Tulipa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Tulipano
Tulip - floriade canberra.jpg
Tulipa liniifolia
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classe Liliopsida
Ordine Liliales
Famiglia Liliaceae
Genere Tulipa
Specie

Tulipa è un genere delle Liliaceae originario della Turchia e suo simbolo nazionale floreale.[1] Comprende specie bulbose alte 10–50 cm, tra cui alcune spontanee in Italia note col nome comune di tulipano.

Il nome deriva dal turco «tullband», che significa copricapo, turbante, per la forma che il fiore sembra rappresentare. Questo fiore ebbe una grande popolarità in Turchia nel XVI secolo durante il regno di Solimano il Magnifico, che lo volle sviluppare in numerose varietà ed impiantare ovunque.

Fu portato per la prima volta in Europa nel 1554 dal fiammingo Ogier Ghislain de Busbecq, ambasciatore di Ferdinando I alla corte di Solimano il Magnifico, che ne spedì alcuni bulbi al botanico Carolus Clusius, responsabile dei giardini reali olandesi. Clusius trovò un modo per sviluppare molte varietà di tulipani, nei più svariati colori e forme. La sua coltivazione nei Paesi Bassi iniziò all'incirca a partire dal 1593. I tulipani divennero rapidamente una merce di lusso e uno status symbol, non solo per il loro valore decorativo, ma anche per il valore gastronomico, e crebbero rapidamente di prezzo. Si contrattavano in casa del mercante Jacob van der Buerse (da cui prese il nome la Borsa), generando tra il 1634-37 la prima bolla speculativa documentata della storia del capitalismo, la famosa bolla dei tulipani, che scoppiò il 5 febbraio 1637.

Tra le numerose varietà si ricordano il Tulipa oculus-solis St.-Am., il Tulipa australis e il Tulipa sylvestris L.; tra le specie utilizzate come piante ornamentali si ricordano il Tulipa fosteriana Hort., il Tulipa greigii Regel, il Tulipa lanata Regel e il Tulipa kaufmanniana Regel, tutte originarie della Turchia e Kazakistan.

Tulipani in fiore

I floricoltori olandesi - in Europa i maggiori produttori e commercializzatori di bulbi di tulipano - hanno proposto da tempo una classificazione commerciale dei tulipani in base alla forma e colore dei fiori, riportata di seguito, per raggruppare le innumerevoli forme e cultivar:

  • Duca di Tholl: sono i tulipani più precoci, cultivar derivate dal Tulipa suaveolens Roth, suddivisi in:
    • Semplici precoci: a fiori unicolori, sfumati o bicolori
    • Doppi precoci: a fiori unicolori, sfumati o bicolori
    • Doppi tardivi: a fiori unicolori, sfumati o bicolori
  • Darwin: i più pregiati per la produzione del fiore reciso e la decorazione di giardini, con fiori grandi unicolori o sfumati
  • Breeder: con fiori grandi con una notevole fusione e combinazione dei colori porpora, bronzeo, arancio, giallo, camoscio
  • Cottage: per la produzione del fiore reciso, e la decorazione di prati e bordure
  • Trionfo: incrocio tra i "Semplici precoci" e i "Darwin", adatti alla forzatura, per il fiore reciso e i giardini
  • A fiore di Giglio: originati dall'incrocio tra un "Darwin" e il "Tulipa retroflexa" hanno i fiori con i petali appuntiti nella parte apicale, con un aspetto simile ai fiori di giglio
  • Mendel: derivati dall'incrocio tra i "Darwin" e i "Duca di Tholl", sono quasi precoci come i secondi e rustici come i primi
  • Rembrandt: a fiori striati e macchiati, per giardini
  • Dragoni o Pappagalli: con fiori dai tepali frangiati, striati e macchiati
  • Bizzarri: simili ai "Dragoni" coltivati per le forme curiose

Uso[modifica | modifica wikitesto]

Per decorare parchi, giardini, aiuole, prati, per la produzione industriale del fiore reciso, in vaso sui terrazzi o negli appartamenti per la forzatura invernale

Un ibrido arancione varietà "Darwin" e a destra un "Dragone" rosso
Tulipani fioriti
Campo di tulipani a Keukenhof (Olanda)

Metodi di coltivazione[modifica | modifica wikitesto]

Richiede terreni sabbiosi, profondi, freschi ma senza ristagno, irrigui, concimazioni con letame ben maturo, o con soluzioni di nitrato prima e dopo la fioritura, irrigazioni durante la stagione vegetativa.

Si moltiplica con i bulbilli che si formano alla base del girello, per ottenere bulbi di qualità dopo la fioritura lasciare alla pianta tutte le foglie eliminando solo i fiori, ed estraendo i bulbi dal terreno appena le foglie ingialliscono.

Avversità[modifica | modifica wikitesto]

Interno di un tulipano
  • Insetti:
    • Maggiolino gli adulti del coleottero Melolontha melolontha L. rodono le tenere foglie, mentre le larve rodono le parti molli dei bulbi e delle radici
    • Mosca del Narciso le larve del dittero Lampetia equestris F. penetrano nei bulbi divorandoli
  • Acaro del bulbo il microscopico acaro biancastro Rhizoglyphus echinopus Fum. et Robin. provoca erosioni nei tessuti del bulbo, aprendo la strada ad infezioni fungine o batteriche
  • Millepiedi i miriapodi del genere Julus e il Blanjulus guttulatus causano lesioni alle radici tenere e carnose, ai bulbi e alle parti epigee
  • Funghi:
    • Fusariosi l'attacco del genere Fusarium provoca un marciume molle e biancastro alla base dei bulbi che interessa rapidamente anche i bulbilli e le radici, con rapido deperimento dall'alto in basso delle foglie
    • Marciume basale l'attacco di Phytophthora cryptogea Petiyb. et Laff. e di Phytophthora erythroseptica Petiyb. , provoca il marciume del colletto e della parte basale dello stelo
    • Marciume grigio l'attacco di Sclerotium tuliparum provoca nei bulbi un marciume grigiastro, che lo distrugge rapidamente
    • Marciume radicale l'attacco di Phythium sp. favorito da eccesso di umidità provoca il disfacimento umido dei bulbi
    • Muffa grigia i fiori e le foglie colpite da Botrytis tulipae (Lib.) Lind. prima ingialliscono poi appassiscono ricoprendosi di muffa prima biancastra e successivamente grigiastra, con la presenza di piccoli sclerozi nerastri
    • Muffa verde funghi del genere Penicillium, provocano marciumi nei bulbi conservati in magazzini, caldo-umidi e non arieggiati
    • Ruggine le foglie attaccate da Puccinia prostii presentano pustole giallo brunastre, circondate da un alone clorotico
  • Rottura di colore l'attacco virale provoca maculature e striature sui petali, che mostrano bordi frastagliati

Specie[modifica | modifica wikitesto]

Il genere Tulipa comprende le seguenti specie:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sito ufficiale del turismo turco: logo con tulipano

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Mike Dash, Tulipomania: The Story of the World's Most Coveted Flower & the Extraordinary Passions It Aroused, New York, Three Rivers Press, 2000.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica