Boeing KC-767

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Boeing KC-767
KC-767J.JPG
Uno dei quattro KC-767J giapponesi
Descrizione
TipoAerocisterna
Equipaggio2 piloti
1 Addetto al rifornimento
ProgettistaStati Uniti Boeing
Italia Alenia Aeronautica
CostruttoreStati Uniti Boeing
Data ordine9 luglio 2001 (KC-767A)
Data primo volo23 maggio 2005 (KC-767A)
Data entrata in servizio1º aprile 2009 (KC-767J)
Utilizzatore principaleItalia AMI
Giappone JASDF
Esemplari9
Sviluppato dalBoeing 767-200ER
Altre variantiBoeing KC-46 Pegasus
Dimensioni e pesi
Lunghezza48,51 m (159 ft 2 in)
Apertura alare47,57 m (156 ft 1 in)
Altezza15,85 m (52 ft 0 in)
Superficie alare283,30 (ft²)
Peso a vuoto84 260 kg
Peso max al decollo179 170 kg
Passeggerifino a 200 passeggeri
Capacità19 463L pallet
Capacità combustibile72 877 kg
Propulsione
Motore2 turboventole
General Electric CF6-80C2B6
Spinta268 kN ciascuno
Prestazioni
Velocità max0,86 Ma (ca. 915 km/h)
Velocità di crociera0,80 Ma (ca. 851 km/h)
Autonomia12 200 km
Tangenza12 200 m (40 100 ft)

[senza fonte]

voci di aerei militari presenti su Wikipedia

Il Boeing KC-767 è la versione tanker del modello civile 767-200ER (Extended Range), proposto dall'azienda statunitense Boeing per impieghi militari. Quattro esemplari sono stati ordinati dalla Aeronautica Militare italiana, quattro dalla Kōkū Jieitai o Japan Air Self-Defense Force (la forza aerea del Giappone) ed uno dalla Fuerza Aérea Colombiana.

Versioni[modifica | modifica wikitesto]

KC-767A
configurazione tanker/cargo studiata per l'Aeronautica Militare[1].

Per le missioni di trasporto il KC-767A può essere allestito in diverse configurazioni, rispettando però il limite di carico massimo di 25.000 chilogrammi:

  • nella configurazione passeggeri si possono caricare fino a 200 persone;
  • nella configurazione cargo si possono imbarcare 19 pallets militari standard Nato 463L più nove containers del tipo usato abitualmente per aerei civili nelle due stive inferiori;
  • nella configurazione combinata si possono imbarcare fino a 100 passeggeri e 10 pallets 463L, oltre a nove containers del tipo usato abitualmente per aerei civili nelle due stive inferiori.

Per le missioni di rifornimento in volo il KC-767A può imbarcare fino a 70 tonnellate di carburante ed è dotato di una stazione ventrale del tipo a sonda rigida e tre stazioni di rifornimento del tipo a sonda flessibile, una in posizione ventrale ed una ad ogni estremità alare.

I flussi massimi di trasferimento di carburante per le diverse stazioni sono:

  • fino a 900 galloni al minuto per la stazione a sonda rigida;
  • fino a 600 galloni al minuto per la stazione a sonda flessibile ventrale;
  • fino a 400 galloni al minuto per le stazioni a sonda flessibile di estremità alare.

Il KC-767A può a sua volta essere rifornito in volo tramite un sistema ad sonda rigida usando l'apposito ricettacolo dorsale ad un flusso massimo di 900 galloni al minuto.

KC-767J
designazione adottata dagli esemplari giapponesi della Kōkū Jieitai o Japan Air Self-Defense Force.

Utilizzatori[modifica | modifica wikitesto]

Colombia Colombia
Dal 2011 opera con un solo esemplare di KC-767.
reg FAC1202 • serial n. 24157 (9 luglio 2011)
Italia Italia
4x KC-767A ( il primo nel gennaio 2011, il secondo nel marzo 2011, mentre l'ultimo è stato consegnato il 20 gennaio 2012). Al maggio 2017 sono tutti operativi.[2]
KC-767A tanker/cargo dell'Aeronautica Militare
reg MM62229 • c/n 33689 • ln 952 (25 gennaio 2011)
reg MM62227 • c/n 33687 • ln 930 (11 marzo 2011)
reg MM62226 • c/n 33686 • ln 912 (10 novembre 2011)
reg MM62228 • c/n 33688 • ln 941 (20 gennaio 2012)

Nell'AMI il KC-767A è stato scelto per sostituire i Boeing 707T/T come Aereo da trasporto e Rifornimento in volo. Il reparto dell'AMI dedicato a queste missioni è l'8º Gruppo Volo del 14º Stormo di base all'Aeroporto di Pratica di Mare, presso Roma. Il 29 dicembre 2010 l'Aeronautica Militare ha formalmente accettato il primo dei quattro velivoli ordinati, mentre l'ultimo è diventato operativo il 16 marzo 2012. Il 17 maggio 2011 si è svolta la cerimonia di entrata in servizio presso l'hangar del 14º Stormo a Pratica di Mare.

Giappone Giappone
4x KC-767J (tutti già consegnati, il primo nel febbraio 2008, il secondo nel marzo 2008, il terzo nel marzo 2009 e il quarto nel gennaio 2010)
reg N763TT • c/n 33844 • ln 932 (19 febbraio 2008)
reg N768TT • c/n 33958 • ln 943 (5 marzo 2008)
reg 97-3603 • c/n 34433 • ln 963 (9 marzo 2009)
reg 07-3604 • c/n 35498 • ln 966 (12 gennaio 2010)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Il portale dell'Aeronautica Militare.
  2. ^ "UN TANKER ITALIANO" Archiviato il 24 settembre 2015 in Internet Archive., su boeingitaly.it, URL consultato il 1 maggio 2017.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]