Tenera è la notte

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando informazioni sul film omonimo, vedi Tenera è la notte (film).
« Sulla bella costa della riviera francese, a mezza strada tra Marsiglia e il confine italiano, sorge un albergo rosa, grande e orgoglioso. Palme deferenti ne rinfrescano la facciata rosata, e davanti a esso si stende una breve spiaggia abbagliante. Recentemente è diventato un ritrovo estivo di gente importante e alla moda; dieci anni fa, quando in aprile la clientela inglese andava verso il Nord, era quasi deserto. Ora molte villette vi si raggruppano intorno; ma quando questa storia incomincia, soltanto i tetti di una dozzina di vecchie ville marcivano come ninfee in mezzo ai pini ammassati tra l'Hotel des Etrangers di Gausse e Cannes, otto chilometri più in là.[1] »
Tenera è la notte
Titolo originale Tender is the Night
Autore Francis Scott Fitzgerald
1ª ed. originale 1934
Genere romanzo
Lingua originale inglese

Tenera è la notte è un romanzo dello scrittore americano Francis Scott Fitzgerald pubblicato nel 1934 a New York.

Trama della versione del 1934[2][modifica | modifica sorgente]

La vicenda si svolge all'inizio sulla Costa Azzurra, ad Antibes, dove la giovane attrice Rosemary Hoyt arriva una mattina di giugno del 1925 insieme alla madre.

« La bella fronte alta si arrotondava delicatamente dove i capelli, cingendola come uno scudo di blasone, esplodevano in riccioli e onde e bioccoli biondo cenere e oro. Aveva gli occhi chiari, grandi, luminosi, umidi e splendenti, il colore delle guance era autentico, e irrompeva alla superficie dalla giovane pompa vigorosa del suo cuore. Il corpo aleggiava delicatamente sull'estremo limite della fanciullezza: aveva diciotto anni, quasi compiuti, ma era ancora coperta di rugiada. »

Nei giorni di permanenza Rosemary fa la conoscenza di un gruppo di ricchi espatriati americani tra i quali Dick Diver e sua moglie Nicole Warren.

Dick, che riesce fin dal primo istante ad affascinare la giovane, è uno psichiatra che aveva lavorato negli anni del primo dopoguerra in una clinica svizzera dove aveva curato la giovane Nicole che soffriva di schizofrenia a causa dei rapporti incestuosi che aveva avuto con il padre. Dick aveva in seguito sposato la donna, malgrado il parere contrario dei suoi colleghi, sia per bisogno di amore sia per altruismo.

Dopo sei anni, malgrado le ricadute di Nicole, il matrimonio appare felice e Dick, che grazie al denaro della moglie aveva abbandonato il lavoro di studioso, si era trasferito sulla Riviera francese dove trascorreva il tempo insieme a un gruppo di amici tra i quali lo sdolcinato Louis Campion, lo scrittore di scarse abilità McKisco, un certo Abe North, un musicista alcolizzato e innamorato di Nicole e il rozzo Tommy Barban.

Rosemary viene invitata a Villa Diana, la casa dei Diver, e quel mondo le appare "il centro del mondo" e i padroni di casa circondati da una luce magica.

Questo mondo superficialmente idilliaco viene presto sconvolto da un episodio angoscioso. La signora McKisco che si era recata all'interno della villa rimane sconvolta da un episodio al quale assiste. Tommy Barban, amico della famiglia Diver, per far tacere le chiacchiere sfida il signor McKisco a duello.

Intanto Rosemary che è sempre più attratta e incuriosita da quella vita, segue i Diver a Parigi. Tra lei e Dick nasce un tenero amore che però viene frenato da Dick che, preso da un forte senso di responsabilità, non vuole lasciarsi andare e rifiuta, se pur dolcemente, l'offerta d'amore della ragazza:

« Buona notte bambina. È un gran peccato. Dimentichiamo tutto questo... Tanta gente si innamorerà di te e sarà più bello incontrare il tuo primo amore tutta intatta, anche emotivamente. È un'idea antiquata vero?" »

Intanto Rosemary scopre molte verità poco edificanti sugli ospiti dei Diver che si rivelano tutte persone in qualche modo infelici, corrotte e spesso volgari.

