XXVI Gruppo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
XXVI Gruppo
Descrizione generale
Attiva26 febbraio 1924
NazioneItalia Italia
ServizioLesser coat of arms of the Kingdom of Italy (1929-1943).svgRegia Aeronautica
TipoGruppo di volo
campo voloAeroporto di Ciampino
Gura (Eritrea)
Aeroporto di Assab
Aeroporto di Gondar
Aeroporto di Viterbo
Battaglie/guerreGuerra d'Etiopia
Seconda guerra mondiale
Parte di
Reparti dipendenti
Voci su unità militari presenti su Wikipedia

Il XXVI Gruppo era un gruppo di volo della Regia Aeronautica, attivo nell'9º Stormo.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Al 26 febbraio 1924 il XXVI Gruppo Bombardamento Notturno è all'Aeroporto di Ciampino nel 9º Stormo con la 11ª Squadriglia e la 13ª Squadriglia. Al 1º luglio 1926 è nell'8º Stormo all'Aeroporto di Ciampino Sud con la 11ª Squadriglia e la 13ª Squadriglia equipaggiate con i bombardieri Caproni Ca.73 nell'8º Stormo. Nel corso del 1929 il XXVI Gruppo venne convertito sui Caproni Ca.74.

Guerra d'Etiopia[modifica | modifica wikitesto]

L’ordine di partenza del XXVI Gruppo aeroplani da bombardamento è del 21 novembre 1935 nell'ambito della Guerra d'Etiopia. La partenza del reparto avviene da Napoli il 7 dicembre. La prima azione di guerra con gli S.M.81 è del 22 dicembre inquadrato nel 9º Stormo. Fanno parte del Gruppo:

  • 11ª Squadriglia;
  • 13ª Squadriglia.[1]

Il 26 dicembre nell'ambito dell'Offensiva etiope di Natale sgancia 12 bombe C500T all'Iprite a Meyda Merra.[2] Al 15 gennaio 1936 è a Gura (Eritrea).[3]

Africa Orientale Italiana[modifica | modifica wikitesto]

Al 3 agosto 1936 è all'Aeroporto di Assab nel Comando settore aeronautico est di Dire Daua nell'ambito dell'Africa Orientale Italiana.[3]

Seconda guerra mondiale[modifica | modifica wikitesto]

Al 10 giugno 1940 il 26º Gruppo è comandato dal Ten. Col. Italo Napoleoni all'Aeroporto di Viterbo con l'11ª e la 13ª Squadriglia con 7 Savoia-Marchetti S.M.79 ognuna nel 9º Stormo e nell'Aeronautica dell'Africa Orientale il 26º Gruppo Bombardieri Bis è all'Aeroporto di Gondar con l'11ª e la 13ª Squadriglia all'Aeroporto di Bahar Dar con 6 Caproni Ca.133 ognuna.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Fondo “Africa orientale italiana 1935-1938”, AM Ufficio Storico, pag. 102
  2. ^ L'aeronautica italiana: una storia del Novecento, Paolo Ferrari, pag. 329
  3. ^ a b Fondo “Africa orientale italiana 1935-1938”, AM Ufficio Storico, pag. 37

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Gentilli, Roberto, Guerra aerea sull’Etiopia 1935 – 1939, Firenze, EDA EDAI, 1992
  • Chris Dunning, Solo coraggio! La storia completa della Regia Aeronautica dal 1940 al 1943, Parma, Delta Editrice, 2000.
  • (EN) Chris Dunning, Combat Units od the Regia Aeronautica. Italia Air Force 1940-1943, Oxford, Oxford University Press, 1988, ISBN 1-871187-01-X.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]