The Man Who Killed Don Quixote

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

The Man Who Killed Don Quixote (let. "L'uomo che uccise Don Chisciotte") è il titolo di un progetto cinematografico di Terry Gilliam. Portato avanti a più riprese dal 2000, a causa di problemi finanziari fu annullato una prima volta nel 2002 durante le prime fasi di lavorazione, e il materiale girato fu riutilizzato per la realizzazione di Lost in La Mancha (2002), un documentario sulle vicende della travagliata produzione del film sino al suo annullamento.

A distanza di alcuni anni dal fallimentare sviluppo, nel 2008 prese forma una nuova produzione sempre per mano di Gilliam, che portata avanti, anch'essa a periodi intermittenti, fu poi anch'essa abbandonata nel settembre 2010 per motivi legati al bilancio.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Toby Grosini, un uomo dei nostri giorni, viene catapultato indietro nel tempo e viene scambiato da Don Chisciotte per il suo fedele scudiero Sancho Panza.

Produzione[modifica | modifica sorgente]

Primo sviluppo[modifica | modifica sorgente]

Nel marzo 2000 il regista Terry Gilliam ebbe la conferma dai produttori per la realizzazione del film[senza fonte]. Il progetto del film era assai ambizioso, con un budget di più di 32 milioni di dollari[senza fonte] e sarebbe stato tra le più costose produzioni cinematografiche realizzate con fondi esclusivamente europei (Spagna, Francia e Regno Unito)[senza fonte].

I realizzatori del film incompiuto sarebbero stati Terry Gilliam alla regia, Rene Cleitman e José Luis Escolar come produttori, Bernard Bouix come produttore esecutivo, Gilliam e Tony Grisoni alla sceneggiatura, Nicola Pecorini come direttore della fotografia, Benjamín Fernández alla scenografia, Gabriella Pescucci e Carlo Poggioli per i costumi[senza fonte].

Sceneggiatura[modifica | modifica sorgente]

Data la vastità del materiale letterario di Cervantes (il celebre romanzo picaresco Don Chisciotte della Mancia), Gilliam e lo sceneggiatore Tony Grisoni pensarono di riadattare la storia ispirandosi al romanzo Un americano alla corte di Re Artù di Mark Twain[senza fonte]. Nel nuovo soggetto Sancho Panza, lo scudiero di Don Chisciotte, sarebbe dovuto apparire solo all'inizio, per poi esser sostituito da Toby Grosini, un uomo del ventunesimo secolo scaraventato indietro nel tempo, che il protagonista avrebbe confuso per Panza[senza fonte].

Cast[modifica | modifica sorgente]

  • Nel marzo del 2000 Johnny Depp fu scelto per interpretare Toby Grosini dallo stesso regista, dopo gli ultimi successi insieme[senza fonte].
  • La parte di Don Chisciotte venne affidata all'attore francese Jean Rochefort, il quale ha dovuto imparare l'inglese in sette mesi di preparazione[senza fonte].
  • Rochefort e Depp furono gli unici a girare alcune scene (escludendo le comparse)[senza fonte].

Il resto del cast scelto, che non ha avuto modo di recitare, sarebbe stato composto da Vanessa Paradis nel ruolo di Altisidora (riuscì solo a fare le prove per i costumi e per il trucco)[senza fonte], Miranda Richardson, Ian Holm, Jonathan Pryce, Christopher Eccleston, Bill Paterson e Peter Vaughan[senza fonte].

Riprese[modifica | modifica sorgente]

L'intero film si sarebbe dovuto girare in Spagna e in altre parti dell'Europa[senza fonte].

Le riprese iniziarono nel settembre del 2000 in una zona deserta a nord di Madrid, vicino ad una base militare. Sarebbero terminate entro il 2001. A causa di enormi problemi (ad esempio il costoso set della pellicola che venne danneggiato da un violentissimo nubifragio), in particolar modo riguardanti la salute del protagonista Jean Rochefort, le riprese vennero immediatamente interrotte. Solamente Johnny Depp e il protagonista girarono qualche scena[senza fonte].

Le poche riprese del film finirono nel documentario Lost in La Mancha.

Cancellazione[modifica | modifica sorgente]

Come mostrato nel documentario Lost in La Mancha, le prime riprese in location furono in una zona deserta a nord di Madrid, vicino ad una base militare. Come primo problema ci furono i jet F16 che volavano in continuazione sopra il set, rendendo le registrazioni degli attori incomprensibili. La situazione non era molto grave: il tutto si sarebbe sistemato grazie al doppiaggio in post-produzione. In seguito la troupe venne colpita da un nubifragio, che rovinò l'equipaggiamento e ridusse il terreno un pantano: per alcuni giorni fu impossibile tornare sul posto. Una volta ritornata, la troupe si trovò davanti ad uno scenario completamente diverso: le dune desertiche, che caratterizzavano la location, erano quasi del tutto sparite ed il colore del terreno era cambiato. Poi l’improvvisa partenza di Jean Rochefort, costretto a tornare a Parigi a causa di un'infezione alla prostata: la produzione attese il ritorno di Rochefort, concentrandosi su scene che non lo coinvolgevano ma a pochi giorni di distanza divenne chiaro che il ritorno dell'attore sarebbe stato difficile. Quest'ultimo fatto fu un duro colpo per Gilliam; aveva speso due anni per trovare l'attore giusto per Don Chisciotte, più altri sette mesi serviti a Jean Rochefort per imparare l'inglese. La produzione venne cancellata.