Alla stazione di Parigi accade il primo dei tanti episodi di violenza che costelleranno il libro: una conoscente dei Diver uccide un uomo e Nicole scopre in albergo l'assassinio di un negro e reagisce con una crisi isterica.

Il secondo libro riporta la narrazione al 1917 e narra la storia e le vicende di Dick, allora giovane medico a Zurigo, al quale viene affidata come paziente Nicole.

All'inizio il rapporto tra i due avviene tramite uno scambio di lettere e presto si trasforma in un legame più solido. Nicole ha necessità di qualcuno che la aiuti e Dick, anche attratto dalla bellezza della donna, le offre il suo appoggio e i due si sposano.

Ma l'amore di Nicole è tormentoso e totale e Dick presto sarà costretto ad abbandonare le sue ambizioni di studioso.

In seguito ad una grave crisi schizofrenica, Nicole tenterà di uccidere Dick e i figli facendo andare fuori strada la macchina. Dick si allontana per un breve periodo da lei. La notizia della morte del padre lo richiama in America e quando ritorna in Europa, a Roma, egli ritrova Rosemary accettando questa volta di diventare il suo amante anche se il momento poetico non esiste più e Dick sfogherà la sua frustrazione con una rissa notturna finendo in guardina.

Il resto del romanzo non è altro che una cronaca dello svuotamento fisico e morale di Dick che, ritornato in Riviera, lascia la clinica e si dà al bere deludendo gli amici, lasciandosi umiliare dalle stesse persone che riteneva inferiori e rendendosi ridicolo agli occhi di Nicole e di Rosemary.

Nicole invece scopre di poter reggersi da sola e, alla fine del libro, si getta tra le braccia di Tommy Barban. Il caso clinico è quindi risolto e Dick abbandona l'Europa per ritornare nell'anonima provincia americana a fare solamente il medico.

L'elaborazione del romanzo[modifica | modifica sorgente]

Fitzgerald lavorò all'opera per nove anni e anche dopo la sua pubblicazione continuò a rielaborarne diverse versioni. Essa è indubbiamente quella alla quale lo scrittore lavorò più a lungo e certamente la più ambiziosa anche se la critica e il pubblico non l'accolsero con molto entusiasmo.

La stesura di Tenera è la notte venne iniziata da Fitzgerald nel 1925 e da quell'anno in poi egli ne elaborò sei versioni delle quali venne pubblicate solamente la quarta, in quattro puntate sulla rivista Scribner's Magazine, la quinta che uscì nel 1934 e venne poi tradotta da Fernanda Pivano e la sesta che uscì nel 1951 a sua volta rielaborata in modo drastico dal critico Malcom Cowley su appunti dell'autore, appunti che vennero raccolti per una nuova edizione per la Moden Library che però non venne mai realizzata.

Il cambiamento che Cowley fece alle versione di Fitzgerald consiste nel spostare il "punto di vista" passando dall'interpretazione data dall'attrice Rosemary Hoyt a un'esposizione in ordine cronologico di Dick Diver e della moglie Nicole.

Gli elementi inventati e quelli reali[modifica | modifica sorgente]

La storia, che si svolge tra il 1924 e il 1929, intreccia avvenimenti reali e chiaramente autobiografici di quegli anni ad avvenimenti di pura invenzione.

L'ispirazione per alcuni personaggi[modifica | modifica sorgente]

Nel 1927 lo scrittore conobbe a Hollywood, dove era stato chiamato da John Considine per scrivere una sceneggiatura, l'attrice cinematografica Lois Moran alla quale si ispira per creare il personaggio di Rosemary Hoyt.

