Zayed bin Sultan Al Nahyan

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Zayd bin Sultan Al Nahyan nel 2003

Zayed bin Sultan Al Nahyan (Al Ain, 1 dicembre 1918Abu Dhabi, 2 novembre 2004) è stato un politico emiratino.

Originario degli Emirati Arabi Uniti, lo Shaykh Zayed bin Sultan Al Nahyan ne fu presidente dalla fondazione dell'Emirato nel 1971 fino alla morte.

Il suo patrimonio ammontava ad oltre 100 miliardi di dollari.

È padre di Mansur bin Zayd Al Nahyan, presidente onorario del Manchester City dal 2008, e di Khalifa bin Zayed Al Nahayan, attuale presidente degli Emirati Arabi Uniti.

Vita[modifica | modifica sorgente]

Zayed Bin Sultan Al Nahyan nacque il 1 dicembre 1918 ad Al Ain, circa 160 km a sud di Abu Dhabi. Era il più giovane di quattro figli. La sua educazione comprese, come solitamente avveniva a quei tempi, i principi della religione e la vita tradizionale dei beduini. Suo fratello Shakhbut, che guidò l'emirato di Abu Dhabi dal 1928, gli assegnò il ruolo di governatore della regione di Al-Ain. Grazie all'esportazione di petrolio iniziata nel 1962 cominciò il boom economico, il popolo però non lo percepì poiché Shakhbut non fece alcun investimento.

Nel 1966 divenne guida dell'emirato di Abu Dhabi sul quale la sua famiglia regna da centinaia di anni. Fu la famiglia di Zayed ad aiutarlo nel succedere il fratello alla guida dell'emirato. Nel 1971, con l'aiuto dell'emiro di Dubai, lo Shaykh Rāshid bin Saʿīd Āl Maktūm, tentò di formare uno Stato con l'unione dei sette emirati che attualmente compongono gli Emirati Arabi Uniti, oltre al Qatar e al Bahrain, senza però riuscire a fare aderire quest'ultimi al nascente Paese. Quando si individuò la capitale in Abu Dhabi, Zāyd bin Sultān divenne presidente del nuovo Stato. Da allora è sempre stato rieletto dal Supremo Concilio dei Regnanti, composto dai sovrani dei sette emirati, allo scadere di ogni mandato quinquennale.

Seppe creare un'entità statale prospera e basata sullo Stato sociale grazie al petrolio e a un imponente giro di affari. Utilizzò le rendite ricavate dal commercio del petrolio di Abu Dhabi per sostenere lo sviluppo degli altri emirati e di altri Paesi come la Bosnia, lo Yemen e il Libano.

Grazie agli enormi introiti proveniente dall'esportazione del petrolio, Zayed era considerato uno degli uomini più ricchi al mondo.

Zayed morì il 2 novembre 2004 dopo una lunga malattia, la causa della morte non fu mai pubblicata. Fu sepolto il 3 novembre nella Sheikh Zayed Grand Mosque, a quei tempi ancora in costruzione. Suo figlio Khalifa bin Zayed Al Nahayan gli successe e diventò sia l'Emiro di Abu Dhabi, sia il nuovo presidente degli Emirati Arabi Uniti.

Vita privata[modifica | modifica sorgente]

Ebbe ventisei figli con sei donne.[senza fonte]

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Onorificenze degli Emirati Arabi Uniti[modifica | modifica sorgente]

Gran Maestro dell'Ordine della Federazione - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine della Federazione
immagine del nastrino non ancora presente Gran Maestro dell'Ordine di Etihad

Onorificenze di Abu Dhabi[modifica | modifica sorgente]

Gran Maestro dell'Ordine di Al Nahyan - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine di Al Nahyan

Onorificenze straniere[modifica | modifica sorgente]

Commendatore di Gran Croce dell'Ordine della Rosa Bianca (Finlandia) - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore di Gran Croce dell'Ordine della Rosa Bianca (Finlandia)
Collare dell'Ordine della Stella di Romania (Romania) - nastrino per uniforme ordinaria Collare dell'Ordine della Stella di Romania (Romania)
— 2002
Collare dell'Ordine di Isabella la Cattolica (Spagna) - nastrino per uniforme ordinaria Collare dell'Ordine di Isabella la Cattolica (Spagna)
— 4 dicembre 1981[1]
Gran Croce dell'Ordine della Buona Speranza (Sudafrica) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Croce dell'Ordine della Buona Speranza (Sudafrica)
— 1995[2]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Bollettino Ufficiale di Stato
  2. ^ 1995 National Orders awards

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 64818248

Predecessore Presidente degli Emirati Arabi Uniti Successore Flag of the President of the United Arab Emirates (1973-2008).png
Nessuno 2 dicembre 1971 - 2 novembre 2004 Khalifa bin Zayed
Predecessore Emiro di Abu Dhabi Successore Flag of Abu Dhabi.svg
Shakhbut bin Sultan Al Nahyan 6 agosto 1966 - 2 novembre 2004 Khalifa bin Zayed
biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie