di superficie.

Il Poseidon ha già conseguito due successi di vendita all'estero: infatti è stato ordinato in 12 esemplari dalla Naval Air Arm (la marina militare dell'India) nella versione P-8I, versione appositamente sviluppata per le esigenze indiane dal P-8A; anche la Royal Australian Air Force ha deciso di dotarsi di un nuovo mezzo per la lotta antisommergibile e ne ha acquistati 8 esemplari nella variante simile alla P-8A. l'interesse è per un totale di 15 esemplari. La R.A.F. inglese ha intenzione di ordinare 9 esemplari. (Numeri aggiornati in base a Rivista Italiana Difesa aprile 2016 pg. 47)

Impiego operativo[modifica | modifica wikitesto]

Interesse italiano[modifica | modifica wikitesto]

L'Italia ha più volte indicato il P-8 Poseidon come il futuro aereo da pattugliamento marittimo per sostituire l'attuale Breguet Br.1150 Atlantic. A causa della mancanza di fondi il programma è stato più volte rinviato finché si è deciso di ordinare 4 ATR 72 in configurazione di pattugliatori marittimi con predisposizione per l'armamento anitisommergibile come soluzione interinale fino al 2020.

Versioni[modifica | modifica wikitesto]

Utilizzatori[modifica | modifica wikitesto]

Australia Australia
15x P-8A Poseidon ordinati.[4] All'aprile 2017 risultano consegnati 2 esemplari.[5]
India India
12x P-8I Poseidon di cui 8 già consegnati all'aprile 2017.[5]
Norvegia Norvegia
5x P-8A Poseidon ordinati, con consegne previste tra il 2022 e il 2023.[5][6][7]
Regno Unito Regno Unito
9x P-8A Poseidon[8]
Stati Uniti Stati Uniti
108x P-8A Poseidon in consegna dal 2014). Al giugno 2017 risultano consegnati 53 esemplari.[9]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ "P-8A Multi-mission Maritime Aircraft". United States Navy, 25 January 2007.
  2. ^ "P-8A Poseidon," Boeing, retrieved 6 July 2007.
  3. ^ Dal comunicato della Boeing ricaviamo che ha già effettuato il suo primo volo di prova.
  4. ^ "FIRST AUSTRALIAN P-8A ARRIVES IN-COUNTRY", su janes.com, 17 novembre 2016, URL consultato il 26 novembre 2016.
  5. ^ a b c "BOEING: CONTRATTO DI 2.2 MILIARDI DI DOLLARI PER I P-8A POSEIDON", su aviation-report.com, 4 aprile 2017, URL consultato il 7 aprile 2017.
  6. ^ "NORWAY TO BUY FIVE BOEING P-8A POSEIDON MARITIME PATROL PLANES", su aviation-report.com, 30 marzo 2017, URL consultato il 7 aprile 2017.
  7. ^ "NORWAY SIGNS FOR POSEIDON MMA", su janes.com, 30 marzo 2017, URL consultato il 8 aprile 2017.
  8. ^ Boeing signs £3bn deal for nine marine patrol planes, su BBC News. URL consultato l'11 luglio 2016.
  9. ^ "Boeing: Mega ordine per il P-8 Poseidon" - "Rivista Italiana Difesa" N.6 - 06/2017 - pag. 13

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]