In Dick Diver, il protagonista, Fitzgerald ritrae se stesso e contemporaneamente il suo amico Gerald Murphy; in Nicole Warren, la moglie di Nick, è ritratta Zelda, la compagna infelice dello scrittore; in Tom Barban, l'ex legionario si riconosce Edouard Joranne del quale Zelda si era innamorata nel 1924 quando i Fitzgerald abitavano a St. Raphael e Abe North è il ritratto di Ring Lardner intimo amico di Francis Scott.

L'ispirazione per la scena[modifica | modifica sorgente]

Il romanzo si svolge all'inizio al Cap D'Antibes, lo stesso luogo nel quale si trovavano i Fitzgerald nell'agosto del 1925 dove incontrarono i personaggi più celebri del momento nel campo della letteratura, del cinema, del teatro, della politica e della finanza, tra i quali John Dos Passos e Orlando, Rodolfo Valentino e Mistinguett e alla villa che avevano affittato al "St. Louis" a Juan-les-Pins dove avevano conosciuto molte celebrità, tra le quali Grace Moore e Picasso con la moglie Fernande.

L'albergo, nel quale si svolge la scena fondamentale del romanzo è precisamente l'"Hotel du Cap", chiamato anche l'Eden Roc ed è ancora esistente.

La versione finale[modifica | modifica sorgente]

Troppo preso dagli avvenimenti intercorsi dal 1926, Fitzgerald riuscirà a rimetter le mani sul suo manoscritto solamente nel 1931, quando, ormai ricoverata definitivamente la moglie Zelda, si era ritirato con la figlia Scottie in una casa abbastanza vicina alla clinica di Baltimora dove vi era la moglie e dove ella poteva raggiungerli durante qualche weekend. In quel luogo lo scrittore scrisse la versione finale di Tender is the Night, con il titolo Doctor Diver's Holiday (La vacanza del dottor Diver) e solamente al momento dell'uscita della prima puntata del romanzo sullo "Scribner's Magazine" cambiò il titolo con Tender in the Night (Tenera è la notte).

Le differenze tra le varie versioni[modifica | modifica sorgente]

Prima versione[modifica | modifica sorgente]

La prima versione venne composta tra il 1925 e il 1930 e aveva come titolo The World's Fair e l'eroe era Francis Melarky.

Nel prologo l'autore si rifà ad una sua esperienza in un locale notturno di Roma, dove il litigio con un autista di taxi lo condusse dai carabinieri e dove la folla, equivocando, lo scambiò per uno stupratore di bambini.

Nel 1926 Fitzgerald si trovava nella villa St. Louis a Juan les Pins e scriveva al suo agente che aveva scritto il quarto di un romanzo che presumeva sarebbe stato composto da dodici capitoli. A giugno dello stesso anno lo scrittore vendette i diritti a pubblicare lo scritto a puntate sulla rivista "Liberty" e scrisse una scaletta nella quale l'episodio del duello veniva soppresso.

Subito dopo modificò lo scritto facendo diverse modifiche. Inserì un narratore che raccontava la storia come se questa fosse avvenuta tre anni prima, l'episodio del litigio nel taxi e del duello, una scena, che ritornerà nel capitolo 13 di Tender is the Night, sui campi di battaglia della Somme, il flirt tra il protagonista e Dinah, l'episodio della stazione di Saint-Lazare ma senza l'assassinio (dal momento che l'idea di questo avvenimento venne ispirato a Fitzgerald da un fatto riportato dalla cronaca avvenuto il 26 marzo 1927 quando una contessa sparò ad un amico per poi colpire, ferendosi, se stessa) e infine l'episodio, introdotto nell'edizione del 1951 da Cowley, di Wanda Breastedt.

Il protagonista è un giovane americano del sud in visita in Europa con la madre dopo la sua espulsione dall'Accademia militare di West Point, ora impiegato come tecnico a Hollywood che, sotto il dominio della madre, durante una forte crisi di depressione finirà per uccidersi.