Dopo l'annullamento della produzione, le compagnie di assicurazione si sono impossessate della sceneggiatura e hanno risarcito gli investitori della pellicola, con circa 15 milioni di dollari.

Sviluppo successivo[modifica | modifica sorgente]

Nel 2002 iniziarono a circolare alcune indiscrezioni che volevano una possibile ripresa della produzione, forte del sostegno di Gilliam e dei suoi investitori. Nel 2005 il produttore Jeremy Thomas (Tideland - Il mondo capovolto) espresse la propria personale convinzione secondo cui il film avrebbe dovuto essere realizzato.

Nel 2008 Gilliam e Thomas annunciarono d'essere riusciti ad avviare un preliminare sviluppo per un film completamente nuovo, lasciando alle spalle il materiale girato anni or sono e riformulando il personaggio di Rochefort. Gilliam spiegò d'aver pensato a Robert Duvall per Don Chisciotte, affiancato forse da Johnny Depp visto il suo attaccamento al progetto.[1][2][3][4]

A causa di alcuni ritardi della produzione dovuti a problemi non meglio specificati, Depp annunciò che in base al contratto stipulato in precedenza con la The Walt Disney Company, per la quale avrebbe dovuto partecipare a due pellicole della casa, avrebbe molto probabilmente contribuito a dilungare ulteriormente i tempi già lenti della realizzazione e che per questo forse stava decidendo di uscire definitivamente dal film. Dal momento che i produttori annunciarono le riprese entro l'inizio del 2010, l'attore acconsentì a rimanere pur ammettendo che nel suo calendario lavorativo avrebbe dovuto sapere nello specifico le date di produzione per poter rendere un suo reale e sicuro coinvolgimento [5][6][7][8][9]. Si pensò a Colin Farrell per sostituirlo [10].

Nel 2009 il film entrò in piena preproduzione. Dopo aver richiesto ed ottenuto la riconcessione dei diritti della sceneggiatura, Gilliam iniziò a lavorare sulla sceneggiatura insieme a Tony Grisoni nel gennaio 2009, dicendosi speranzoso di terminarla entro un mese.[11] Jeremy Thomas fu incaricato della produzione via Recorded Picture Company. La vendita dei diritti di distribuzione internazionale fu affidata alla HanWay Films.[11]

Ewan McGregor fu inoltre confermato nel cast artistico.[12]

Cancellazione[modifica | modifica sorgente]

Il 5 settembre 2010 la rivista Variety riportò le dichiarazioni di Terry Gilliam, il quale aveva rivelato poco tempo prima che a causa della mancanza di fondi la produzione era collassata un mese prima circa (ad agosto), poche settimane prima dell'inizio di riprese, provocando quindi il rinvio a tempo indeterminato della lavorazione. Comunque, Gilliam tenne a precisare che altre procedure importanti, come la selezione del cast artistico, erano terminate, con Duvall a svolgere il ruolo principale e McGregor ad affiancarlo e che la ricerca di nuovi investitori era appena partita.[13]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Alica-Azania Jarvis, Pandora: Don Quixote rides again, says delighted Gilliam, The Independent, 4 agosto 2008. URL consultato il 4 agosto 2008.
  2. ^ (EN) Empire: Gilliam Says He Will Make Don Quixote.
  3. ^ VivaCinema: Terry Gilliam ritenta la strada del Don Chisciotte.
  4. ^ FantasyMagazine: Terry Gilliam affronta nuovamente i mulini a vento.
  5. ^ (EN) Johnny Depp's 'Don Quixote' Film is Back On, Contact Music, 26 novembre 2008. URL consultato il 26 novembre 2008.
  6. ^ (EN) Johnny Depp Wants to be The Riddler in Batman 3, Worst Previews, 23 giugno 2009. URL consultato il 23 giugno 2009.
  7. ^ (EN) Johnny Depp Confirmed for "Don Quixote" Film, Worst Previews, 23 maggio 2009. URL consultato il 23 maggio 2009.
  8. ^ (EN) Exclusive - Producer Richard D. Zanuck talks DARK SHADOWS, Collider.com. URL consultato l'11 dicembre 2008.
  9. ^ (EN) Alex Billington, Johnny Depp Not Sure About Returning to Gilliam's Don Quixote, firstshowing.net, 22 giugno 2009. URL consultato il 23 giugno 2009.
  10. ^ Don Quixote - Colin Farrel al posto di Johnny Depp, Screenweek.it.
  11. ^ a b (EN) Phil de Semlyen, Gilliam Back To Work On Don Quixote. Exclusive: new script underway, Empire Magazine (online edition), 16 gennaio 2009. URL consultato il 17 gennaio 2009.
  12. ^ (EN) Gilliam's Don Quixote Bags Ewan McGregor, Empireonline, 17 maggio 2010. URL consultato il 17 maggio 2010.
  13. ^ (EN) Ian Mundell, Gilliam's 'Quixote' problems continue, Variety Magazine (online edition), 5 settembre 2010. URL consultato il 6 settembre 2010.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema