12º Gruppo caccia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
12º Gruppo caccia
CoA 12º Gruppo.png
Descrizione generale
Nazione Italia Italia
Italia Italia
Servizio RA-emblem.pngServizio Aeronautico
Lesser coat of arms of the Kingdom of Italy (1929-1943).svg Regia Aeronautica
Coat of arms of the Italian Air Force.svg Aeronautica Militare
Tipo Gruppo di volo
Ruolo Caccia intercettori
Equipaggiamento EF-2000 Typhoon
Parte di
Comandanti

[senza fonte]

Voci su forze aeree presenti su Wikipedia

Il 12º Gruppo caccia è un gruppo di volo che fa parte del 36º Stormo dell'Aeronautica Militare, la cui missione operativa è la difesa aerea dell'area di interesse nazionale e NATO, concorrendo al controllo, sin dal tempo di pace, dello spazio aereo relativo e, in concorso con le altre Forze Armate, partecipare alla difesa della nazione e delle acque nazionali, a salvaguardia da eventuali attacchi aerei, navali e terrestri.

La nascita[modifica | modifica wikitesto]

Il XII Gruppo aeroplani nasce il 10 maggio 1917 sull'aeroporto di Belluno. Ha partecipato alla prima guerra mondiale dotato di velivoli Savoia-Pomilio SP.2, SP3, SAML, Nieuport, SIA 7B E Caudron G.4. Dal 1934 al 1941 vi prestava servizio Duilio Fanali che vi ha comandato in periodi successivi la 155ª, la 165ª e la 160ª squadriglia.

Nella primavera del 1939 il Gruppo si trasferisce in Africa Settentrionale operando con velivoli Caproni Ca.310 e Ba.65, successivamente partecipa alle operazioni equipaggiato con velivoli Fiat G.50 e MC-200, svolgendo missioni d'allarme a difesa del porto di Tripoli e scorta ai trasporti aerei ed ai convogli. Dopo l'armistizio entra a far parte del 4º Stormo alle dipendenze del "Raggruppamento Caccia", con velivoli M.C.202.

La ricostituzione[modifica | modifica wikitesto]

Viene ricostituito il 1 settembre 1953, in seno al 4º Stormo, sull'aeroporto di Napoli-Capodichino, con velivoli de Havilland DH.100 Vampire. Il 16 giugno 1956 il Gruppo si trasferisce a Pratica di Mare transitando prima sui velivoli F-86E ed in seguito sugli F-86K. Il 10 marzo 1959 si sposta a Grosseto.

Il secondo dopoguerra[modifica | modifica wikitesto]

Il 24 settembre 1963 il XII arriva sulla base di Gioia del Colle come "Gruppo Autonomo", per poi costituire il 1 giugno 1966, insieme al 156º Gruppo, il 36º Stormo. Il 7 dicembre 1971 riceve il primo F-104 Starfighter. Dopo circa 24 anni di servizi d'allarme con lo "Starfighter", il XII Gruppo viene dotato, dal 5 luglio 1995, di velivoli Panavia Tornado ADV con cui partecipa nel 1999 all'Operazione Allied Force nei Balcani. Dal 2004 il Gruppo opera con velivoli MB-339CD.

Dall'1 ottobre 2007 il XII Gruppo è dotato del velivolo EF-2000 "Typhoon". Partecipa, nel 2010, all'operazione Unified Protector, fornisce il dispositivo di sorveglianza aerea in occasione di Grandi Eventi e prende parte ai rischieramenti in Islanda e Lituania in seno alle missioni di "Air Policing" sotto il comando NATO.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Lazzati, Stormi d'Italia

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]