Alloggiato all'albergo di Gausse, il cui nome rimane in Tender is the Night, Francis Melarky conosce i McKisco, che ritroviamo in Tenera è la notte, Setting e Dumphiers, due omosessuali che saranno poi in Tenera è la notte Campion e Dumphries, e la signora Abrahams.

Spesso Fitzgerald si recava a trovare Earl Browne negli studi cinematografici di Montecarlo, così come in Tenera è la notte fa Rosemary.

L'episodio del duello, che viene narrato anche in Tenera è la notte, avviene, in questa versione, tra McKisco e il francese Brugerol e Melarky viene invitato dal miliardario Deth Rorebach in una villa immensa circondata da un grande giardino.

Seconda versione[modifica | modifica sorgente]

Terminata la prima versione del libro Fitzgerald vi apportò miglioramenti per altri due anni fino ad abbozzare la figura del futuro Dick Diver e nel luglio del 1928 scrisse a Marxell Perkins che il romanzo andava bene e che avrebbe fatto un racconto e poi gli avrebbe inviato, verso dicembre, i capitoli 3 e 4 che pensava di terminare. Ma questi capitoli non vennero mai inviati e il romanzo prese una strada diversa continuando sotto forma di un racconto dal titolo The Rough Crossing.

Da questo racconto prese forma la seconda versione del libro dal titolo The Drunkard's Holiday (La vacanza dell'ubriacone) e lo scrittore, nel 1929, scrive a Perkins informandolo che stava lavorando intensamente al romanzo secondo un diverso punto di vista.

Il protagonista della seconda versione è un regista, Lew Kelly, che viaggia con la moglie Nicole per l'Europa. Egli incontra a bordo della nave una ragazza di modeste condizioni, Rosemary, che fingeva di viaggiare in prima classe per raggirare Kelly. Lo svolgimento della storia avviene in due soli capitoli e non fu mai ripresa anche se servì a Fitzgerald per cambiare il precedente rapporto tra madre e figlio con quello tra marito e moglie.

Dall'autunno del 1929 fino al 1932, Fitzgerald, troppo impegnato a risolvere i problemi della mancanza di denaro e quelli della malattia di Zelda, non lavorò più al libro. I due capitoli però si ritroveranno in un racconto, scritto nel 1930, dal titolo One Trip Abroad che si aggiungeva ad altre storie d'amore sulla Costa Azzurra e a storie svolte presso una casa di riposo in Svizzera.

Terza versione[modifica | modifica sorgente]

La terza versione, quella che ha come protagonista Dick Diver, andò delineandosi dopo la seconda permanenza di Scott ad Hollywood. Di questa versione rimangono gli appunti e i diagrammi originali nella Biblioteca dell'Università di Princeton che consistono in un piano di lavoro generale dove appare la trama, gli appunti sui vari personaggi, la tecnica da usare, i nomi dei personaggi fittizi vicino a quelli dei personaggi reali, una vera e propria cronologia su Dick e su Nicole, il metodo di classificazione per trattare il materiale della malattia oltre un sommario riguardante la prima metà e la terza parte del romanzo.

Nella terza versione la storia di Nicole viene modellata sulla storia reale di Zelda e i sentimenti espressi da Dick sono ripresi dai sentimenti provati da Scott.

La storia però non tiene conto degli appunti redatti come nel caso dell'assassinio che Nicole avrebbe dovuto compiere e che Dick avrebbe dovuto tener nascosto o dell'episodio in cui Dick, comunista convinto, avrebbe mandato il figlio a studiare in Russia.

Questa terza versione consiste in un rimaneggiamento che porta ad una divisione in tre libri. Il primo libro è quasi tutto ricavato dalla prima versione ed è concentrato sulla figura di Rosemary, il secondo lascia completamente la prima versione e inizia con l'incontro tra Dick e Nicole.

