The Slim Shady LP

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
The Slim Shady LP

Artista Eminem
Tipo album Studio
Pubblicazione 23 febbraio 1999
Durata 59 min : 36 s
Dischi 1
Tracce 20
Genere Midwest rap
Hardcore rap
Horrorcore
Comedy rap
Dirty rap
Musica demenziale
Etichetta Interscope Records
Aftermath Entertainment
Produttore Dr. Dre
Bass Brothers
Mel-Man
Certificazioni
Dischi d'oro 1
Dischi di platino 4
Eminem - cronologia
Album precedente
(1997)
Album successivo
(2000)
Singoli
  1. My Name Is
    Pubblicato: 25 gennaio 1999
  2. Role Model
    Pubblicato: 26 maggio 1999
  3. Guilty Conscience
    Pubblicato: 8 giugno 1999

The Slim Shady LP è il secondo album in studio (contando il demo Infinite) del rapper americano Eminem, pubblicato il 23 febbraio 1999. È il suo debutto commerciale, e fu pubblicato sotto l'etichetta Aftermath Entertainment di Dr. Dre e sotto Web Records. L'album fu accolto con successo sia dai critici che dal pubblico, debuttando alla seconda posizione della Billboard 200 con vendite di 283.000 copie nella prima settimana di pubblicazione. L'album è stato certificato quattro volte come disco di platino dalla RIAA ed ha venduto più di cinque milioni di copie negli Stati Uniti. Just don't Give a Fuck fu il primo ed unico singolo underground estratto dal disco, mentre My Name Is fu il primo e vero singolo ad aver successo in tutto il mondo. L'album fu premiato con il Grammy Award per il miglior album rap. Nel 2003, la rivista Rolling Stone lo ha piazzato al numero 273 della sua lista dei 500 migliori album di sempre.

Il disco[modifica | modifica sorgente]

Alla sua pubblicazione, ci furono numerose denunce in merito al contenuto lirico di The Slim Shady LP. Il brano "Guilty Conscience" (secondo singolo dell'album) termina con Eminem e Dr. Dre apparentemente intenti ad incoraggiare un uomo ad uccidere sua moglie e a copulare con lei. Nel 1997, Eminem ha registrato "97 Bonnie & Clyde", brano presente nel CD, in cui rappa su un viaggio in auto verso la spiaggia con la figlia; lo scopo di questo viaggio è di disfarsi del cadavere della moglie. Eminem si è difeso, dicendo che il disco e i testi hanno solo scopi di intrattenimento e non dovevano essere presi sul serio. La maggior parte delle canzoni si fa notare per notevoli quantità di blasfemie, insulti agli omosessuali, riferimenti a sesso e droga e descrizioni di violenza, come nei brani "My Name Is", "As The World Turns", "Guilty Conscience", e "Brain Damage". I fan dell'album hanno generalmente difeso Eminem dicendo che i testi non sono da prendere sul serio e che comunque in questo caso andrebbero biasimati anche certi contenuti televisivi. Eminem stesso ha fatto riferimento a Slim Shady come un personaggio esagerato. Il personaggio Slim Shady, menzionato nella prima traccia del disco, non rappresenta la vita reale di Eminem e molti testi sono pensati come uno scherzo o qualche volta sono causati dalla rabbia, a differenza di quanto accada nel più serio e realistico The Marshall Mathers LP, suo secondo sforzo discografico e suo maggiore successo commerciale.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

  • La canzone "Rock Bottom" è stata composta da Eminem la notte in cui tentò di suicidarsi con un'overdose di Tylenol poiché la sua ex fidanzata non gli permetteva di vedere sua figlia.
  • La rivista Rolling Stone l'ha inserito al 273º posto della sua lista dei 500 migliori album.

Tracce[modifica | modifica sorgente]

  1. Public Service Announcement (Jeff Bass)
  2. My Name Is
  3. Guilty Conscience (ft. Dr. Dre)
  4. Brain Damage
  5. Paul (Paul "Bunyan" Rosenberg)
  6. If I Had
  7. 97' Bonnie & Clyde
  8. Bitch (Zoe Winkler)
  9. Role Model
  10. Lounge
  11. My Fault
  12. Ken Kaniff (Aristotle, Eminem, Marky Bass)
  13. Cum on Everybody (ft. Dina Rae)
  14. Rock Bottom
  15. Just Don't Give a Fuck
  16. Soap (Royce da 5'9")
  17. As the World Turns
  18. I'm Shady
  19. Bad Meets Evil (ft.Royce da 5'9")
  20. Still Don't Give a Fuck
hip hop Portale Hip hop: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di hip hop