Lois Moran

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lois Moran fotografata da Carl Van Vechten (1932)

Lois Moran, nata Lois Darlington Dowlin (Pittsburgh, 1 marzo 1909Sedona, 13 luglio 1990), è stata un'attrice statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque a Pittsburgh nel 1909 da Roger e Gladys Dowling. Il suo nome all'anagrafe era Lois Darlington Dowlin. Restò presto orfana di padre: quest'ultimo morì l'anno seguente la sua nascita in un incidente d'auto. La madre, Gladys, si sposò quasi subito con Timothy Moran, che morì di spagnola prima di partire per oltreoceano durante la Prima guerra mondiale. La madre, di origini tedesche e discendente diretta del celebre poeta romantico Friedrich von Schiller, volendo il meglio per sua figlia, mandò nel 1919 Lois in Europa, facendola abitare in un hotel di Parigi dove viveva lo scrittore James Joyce, un albergo che si trovava anche in prossimità della casa della scrittrice Gertrude Stein. A Parigi. la dodicenne Lois ballò per due anni all'Opéra national de Paris, incantando il pubblico parigino.

Come conseguenza della sua notorietà, diversi celebri fotografi del tempo, quali Man Ray, gareggiarono per immortalarla nei loro ritratti, alcuni dei quali finirono nelle mani del regista francese Marcel L'Herbier. Riconoscendo il potenziale talento della giovane, la scritturò per due film: La Galerie des monstres del 1924 a fianco di Jaque Catelain e Feu Mathias Pascal del 1926, a fianco di Ivan Mosjoukine. Dietro incoraggiamento della madre Gladys, la giovane Lois inviò alcune sue fotografie al produttore americano Samuel Goldwyn e al regista D.W. Griffith.

Goldwyn si recò in Europa nel 1925 alla ricerca di nuovi talenti e incontrò Lois. Assistendo ai suoi due film francesi, ne restò favorevolmente colpito. Fu così che la scritturò per un Romeo and Juliet in preparazione, dove avrebbe dovuto recitare a fianco di Ronald Colman, ma la pellicola non venne mai realizzata. Tuttavia Goldwyn le offrì il ruolo di Laurel, protagonista di quello che sarebbe poi stato uno dei più celebrati film del cinema muto Stella Dallas. Indecisa se accettare o meno la proposta del produttore, Lois partecipò alla rappresentazione teatrale di Marc Connelly The Wisdon Tooth ad Atlantic City, accettando dopo lo spettacolo la parte offerta da Goldwyn.

Lois Moran nel 1930

Lois raggiunse la fama molto velocemente: Stella Dallas, che uscì nel 1925, incontrò un grande successo anche grazie all'accurata campagna pubblicitaria del produttore. Con le sue precedenti creazioni come Lili Damita, proveniente dall'Europa, aveva organizzato una plateale e spettacolare campagna pubblicitaria, basata sulla freschezza e la spontaneità di Lois Moran, strategia per la quale Goldwyn pretese una precisa clausola sul contratto che richiedeva l'obbligo per la giovane attrice di non perdere mai la sua immagine di attrice genuina e spontanea.

Fortunatamente la lungimiranza di Gladys fece sì che il contratto con la Warner prevedesse un solo film, permettendo a Lois di poter accettare liberamente qualsiasi altro contratto volesse scegliere in seguito. Nel 1926 l'attore Richard Barthelmess richiese la partecipazione di Lois nella pellicola Just Suppose che ricevette un discreto successo, al punto di far annunciare la futura partecipazione di Lois ad un nuovo film (evento mai verificatosi). Forte di questi successi Lois partecipò a diversi film per le maggiori case produttrici quali la Paramount o la MGM, tra questi spicca The Road to Mandalay un dramma interpretato al fianco di Lon Chaney.

Nel 1927 Lois Moran firmò il suo contratto con William Fox per il quale collaborò in 15 pellicole fino all'inizio degli anni trenta, non subendo alcun tipo di problema con l'avvento del sonoro nel cinema, avendo studiato dizione e recitazione sia a Parigi che ad Hollywood. Durante gli ultimi due anni di permanenza a Hollywood, Lois girò pellicole per studios diversi dalla Fox. Nel 1930 girò al fianco di Al Jolson Nomadi del canto. Nonostante non abbia risentito dell'avvento del sonoro, tuttavia l'attrice restò legata ad una immagine ingenua e genuina dalla quale non riuscì ad affrancarsi, condizionando in maniera preponderante la sua carriera cinematografica.

Dopo il matrimonio con Clarence M. Young celebrato nel 1935, si ritirò dalla scene hollywoodiane.

Morte[modifica | modifica wikitesto]

Il 13 luglio 1990, all'età di 81 anni, morì di cancro al Kachina Point Health Center di Sedona. Il suo corpo fu cremato e le ceneri disperse[1].

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

La filmografia cinematografica è completa.

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

TV (parziale)[modifica | modifica wikitesto]

  • The Christmas Story

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Find a Grave

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 33102259