Qui Fitzgerald pone l'accento sulla disintegrazione morale di Dick, fa accadere la ricaduta della malattia di Nicole durante una festa di carnevale e non in Svizzera, la conoscenza di Tommy in un caffè di Monaco, la relazione di Rosemary con Dick solo dovuta alla compassione della ragazza che avrà il compito di togliere dai guai Dick durante la rissa in taxi a Roma.

Questa terza versione venne redatta velocemente nel 1933 quando Fitzgerald collaborava con il dottor Mayer per la cura di Zelda e non aveva tempo di dedicare più di cinque giorni di seguito alla scrittura.

Il libro, che prese il titolo di Doctor Diver's Holiday (La vacanza del dottore Diver), subisce ben nove rielaborazioni di cui le prime quattro nella versione di Francis Melarky, la quinta e la sesta nella versione di Lew Kelly e la settima e l'ottava nella versione di Dick Diver. Sarà solamente nel nono rimaneggiamento che comparirà il titolo Tender is the Night e la sequenza definitiva dei fatti. Il titolo venne ispirato da un verso dell'Ode all'usignolo di John Keats:

« ... Io volerò a te... sulle ali invisibili della Poesia... Tenera è la notte/ e felicemente la Luna Regina è sul trono...ma qui non c'è luce... »

Quarta versione[modifica | modifica sorgente]

La quarta versione venne preparata frettolosamente durante l'estate del 1933 per essere pubblicata sullo "Scribner's Magazine" dopo un accordo con la rivista "Liberty" alla quale aveva promesso, nel 1926, tutti i suoi racconti per la cifra di 3500 dollari l'uno. L'editore Scribne's intanto gli versò 10.000 dollari dopo aver trattenuto i 6000 che gli aveva già dato come anticipo e a gennaio del 1934 uscì finalmente la prima puntata e a febbraio, a marzo e ad aprile di quell'anno uscirono le tre successive.

Le bozze delle puntate furono rimaneggiate dodici volte e per la pubblicazione del libro, che diventerà la quinta versione, Fitzgerald doveva tagliare 20.000 parole. Ma una grave ricaduta di Zelda gli impedì di dedicarsi al lavoro con cura e Scribner's non voleva andare oltre il 17 aprile per la pubblicazione del libro perché voleva sfruttare la pubblicità che era stata fatta.

Fitzgerald rimaneggiò ancora il testo dell'ultima puntata, corresse le bozze della seconda e della terza e nel rivedere le bozze complete del romanzo fece altre modifiche.

I testi vennero rivisti dai redattori che però avevano il divieto di alterare qualunque parola senza il permesso dell'autore. Ma Fitzgerald, sommerso dai suoi drammi familiari, non riuscì a rivederli con calma per un'ultima volta.

Quinta versione[modifica | modifica sorgente]

La quinta edizione venne così pubblicata nel 1934 e risultò contenere diversi errori che vennero segnalati in una recensione sul New Yorker. Fitzgerald, che fu il primo ad accorgersi degli errori commessi, cercò di convincere il direttore letterario della "Modern Library", Bennett Cerf, a pubblicare una nuova edizione per risolvere i problemi e in alcune lettere inviategli in data luglio e agosto 1936 faceva proposte concrete riguardo a cambiamenti, a modifiche, a una frase che voleva eliminare, alla correzione di alcuni errori ortografici.

Ma la Modern Library non pubblicò mai questa edizione e le tre tirature che fece uscire l'editore Scribner non furono mai corrette e nel 1936 vennero pubblicato in un solo volume This Side of Paradise, The Great Gatsby e Tender in the Night.

Fitzgerald era dispiaciuto per la scarsa attenzione posta alla sua ultima opera che egli riteneva valida.

