ACMA Vespa 400

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
ACMA Vespa 400
Vespa 400 ita.jpg
Descrizione generale
Costruttore Italia  Piaggio
Tipo principale Berlina
Produzione dal 1957 al 1961
Esemplari prodotti circa 30000[1]
Altre caratteristiche
Dimensioni e massa
Lunghezza 2854 mm
Larghezza 1271 mm
Altezza 1250 mm
Passo 1693 mm
Massa 380 kg
Altro
Auto simili BMW Isetta
Glas Goggomobil
Zündapp Janus
ACMA Vespa 400 (1957-61) (26299183922).jpg

La ACMA "Vespa 400" è una microvettura progettata dalla Piaggio e costruita in Francia, da un'azienda consociata, la ACMA, dal 1957 al 1961.

Il contesto[modifica | modifica wikitesto]

La prima vetturetta costruita dalla Piaggio fu terminata nell'estate del '52 . Testata nella pista dello stabilimento il 25 settembre, questa macchina , rappresentava il primo, di quattro progetti che si sarebbero sviluppati tra il '52 e il '54. 

Scartato definitivamente il primo prototipo, la Casa operò contemporaneamente sui successivi esperimenti (siglati 2V, 3V e 4V) con l'intento di scegliere il progetto più meritevole da introdurre in serie. Il progetto 3V fu il più ponderato, tanto da essere stato il primo e forse l'unico, ad esser provato fuori dallo Stabilimento. 

La piccola vettura fu testata nelle notti comprese tra il 10 e 17 agosto del '53. La scelta di circolare con il prototipo nelle sole ore notturne, nasceva dalla volontà della Casa di mantenere segreto il suo impegno nel settore. 

Il capo del collaudo Cortopassi con a fianco il meccanico Gianfaldoni percorsero duecento chilometri a notte, sulle strade (sia asfaltate che sterrate), che da Pontedera, conducevano nella provincia senese.

La macchina munita di ruote da 10 pollici, era spinta da un motore a due tempi. Propulsore e cambio, gravavano sul treno anteriore. 

La tenuta di strada non buona , in parte causata dallo sterzo troppo sensibile e in parte dall'interasse eccessivamente corto rispetto alla carreggiata, portò ad accantonare anche questo progetto. 

Nel 1955 partì un nuovo studio siglato 4R che avrebbe dato lo sviluppo alla famosa Vespa 400. Un progetto, forse ispirato alla Mitzi, costruita dalla SIATA, presentata nella primavera del '54, rimasta però prototipo unico. Tuttavia nessun documento pervenuto trova riferimento di accordi tra le due case e nemmeno testimonianze di possibili plagi.

Lo sviluppo si avvalse di progettazione propria, merito in particolare degli ing. d'Ascanio e Doveri. Il primo esemplare Sperimentale, fu testato la prima volta il 17 dicembre '55, mentre il mese successivo, fu avviata la costruzione di un secondo esemplare migliorato. 

Nel frattempo, Piaggio incontrò Vittorio Valletta, presidente della Fiat (industria che proprio in quel periodo stava sviluppando la Nuova 500), che fece osservare come fosse commercialmente più conveniente non intralciarsi nel mercato a vicenda, quantomeno in territorio nazionale. 

Dopotutto lo stabilimento di Pontedera lavorava già a pieno regime, rimaneva quindi da giocare la carta di quello francese che, aperto quattro anni prima,poteva invece prestarsi ad ulteriori sviluppi. Piaggio decise così che la Vespa 400 sarebbe stata costruita nello stabilimento ACMA.

IL 18 giugno del '56 l'ing. d'Ascanio si recò così all'ACMA per consegnare a Carbonero, direttore dello stabilimento, i disegni e pianificare i cicli di costruzione della vettura . 

Nel frattempo a Pontedera la prima 4R veniva accantonata e il Reparto Sperimentale iniziava la costruzione di altri quattro esemplari, due destinati ai collaudi in Casa e due all'ACMA per le prove in Francia. Nella primavera successiva furono prodotti gli ultimi due, portando il numero complessivo di Vespa 400 costruite in Italia a sette. Le carrozzerie di queste come per i precedenti prototipi, erano interamente costruite a mano,sotto la super visione del capo reparto Loris Gianfaldoni. Furono prima costruiti i modelli in legno e in seguito, attraverso questi ottenuto le matrici in fusione per la ribattitura. Sopra queste ultime i lattonieri (Lanciotto Dini in particolare), con il solo martello coadiuvati sporadicamente da un piccolo maglio ricavarono le giuste forme. Il montaggio della macchina era poi seguito da altre figure (Francesco Deri e da Aleandro Bagnoli). 

Nel frattempo veniva avviata la catena di montaggio in Francia.

