Umberto Napolitano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Umberto Napolitano
Nazionalità Italia Italia
Genere Musica leggera
Periodo di attività 1964 – in attività
Etichetta Vedette, Jolly, RCA Talent, RCA Milano, Durium, Warner Bros Records, Why Records
Album pubblicati 4
Studio 4
Raccolte 1

Umberto Napolitano (Brescia, 25 maggio 1947) è un cantautore italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nato a Brescia nel 1947, si trasferisce con la famiglia a Torino, dove inizia a studiare musica con il maestro Adriano De Grandis; nel frattempo inizia a comporre le prime canzoni, e fa il suo debutto come cantante nel primo cabaret di Milano, il vecchio Nebbia Club di Franco Nebbia, a metà degli anni '60.

Ottenuto un contratto con la Vedette, dopo un primo 45 giri pubblicato nel 1964 con un brano scritto da Gian Pieretti, la sua vera carriera di cantautore inizia nel 1966 con la canzone di protesta Chitarre contro la guerra, incisa anche da Carmen Villani; l'anno seguente partecipa al Festival di Sanremo come autore, con Il cammino di ogni speranza, proposta da Caterina Caselli e Sonny & Cher, e ad Un disco per l'estate come interprete di Gioventù, che ottiene anch'essa un buon successo di vendite.

Nel 1969, con A Laura, è finalista del programma televisivo Settevoci, presentato da Pippo Baudo.

Le prime incisioni le realizza usando il solo nome di battesimo, Umberto.

Negli anni seguenti si dedica soprattutto alla carriera di autore: ricordiamo Senza discutere per I Nomadi e Meglio libera per Loredana Berté.

Riprende a metà anni settanta l'attività di cantante, e partecipa alla Mostra Internazionale di Musica Leggera nel 1976 con Oggi settembre 26, e al Festival di Sanremo tre volte: nel 1977 con Con te ci sto, nel 1979 con Bimba mia e nel 1981 con Mille volte ti amo.

Con Amiamoci partecipa al Festivalbar 1978.

Il suo maggior successo di vendite si ha nel 1977 con Come ti chiami, canzone trasmessa spesso dalle radio libere, che era impostato con un dialogo fra il cantante ed una ragazza (Come ti chiami? - Antonella - Che bel nome, io Paolo); a volte scherzosamente il disco veniva trasmesso a velocità 33 giri invece di 45, ed il dialogo si trasformava in maniera divertente. La canzone è stata ripresa nel 2007 dallo zoo di 105.

Dal 1982 al 1989 ci fu un rallentamento dell’attività artistica. Nel 1989 uscì l'album Al mio caro pianeta terra... dieci piccole grandi storie, inciso per l'etichetta Nar. Nel 1998 è uscita una sua raccolta di successi reinterpretati, pubblicato dalla DvMore. Il suo album di maggior successo è stato Giro di do - Una canzone d'amore per ogni innamorato, del 1977.

Nel 2012 Umberto Napolitano torna alla ribalta dopo ben 22 anni di assenza dal mondo musicale. Per questo importante avvenimento, pur avendo ricevuto inviti da ogni parte, anche dalla Rai, Unberto sceglie di riproporsi attraverso il programma musicale "MilleVoci" di Gianni Turco, con il nuovo brano dal titolo "Volerò".

" Volerò ” è il titolo del brano col quale si ripresenta, un brano dedicato a valori che si sono persi nel tempo, specialmente in tutti quei giovani “ di un’isola e di un giorno “ ( la famosa Isola di Wight di una canzone ) che sognavano di cambiare il mondo e che ora questo mondo guidano con molti scheletri nell’armadio, dimentichi di tante buone intenzioni.

“ Volerò “ è un invito a guardarsi dentro, a ritrovare quelle speranze e quei valori capendo ” la differenza tra chi ama e … un’anima senza “.

A settembre del 2014 esce la Compilation "Una Canzone per Papa Francesco", che contiene il brano "Il Papa dell'Umiltà" di Umberto Napolitano.

Il 18 ottobre 2014 si esibirà a “Live at Moon Theater” di Londra.

Principali canzoni scritte da Umberto Napolitano per altri artisti[modifica | modifica sorgente]

Anno Titolo Autori del testo Autori della musica Interpreti
1966 Le pigne in testa Umberto Napolitano Umberto Napolitano Gli Scooters
1967 Dove sei Umberto Napolitano Umberto Napolitano I Gemelli
1967 Ho paura Herbert Pagani Umberto Napolitano Roberta Mazzoni
1967 Il cammino di ogni speranza Umberto Napolitano e Vito Pallavicini Umberto Napolitano e Valerio Vancheri Caterina Caselli e Sonny & Cher
1968 Mi sentivo strano Umberto Napolitano Ricky Gianco Quelli
1968 I miei pensieri Umberto Napolitano e Gian Pieretti Ricky Gianco Ricky Gianco
1968 Il raffreddore Sergio Bardotti Umberto Napolitano Rita Pavone
1970 Una lacrima d'amore Umberto Napolitano Umberto Napolitano Robert Mondo
1970 Ahi ahi ragazzo! Umberto Napolitano e Franco Migliacci Umberto Napolitano e Mario Vicari Rita Pavone e Valeria Mongardini
1971 Le piccole domande dell'amore Mogol Umberto Napolitano Rossano
1972 Ma chi è che cos'è Gilberto Ziglioli Umberto Napolitano e Franco Cassano Dori Ghezzi
1972 Vicolo di campagna Umberto Napolitano e Gilberto Ziglioli Umberto Napolitano e Franco Cassano Franco I
1973 Amore amore immenso Umberto Napolitano Umberto Napolitano e Gilberto Ziglioli Gilda Giuliani
1975 Senza discutere Alberto Salerno Umberto Napolitano e Guido Maria Ferilli Nomadi
1976 Meglio libera Daniele Pace e Oscar Avogadro Umberto Napolitano e Mario Tessuto Loredana Berté
1976 No, no, no Paolo Limiti Umberto Napolitano Sabina Ciuffini
1978 Non piange Ringo Starr Paolo Limiti Umberto Napolitano I Nuovi Angeli
1994 Baciamoci Cristiano Minellono Umberto Napolitano Ricchi e Poveri
2012 Volerò Umberto Napolitano Umberto Napolitano Umberto Napolitano

Discografia[modifica | modifica sorgente]

33 giri[modifica | modifica sorgente]

45 giri[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Umberto Napolitano - Sito Ufficiale

Rete Cattolica - Sito Ufficiale