Sonny Bono

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sonny Bono
Sonny Bono.jpg

Deputato, California
Durata mandato 3 gennaio 1995 - 5 gennaio 1998
Predecessore Al McCandless
Successore Mary Bono Mack

16° Sindaco di Palm Springs, California
Durata mandato 1988 - 1992
Predecessore Frank Bogert
Successore Lloyd Maryanov

Dati generali
Partito politico Repubblicano
Tendenza politica Centrista
Liberista
Professione Cantante

Sonny Bono, all'anagrafe Salvatore Phillip Bono, (Detroit, 16 febbraio 1935South Lake Tahoe, 5 gennaio 1998), è stato un cantante e politico statunitense.

Esordi[modifica | modifica sorgente]

Nato a Detroit (Michigan) da Jean e Santo Bono, entrambi di origine siciliana, all'età di sette anni si trasferì con la famiglia a Los Angeles.

Dotato di uno spiccato talento musicale, a sedici anni compose Koko Joe, poi ripresa dai Righteous Brothers. Anche se doveva lavorare come autista per una macelleria per sbarcare il lunario, Sonny iniziò la sua carriera musicale proponendosi come autore di canzoni per la casa discografica Specialty Records, scrivendo per Sam Cooke la canzone Things You Do to Me e per Larry Williams High School Dance.

Agli inizi degli anni sessanta lavorò come musicista e promotore di talenti alla Philles Records, etichetta del produttore discografico Phil Spector. Nello stesso periodo incise alcune canzoni come solista ottenendo un certo successo. Tra queste Needles and Pins, Laugh At Me e The Revolution Kind, ripresa in italiano dai Nomadi col titolo Come potete giudicar.

Sonny e Cher[modifica | modifica sorgente]

Nel 1964, durante alcune sessioni di registrazione delle Ronettes, Bono conobbe la giovanissima cantante Cherylin Sarkisian, in arte Cher, con cui iniziò una relazione affettiva e professionale creando il duo "Caesar and Cleo" (Cesare e Cleopatra), in seguito noto semplicemente come Sonny & Cher.

Bono scrisse, arrangiò e produsse numerose canzoni di successo come I Got You Babe, Bang Bang (nota in Italia anche nella versione dell'Equipe 84, di Dalida e di Mina), e The Beat Goes On, mentre Cher riceveva ottime critiche musicali. Sonny e Cher presentarono insieme anche un famoso varietà intitolato The Sonny & Cher Comedy Hour, andato in onda sulla CBS dal 1971 al 1977.

Vita privata[modifica | modifica sorgente]

Sonny Bono è stato sposato diverse volte, la prima nel 1954 con Donna Rankin, da cui nel 1958 ebbe una figlia (Christine, detta "Christy"). Il matrimonio finì nel 1962. Nel 1964 sposò Cher, dal cui matrimonio nacque nel 1969 la figlia Chastity. I due artisti divorziarono nel 1975, con lei lanciata verso una promettente carriera di attrice cinematografica, mentre i successi di lui andavano diradandosi. Nel 1982 Sonny aprì un ristorante in West Hollywood e si sposò ancora con Susie Coelho, da cui divorziò nel 1984. Nel 1986 si sposò per la quarta ed ultima volta con Mary Whitaker, dal cui matrimonio nacquero nel 1988 il figlio Chesare Elan e nel 1991 la figlia Chianna Marie.

La politica[modifica | modifica sorgente]

Sonny Bono approdò alla politica in un modo quasi casuale: desiderando aprire un secondo ristorante nella cittadina californiana di Palm Springs, si scontrò con la complicata burocrazia locale che ostacolava l'apertura di nuove attività commerciali. Per ripicca decise quindi di candidarsi alle elezioni comunali, e grazie alla sua popolarità nel 1988 venne eletto sindaco. Durante il suo mandato si adoperò per rendere la città più business-friendly, e favorì l'istituzione del Festival Internazionale del Cinema di Palm Springs, che oggi porta il suo nome.

Nel 1992 si candidò al Congresso per il Partito Repubblicano, ma venne sconfitto dalla democratica Barbara Boxer. Ricandidatosi nel 1994 venne eletto deputato per il 44º collegio elettorale della California.

Nel corso del suo mandato parlamentare fu primo firmatario di un disegno di legge per l'estensione dei termini di scadenza del diritto d'autore. Pur non riuscendo a farlo approvare dal Senato durante la legislatura, un altro progetto di legge molto simile venne approvato dal Congresso dopo la sua morte, ed è noto ancora oggi come "legge Sonny Bono sull'estensione del diritto d'autore".

Sonny Bono si fece anche promotore di una campagna ambientale per la salvaguardia del Lago Salton, ed appare nel documentario Plagues & Pleasures on the Salton Sea girato da John Waters nel 2005 sulla vita delle collettività prossime al lago, con un'intervista filmata anni prima.

Inoltre Bono è stato anche tra i primi parlamentari americani ad occuparsi di terrorismo in qualità di membro della Task Force sull’eversione e le armi non convenzionali.

La scomparsa[modifica | modifica sorgente]

La lapide di Sonny Bono al Desert Memorial Park di Cathedral City.

Il 5 gennaio del 1998, mentre sciava sulle piste nei pressi del Lago Tahoe al confine tra California e Nevada, Sonny andò a sbattere violentemente contro un albero, morendo per le ferite riportate. Per quanto la sua morte venisse definita come dovuta a cause accidentali dalle autorità inquirenti, il fatto che pochi giorni prima Michael Kennedy fosse morto ad Aspen in un incidente dalla dinamica pressoché identica diede luogo a congetture su un possibile complotto per assassinare o intimidire politici statunitensi. La vedova Mary venne eletta al suo seggio in parlamento fino al termine del mandato, e l'ex moglie Cher lesse l'orazione funebre alle esequie, e gli dedicò l'album Believe. La sua tomba si trova al Desert Memorial Park di Cathedral City.

Cinema e televisione[modifica | modifica sorgente]

Sonny Bono è apparso in ruoli minori in episodi di serie TV americane quali Fantasilandia, Palm Springs, operazione amore e Love Boat, in coppia con Cher nell'episodio "Il segreto dell'Isola degli Squali" della serie TV animata The New Scooby-Doo Movies nonché come guest star in un episodio della terza stagione de L'uomo da sei milioni di dollari. È apparso anche in diversi film degli anni settanta e ottanta, tra cui L'aereo più pazzo del mondo... sempre più pazzo (1982) e Grasso è bello (1988).

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 211370 LCCN: n91031405