Pontedera tuttavia ,non perse però mai di vista il progetto, tanto da richiedere che nel corso dei quattro anni più esemplari per verificare le ulteriori migliorie apportabili. Un centinaio furono poi importati per essere venduti a concessionari Italiani e a funzionari della Casa. 

La Vespa 400 esposta al Museo Piaggio era l'esemplare personale dell'ing. Rinaldo Marsano nipote di Enrico Piaggio, ultimo direttore (nel '61 e '62) dello stabilimento francese.

Le linee di costruzione furono approntate a Fourchambault nello stabilimento della ACMA (Ateliers de Construction de Motocycles et Automobiles), una consociata francese della Piaggio, nata per effettuare il montaggio delle Vespa a due ruote con pezzi forniti dall'Italia[2].

Come già la SIMCA per la FIAT, la ACMA rappresentava l'escamotage della Piaggio per aggirare gli elevati costi doganali di allora. Enrico Piaggio decise di costruire la microvettura in Francia e di non importarla in Italia, al fine di evitare rapporti conflittuali con la FIAT.

Vespa 400 accessoriata Ardor

La vetturetta, cui si assegnò il nome di "Vespa 400", venne presentata al Salone dell'automobile di Parigi del 1957 dove ottenne un discreto successo e, in pochi mesi, la raccolta di circa 20.000 prenotazioni. Era, per la classe d'appartenenza, una minivettura confortevole ed elegante, mossa da un bicilindrico 2T che la rende particolarmente scattante.

Le minime misure d'ingombro, la facilità di guida, il riscaldamento montato di serie e il tetto apribile in tela, ne facevano un mezzo particolarmente gradito dalle signore della buona borghesia in vena di autonomia locomotoria. Le linee di montaggio sfornavano circa 30 vetture al giorno, con il proposito di arrivare ai 100 pezzi quotidiani.

Tuttavia, l'uscita sul mercato della vetturetta Piaggio si rivelò tardiva e l'avvento della Fiat 500 mise freno alle potenzialità di sviluppo della ACMA, che continuò la produzione a ritmo ridotto fino al 1961. Nelle varie versioni sono stati prodotti circa 31.000 esemplari della "Vespa 400"[1].

Le caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Essendo dotata di un motore a due tempi la vettura doveva essere alimentata con una miscela olio-benzina; per la preparazione della stessa sotto al cofano era sistemato un serbatoio per l'olio da 2,4 L con scala graduata e manovella. In base al quantitativo di benzina inserita nel serbatoio era necessario provvedere, girando la manovella, all'aggiunta del quantitativo di olio adatto.

Un'altra particolarità era il posizionamento della batteria situata anteriormente, sotto il vano bagagli ed estraibile aprendo uno sportello situato al centro della calandra[3].

Dati tecnici[modifica | modifica wikitesto]

Caratteristiche tecniche - ACMA Vespa 400
Vespa 400 Engine.jpg
Configurazione
Carrozzeria: berlina Posizione motore: posteriore Trazione: posteriore
Dimensioni e pesi
Ingombri (lungh.×largh.×alt. in mm): 2854 × 1271 × 1250 Diametro minimo sterzata: 3,85 m
Interasse: 1693 mm Carreggiate: anteriore 1.100 - posteriore 1.100 mm Altezza minima da terra:
Posti totali: 2+2 Bagagliaio: Serbatoio: 23 l
Masse a vuoto: 380 kg
Meccanica
Tipo motore: Bicilindrico in linea inclinati 20° 2 tempi, raffreddato ad aria. Rapporto di compressione: 6.4:1 Cilindrata: (alesaggio e corsa 63x63) 393 cm³
Distribuzione: Alimentazione: carburatore Solex 26
Prestazioni motore Potenza: 13 cv DIN a 4350 giri e 14 cv SAE a 4700 giri dal 1959 / Coppia: 2,6 mkg a 2.100 giri
Accensione: Impianto elettrico: a 12 volt
Frizione: monodisco a secco Cambio: 3 rapporti + retromarcia (a 4 marce solo nel modello GT del 1961)
Telaio
Sterzo a cremagliera
Freni anteriori: a tamburo da 170 mm / posteriori: a tamburo
Prestazioni dichiarate
Velocità: 85/90 km/h Accelerazione:
Consumi 16,5 km/lt (6.06 l / 100 km)
Fonte dei dati: [4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (FR) CARACTÉRISTIQUES DE LA VESPA 400, su ma-vespa-400.com. URL consultato il 18 giugno 2017.
  2. ^ (FR) JOURNAL DE TINTIN - N° 519 DE 1958, su ma-vespa-400.com. URL consultato il 18 giugno 2017.
  3. ^ (EN) 1960 Vespa 400, su web-cars.com. URL consultato il 18 giugno 2017.
  4. ^ (FR) Votre Vespa 400 (PDF), su ma-vespa-400.com. URL consultato il 18 giugno 2017.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Automobili Portale Automobili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobili