The National (Abu Dhabi)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
The National
Stato Emirati Arabi Uniti Emirati Arabi Uniti
Lingua inglese
Periodicità quotidiano
Genere stampa nazionale
Formato Broadsheet a 7 colonne
Fondatore Martin Newland
Fondazione 17 aprile 2008
Sede Abu Dhabi
Editore Mubadala Development Company
Tiratura 1.044.728 (luglio 2012)
Diffusione cartacea 981.967 (luglio 2012)
Direttore Hassan Fattah
Redattore capo Laura Koot
Distribuzione
cartacea
Edizione cartacea singola copia/
abbonamento
Sito web TheNational.ae
 

Il The National è un quotidiano di proprietà del governo in lingua inglese pubblicato a Abu Dhabi. L'editore in capo dall'8 giugno 2009 è stato Hassan Fattah[1]. Prima di questo, e dal lancio del giornale (17 aprile 2008) Martin Newland è stato redattore capo. Abu Dhabi Media, la società statale dei media, gestisce il giornale insieme con una scuderia di altre pubblicazioni, tra cui Al Ittihad, Zahrat Al Khaleej, Majed, e National Geographic Al Arabiya (in collaborazione con National Geographic). La carta, un quotidiano in lingua inglese con sede ad Abu Dhabi, ha pubblicato il suo primo numero il 17 aprile, sotto stretto controllo del Medio Oriente e all'estero. Con il suo impegno possa emulare gli standard giornali occidentali e per "aiutare la società si evolvono," Le rivendicazioni nazionali da un'anomalia in Medio Oriente, dove la maggior parte dei media sono strettamente controllati dal governo - ma ci sono stati diversi dimissioni di alto livello in tutta la redazione per quanto riguarda le storie a spillo e impotenza del giornale quando coprono le storie di Abu Dhabi. Il lavoro è organizzato in quattro sezioni giornaliere (News, Business, Sport e Arte e Vita) con rotazione settimanali, tra cui UltraTravel e un titolo nuovo lusso.

Il National costruito le sue livelli di personale fino a 200 proveniente dai giornali di tutto il mondo, tra cui il Wall Street Journal, il New York Times e il Daily Telegraph di Gran Bretagna. Martin Newland è stato redattore del Daily Telegraph 2.003-2.005, e portò con sé molti ex dipendenti Telegraph, in particolare Colin Randall (ex redattore esecutivo Telegraph notizie), Sue Ryan (ex caporedattore) e senior fotografo Stephen Lock (che ha coperto notizie nazionali ed esteri e il circuito internazionale della moda per 20 anni sul Daily Telegraph).[2]

Anche se ci sono stati cambiamenti nella redazione nel corso degli ultimi anni, principalmente a causa di ristrutturazione expat zangola e limitato, i livelli di personale rimangono a 200. I tagli sono un riflesso dell'incapacità della carta di generare reddito sufficiente attraverso la pubblicità e gli abbonamenti. In precedenza, nel 2012 si separarono con il loro direttore vendite e le responsabili delle vendite di tutti i film editoriali sono state fuse in un unico team. Nonostante gli elevati livelli di marketing in tutto il paese la carta lottato per 10.000 sottoscrizioni dopo il lancio e si ritiene che i livelli di sottoscrizione attuali sono circa 7.500, ma il titolo non è sottoposto a revisione contabile non sono disponibili informazioni attendibili a sostegno di questo. Il documento copre argomenti come notizie locali e internazionali, economia, sport, arti e la vita, di viaggio e l'automobilismo. Il gruppo target della carta può essere descritto come colto, benestante, in giro, imprenditori, decisori e influenzatori chiave e avvoltoi e viaggiatori (culturali).[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Martin Newland To Spearhead Brand Expansion Plans The National. URL consultato il 22 Settembre 2009.
  2. ^ Stephen Brook, Mail showbiz reporter off to Abu Dhabi in The Guardian (Londra), 6 febbraio 2008. URL consultato il 5 settembre 2010.
  3. ^ UAE, Publicitas. URL consultato l'8 giugno 2012.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Editoria Portale Editoria: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Editoria