Sh2-14

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Sh2-14
Regione H II
L'area di cielo in cui dovrebbe trovarsi Sh2-14, che di fatto coincide con un ricco campo stellare.
L'area di cielo in cui dovrebbe trovarsi Sh2-14, che di fatto coincide con un ricco campo stellare.
Dati osservativi
(epoca J2000)
Costellazione Scorpione
Ascensione retta 17h 27m : [1]
Declinazione -30° :[1]
Coordinate galattiche l = 357,1; b = +02,1[1]


Magnitudine apparente (V) -
Dimensione apparente (V) 2' x 2'
Caratteristiche fisiche
Tipo Regione H II
Classe 3 1 2[2]
Categoria di regioni H II

Sh2-14 è un oggetto controverso situato nella costellazione dello Scorpione.

Essendo stato catalogato nel Catalogo Sharpless si dovrebbe trattare di una regione H II; secondo le indicazioni di questo catalogo, le sue dimensioni sarebbero pari a due minuti d'arco.[2] Tuttavia, gli studi successivi volti a determinare la distanza delle nubi galattiche conosciute non sono riusciti a trovare, alle coordinate indicate da Sharpless, alcun oggetto; fra questi vi è lo studio condotto nel 1982 da Blitz e altri scienziati, in cui si riporta esplicitamente la mancata individuazione dell'oggetto, che risulterebbe di fatto inesistente a quelle coordinate.[3] Il database SIMBAD, dal canto suo, riporta per questa nebulosa delle coordinate che sembrano non coincidere in alcun modo con quelle fornite da Sharpless,[4] puntando invece alla nebulosa Sh2-23,[5] situata a elevate latitudini galattiche in una regione diversa di cielo; sempre il SIMBAD riporta fra gli altri nomi di questa nebulosa LBN 13, le cui coordinate coincidono effettivamente con Sh2-23. Ulteriore confusione deriva dal fatto che il sito Galaxy Map, sebbene interpreti correttamente le coordinate fornite da Sharpless, colloca erroneamente l'oggetto nella costellazione del Lupo.[1]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d Galaxy Map.org. URL consultato il 28 giugno 2011.
  2. ^ a b Sharpless, Stewart, A Catalogue of H II Regions. in Astrophysical Journal Supplement, vol. 4, dicembre 1959, p. 257, DOI:10.1086/190049. URL consultato il 28 giugno 2011.
  3. ^ Blitz, L.; Fich, M.; Stark, A. A., Catalog of CO radial velocities toward galactic H II regions in Astrophysical Journal Supplement Series, vol. 49, giugno 1982, pp. 183-206, DOI:10.1086/190795. URL consultato il 28 giugno 2011.
  4. ^ Simbad Query Result. URL consultato il 28 giugno 2011.
  5. ^ Simbad Query Result. URL consultato il 28 giugno 2011.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Tirion, Rappaport, Lovi, Uranometria 2000.0 - Volume II - The Southern Hemisphere to +6°, Richmond, Virginia, USA, Willmann-Bell, inc., 1987, ISBN 0-943396-15-8.
  • Tirion, Sinnott, Sky Atlas 2000.0 - Second Edition, Cambridge, USA, Cambridge University Press, 1998, ISBN 0-933346-90-5.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

oggetti del profondo cielo Portale Oggetti del profondo cielo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di oggetti non stellari