In una lettera scritta il 24 dicembre 1938[3] lo scrittore prega il suo editore di non lasciar morire i suoi libri e si dimostra particolarmente preoccupato per Tender is the Night: "... Ma sono particolarmente preoccupato per Tender is the Night: quel libro non è morto. La profondità del suo messaggio rimane: incontro continuamente persone che sono attaccate al libro come altre lo erano state a The Great Gatsby e a This Side of Paradise, persone che si sono identificate con Dick Diver. Il grande difetto del libro è che il vero inizio - il giovane psichiatra in Svizzera - è cacciato nel mezzo del libro. Se le pagine 151-212 fossero tolte dal loro posto attuale e messe all'inizio il miglioramento sarebbe enorme...".

Non avendo riscontro queste sue richieste, Fitzgerald prese la copia d'archivio del suo libro e dopo aver spostato l'ordine dei capitoli stilò nei suoi appunti il seguente piano:

I. Storia della vicenda
II. Punto di vista di Rosemary: 151-52
III.Caduti: 104-48, 213-24
IV. Fuga:225-306
V. Il ritorno a casa: 306-408

Versione rimaneggiata da Cowley[modifica | modifica sorgente]

Il piano, che viene conservato insieme al volume rimaneggiato da Fitzgerald nella Biblioteca della Princeton University, viene citato nell'edizione del 1951 da Malcolm Cowley anche se egli poi non terrà completamente fede alla successione degli avvenimenti e alle modifiche fatte ad alcune pagine e nemmeno alla correzione degli errori di ortografia e punteggiatura dei primi due capitoli.

Questa versione, la cosiddetta "versione definitiva dell'autore" che uscì nel 1951 a cura di Malcolm Cowley, non venne però mai rivista dallo scrittore che morì precocemente il 21 dicembre del 1940.

Nell'edizione dei "Penguin Books", Cowley non si limitò a correggere gli errori tipografici e di ortografia, ma apportò quasi ottocento modifiche, a volte anche drastiche, riguardanti i nomi e la successione degli avvenimenti, modifiche che vengono con cura spiegate sia nella introduzione che nelle note.

L'editore Scribner's invece, quando nel 1951 ristampò il romanzo, usò i piombi originali e corresse solamente due errori di nomi, mentre nelle edizioni tascabili non venne fatto alcun cambiamento e nemmeno nell'edizione di Bodley Head del 1960.

Lo stile[modifica | modifica sorgente]

Scritto in una prosa assai evoluta che si lascia andare a profonde analisi psicologiche e descrizioni seguendo un andamento discorsivo e serrato quasi senza dialogo, Tenera è la notte dimostra che Fitzgerald era uno scrittore perfettamente padrone del suo mestiere.

Lo scrittore riesce a cogliere, con dettagli precisi e accurati, l'essenza delle varie scene o del momento storico e sociale trattato e dimostra una grande capacità di passare dal particolare all'universale e dal concreto al simbolico.

Il linguaggio, che in precedenza era a volte troppo incline al decorativo, ora diventa preciso ed essenziale adattandosi in modo flessibile ai vari temi e ai diversi punti di vista mentre i personaggi principali vengono rappresentati con scrupoloso approfondimento psicologico.

L'opera affronta il contrasto etico-sociale degli anni '30 con profondità di analisi e ampia prospettiva.

Edizioni[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ da Francis Scott Fitzgerald, Tenera è la notte, Einaudi, Torino 2005, p. 1, incipit
  2. ^ La trama è tratta dal testo tradotto nel 1949 da Fernanda Pivano basato sulla versione pubblicata in volume del 1934 mentre le numerose notizie sulla rielaborazione del romanzo sono tratte da i seguenti testi: Fernanda Pivano. Mostri degli anni Venti, La Tartaruga edizioni, Milano 2002 ISBN 88-7738-359-3, Fernanda Pivano, Pagine Americane. Narrativa e Poesia 1943-2005, Frassinelli, Milano, 2005, ISBN 88-7684-864-9, Barbara Nugnes, Invito alla lettura di Fitzgerald, Mursia, Torino, 1977
  3. ^ Correspondence of F. Scott Fitzgerald, ed. Matthew Bruccoli and Margaret Duggan, 1980

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Letteratura