Barbie e la magia di Pegaso

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Barbie e la magia di Pegaso
Barbie e la magia di Pegaso.png
Una scena del film
Titolo originaleBarbie and the Magic of Pegasus
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America, Canada
Anno2005
Durata85 min
Rapporto1,78:1
Genereanimazione, avventura, fantastico, sentimentale
RegiaGreg Richardson
SceneggiaturaCliff Ruby, Elana Lesser
ProduttoreLuke Carroll, Jesyca C. Durchin
Produttore esecutivoKim Dent Wilder, Rob Hudnut
Casa di produzioneMattel Entertainment, Mainframe Entertainment
Distribuzione in italianoUniversal Pictures
MontaggioLogan McPherson
MusicheArnie Roth
ScenografiaWalter P. Martishius
StoryboardJoel Carlson, Gerry Fournier, Steve Lumley
Doppiatori originali
Doppiatori italiani

Barbie e la magia di Pegaso (Barbie and the Magic of Pegasus) è un film d'animazione in computer grafica del 2005 diretto da Greg Richardson, e distribuito direttamente per il mercato home video. Si tratta inoltre dell'unico film di Barbie che può essere visto anche in 3D.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Annika è una bella e coraggiosa principessa che adora pattinare, tanto che spesso fugge di nascosto per poterlo fare, dato che i genitori le proibiscono di lasciare il castello. Il giorno del suo compleanno trova un cucciolo di orso polare che chiama Shiver e, tornata a casa, viene punita e rinchiusa in camera; nonostante ciò, la stessa sera Annika scappa per partecipare a una festa, che però viene interrotta dall'arrivo, in sella a un grifone, dello stregone Wenlock. Egli chiede ad Annika di sposarlo, ricevendo un rifiuto, allorché trasforma in statue di pietra sia i genitori di Annika, giunti là per fermarlo, che i sudditi del regno. All'improvviso compare un cavallo alato che aiuta Annika a fuggire, e nel mentre Wenlock l'avverte che, se non lo sposerà entro tre giorni, la sua famiglia e il suo popolo rimarranno pietrificati per sempre.

La ragazza giunge al castello del Regno delle Nuvole, dove la regina Rayla le rivela che il cavallo alato che l'ha salvata altri non è che sua sorella maggiore, la principessa Brietta, vittima di un incantesimo di Wenlock (il quale, anni prima, aveva provato a sposare anche lei); Annika capisce così che i suoi genitori erano sempre iperprotettivi con lei perché non volevano che facesse la stessa fine di Brietta. Le due sorelle decidono allora di unirsi per sconfiggere lo stregone grazie alla Bacchetta di Luce Magica, una bacchetta ancor più potente di quella di Wenlock; per costruirla servono tre parti: la Misura del Coraggio, l'Anello dell'Amore e una Gemma di Ghiaccio illuminata dalla Fiamma della Speranza.

Annika, Brietta e Shiver partono per la Foresta Proibita dove incontrano Aidan, un giovane che si mostra inizialmente riluttante nell'aiutarle. Annika viene catturata dal gigante Ollie, dal quale però riesce a scappare astutamente; ottiene così, attraverso un lungo nastro trasformato, la Misura del Coraggio. Dopo che Annika gli promette una lauta ricompensa in caso di aiuto, Aidan accetta e l'accompagna dall'ambiguo mercante Ferris, che in cambio delle indicazioni necessarie per trovare la Gemma di Ghiaccio illuminata dalla Fiamma della Speranza, si fa consegnare i pattini di Annika. Raggiunta una montagna e trovata la gemma, rimane solamente da trovare l'Anello dell'Amore. Aidan racconta ad Annika di aver sperperato tutti gli averi dei suoi genitori giocando a carte nella speranza di migliorare le loro condizioni di vita, e che per la vergogna se ne andò senza neanche rivederli: è stato grazie alle parole di Annika su una seconda occasione e sulla ricompensa che Aidan ha deciso di aiutarla, per tornare dalla sua famiglia. Non sapendo dove cercare l'Anello, Aidan pensa di fondere la propria spada, ma Brietta decide di sacrificare la sua corona, l'unica cosa che le permette di vedere il suo vero aspetto di essere umano: Annika ottiene dunque l'ultimo pezzo per costruire la Bacchetta di Luce Magica, con la quale spezza l'incantesimo su Brietta facendola finalmente tornare umana.

Annika, Brietta e Shiver partono per tornare a casa ma vengono attaccate da Wenlock, che le ha raggiunte dopo aver corrotto Ferris. Quando lo stregone ferisce Brietta, Annika usa contro di lui la Bacchetta, ma senza risultati perché essa non funziona se la si usa con rabbia, perciò Wenlock ne approfitta per sottrargliela facendole cadere addosso una valanga di neve; tuttavia la ragazza viene salvata da Aidan, che riporta tutte e tre al castello nel Regno delle Nuvole. Per recuperare la Bacchetta di Luce Magica, Annika decide subito di ripartire con il gruppo verso la dimora di Wenlock, un castello situato a picco sul mare; durante il tragitto vengono scoperti dal grifone di Wenlock, che fa cadere Aidan nel precipizio. Nel frattempo Annika riesce a trovare la Bacchetta di Luce Magica, ma purtroppo la Gemma, che nel frattempo si è allentata, cade nel precipizio. Sentendosi sconfitta, Annika non può far altro che aspettare il tramonto, ma proprio allora appare Aidan, sopravvissuto alla caduta, che le dà un'altra Gemma che aveva preso e che intendeva vendere per restituire il denaro alla sua famiglia.

Proprio in quel momento arriva Wenlock, che si riappropria della Bacchetta consegnandola ad una delle sue tre mogli (trasformate in troll perché da lui ritenute noiose) la quale, stanca di essere maltrattata, la restituisce ad Annika, che quindi riesce a sconfiggere Wenlock annullando tutti i suoi incantesimi. Il grifone di Wenlock torna ad essere un gatto, mentre lo stregone riottiene il suo vero aspetto, quello di un uomo povero; le sue mogli, tornate umane, si vendicano schiavizzandolo. Una volta tornata a casa, Annika viene accolta dai genitori e dal popolo, gioiosi per ritrovato anche Brietta; Annika accompagna Aidan a casa sua, dove il padre lo abbraccia dicendogli che lui e sua madre gli vorranno sempre bene, qualsiasi cosa accada. Annika e Aidan, che nel frattempo capiscono di essersi innamorati, si sposano, e Brietta consegna a Rayla la Bacchetta di Luce Magica.

(EN)

«There is always hope!»

(IT)

«C'è sempre speranza!»

(Barbie, dopo i titoli di coda)

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

La colonna sonora, diretta da Arnie Roth, è stata registrata dall'Orchestra Filarmonica Ceca e dalla Chamber Orchestra of Europe, e include due brani classici: la Sinfonia n.6 di Beethoven e Il mattino di Grieg.

La canzone pop Hope Has Wings è cantata in lingua originale da Brie Larson, mentre nella versione italiana (che s'intitola Vola via) è interpretata da Alexia.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Mattel: Alexia presenta a Milano "Barbie e la magia di Pegaso", su E-Duesse, 20 ottobre 2005. URL consultato il 12 maggio 2020.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]