Uruz

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Uruz
Nome Proto-germanico Antico inglese Antico norreno
*Ûruz/Ûram Ur; Yr Úr
Significato uro/acqua uro; ? scarto/pioggia
Forma Fuþark antico Fuþorc Fuþark recente
Runic letter uruz.png Runic letter uruz.png Futhorc Yr.png Runic letter uruz.png
Unicode
U+16A2
ᚢ ᚣ
U+16A2, U+16A3

U+16A2
Traslitterazione u u; y u
Trascrizione u u; y u, y, o, v/w
IPA [u(ː)] [u(ː)]; [y(ː)] [u(ː)], [y(ː)], [ɔ(ː)], [w]
Ordine alfab. 2 2; 27 2

*Ūruz (che significa "uro"), o *Ûram ("acqua"), è il nome proto-germanico ricostruito della runa del Fuþark antico u (carattere Unicode ᚢ)[1]. Può essere derivata dalla lettera u dell'alfabeto retico, simile ad essa in forma e valore fonetico; il nome della lettera corrispondente nell'alfabeto gotico è urus.

Questa runa si ritrova anche nel Fuþorc anglosassone e frisone con il nome di Ur; ad essa simile è la runa Yr, di significato sconosciuto e di valore fonetico y (carattere Unicode ᚣ). Inoltre compare anche nel Fuþark recente con il nome di Úr (che significa "scarto" oppure "pioggia").

Poemi runici[modifica | modifica wikitesto]

Tale runa è nominata in tutti e tre i poemi runici (opere che forniscono una spiegazione poetica per ogni runa dell'alfabeto), ed è chiamata in tutti Ur o Úr, sebbene di volta in volta con significati differenti a seconda della lingua del poema:

Poema runico:[2] Traduzione:

Antico norvegese
ᚢ Úr er af illu jarne;
opt løypr ræinn á hjarne.


Scarto viene dall'acciaio cattivo;
la renna spesso corre sulla neve gelata.

Antico islandese
ᚢ Úr er skýja grátr
ok skára þverrir
ok hirðis hatr.
umbre vísi


La pioggia è il lamento delle nubi
e la rovina del raccolto di fieno
e l'odio del pastore.

Antico inglese
ᚢ Ur byþ anmod ond oferhyrned,
felafrecne deor, feohteþ mid hornum
mære morstapa; þæt is modig wuht.


L'uro è fiero ed ha grandi corna;
è una bestia assai selvaggia e combatte con le sue corna;
grande vagabondo della brughiera, è una creatura di grande coraggio.

La parola islandese per "pioggia" e quella antico inglese per "uro" si riconducono a due diverse parole proto-germaniche, ûruz e ûram (anche se è possibile che discendano dalla stessa radice). La parola norvegese per "scarto" è più oscura, ma potrebbe essere un termine tecnico dell'età del ferro derivato dalla parola "acqua" (come nel Kalevala, dove l'acciaio è paragonato al latte).

A causa di ciò è difficile ricostruire il nome proto-germanico della runa del Fuþark antico, che può essere stato ûruz ("uro", con riferimento alla venerazione del toro) o ûram ("acqua"): l'uro è preferito dagli autori dei sistemi moderni di divinazione runica, ma entrambi sembrano possibili se si considerano i nomi delle altre rune: "acqua" è collegato a "grandine" e "lago", mentre "uro" a "cavallo" ed "alce" (sebbene quest'ultimo sia anch'esso incerto); l'alfabeto gotico sembra tuttavia supportare "uro", poiché il nome della runa 𐌿 è urus.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Page, R. I. (2005), Runes, pagina 15; The British Museum Press. ISBN 0-7141-8065-3.
  2. ^ Poemi originali e traduzioni inglesi sono presenti qui.