Northrop Grumman E-8 Joint STARS

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Northrop Grumman E-8 Joint STARS
Usaf.e8.750pix.jpg
Un E-8 Joint STARS in volo
Descrizione
Tiposupporto tattico
Equipaggio22 (4 addetti al volo dell'aereo più 15 specialisti dell'USAF e 3 dell'United States Army per servizi di collegamento)
CostruttoreStati Uniti Northrop Grumman
Data entrata in servizio1997
Utilizzatore principaleStati Uniti USAF
Altri utilizzatoriStati Uniti Air National Guard
Esemplari17[1]
Costo unitario244 400 000 $
Sviluppato dalBoeing 707
Dimensioni e pesi
Lunghezza46,6 m
Apertura alare44,4 m
Altezza13 m
Peso max al decollo152 409 kg
Capacità combustibile70 306 kg
Propulsione
Motore4 Pratt & Whitney TF33-102C
Spinta7 166 kg ciascuno
Prestazioni
Velocità max945 km/h (510 kt)
Velocità di crociera723 km/h (390 kt)
Tangenza12 802 m

[2]

voci di aerei militari presenti su Wikipedia

L'E-8 Joint Surveillance Target Attack Radar System (Joint Stars o JSTARS), è un aereo in dotazione all'United States Air Force per svolgere il ruolo di piattaforma per il comando e controllo. È equipaggiato con sistemi in grado di individuare e seguire i movimenti dei veicoli a terra e alcuni aerei, raccogliere immagini e trasmettere presentazioni della situazione tattica a terra ai comandanti di teatro.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Tecnica[modifica | modifica wikitesto]

In questa foto è ben visibile l'antenna posta nella parte anteriore della fusoliera

L'E-8C (la versione definitiva dell'aereo con la denominazione Joint STARS) è praticamente un Boeing 707 modificato con le apparecchiature necessarie per compiere le missioni. La differenza che più si nota osservando l'E-8C, è l'antenna di 7,3 m posta sotto la parte anteriore della fusoliera.
I sistemi di bordo (radar e computer) possono individuare unità nemiche e trasmettere i dati in tempo reale all'United States Marine Corps o ad altre forze armate che si trovano a terra. In particolare l'antenna può scandagliare, con un raggio di 120° attorno a sé, una superficie di circa 50 000 km² riuscendo a localizzare bersagli fino a 250 km di distanza[2].

Queste caratteristiche rendono dunque l'aereo della Northrop Grumman Corporation ideale per missioni di peacekeeping.

Impiego[modifica | modifica wikitesto]

I primi E-8C vennero dispiegati nel 1991 in Iraq per supportare l'operazione Desert Storm e in Bosnia nel dicembre 1995 durante l'operazione Joint Endeavor, dove presero parte anche all'operazione Allied Force. L'aereo ha volato anche in Afghanistan nel corso di Enduring Freedom e nuovamente in Iraq, nel 2003, con l'operazione Iraqi Freedom[2].

Attualmente il 116th Air Control Wing dell'USAF controlla tutti i 17 E-8C, l'ultimo dei quali è stato consegnato il 23 marzo 2005[2].

Versioni[modifica | modifica wikitesto]

  • E-8A: versione originale
  • TE-8A: aereo da addestramento senza l'equipaggiamento base
  • E-8C: versione definitiva con la denominazione Joint STARS

Utilizzatori[modifica | modifica wikitesto]

Stati Uniti Stati Uniti
17 esemplari in servizio all'ottobre 2016.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b "Stati Uniti. SI pensa al dopo-JSTARS" - Aeronautica & Difesa" N. 360 - 10/2016 pag. 79
  2. ^ a b c d E-8C Joint Stars, su af.mil. URL consultato il 18 ottobre 2009.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]