NGC 1555

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
NGC 1555
Nebulosa a riflessione
NGC 1555 (autore Adam Block)
NGC 1555 (autore Adam Block)
Scoperta
Scopritore John Russell Hind
Anno 1852
Dati osservativi
(epoca J2000)
Costellazione Toro
Ascensione retta 04h 21m 59s [1]
Declinazione +19° 32′ 06″[1]
Coordinate galattiche l = 176,2; b = -20,9[2]
Distanza 576 a.l.
(177 pc)
Magnitudine apparente (V) 9,60 (stella centrale)[2]
Dimensione apparente (V) 26' x 26'[2]
Caratteristiche fisiche
Tipo Nebulosa a riflessione
Altre designazioni
vdB 28, Sh2-238, Ced 32B
Categoria di nebulose a riflessione

NGC 1555, nota anche come Nebulosa Variabile di Hind, è una nebulosa a riflessione visibile nella costellazione del Toro.

Si tratta della nebulosa che circonda la ben nota e studiata T Tauri, la stella prototipo di un'importante classe di stelle variabili, le variabili T Tauri; la sua posizione si individua con facilità, circa 3°20' a WNW di ε Tauri, di magnitudine 3,53 e che costituisce il vertice settentrionale dell'ammasso aperto delle Iadi. A partire dagli anni trenta la sua luminosità è gradualmente aumentata, mostrandosi come un chiaro alone arcuato sul lato occidentale della stella illuminatrice.[3]

Nel 1958 fu osservata da Otto Struve anche un'altra nebulosa associata a T Tauri, catalogata poi come NGC 1554; tuttavia, nel giro di circa dieci anni scomparve completamente. Probabilmente potrebbe essersi trattato di una nebulosa transiente nella regione che è stata illuminata dalla radiazione delle stelle vicine: in particolare Struve fa riferimento a una stella di quattordicesima magnitudine; questa nube, non più osservabile, viene pertanto chiamata "Nebulosa Perduta di Struve".[4] Le moderne carte celesti tendono spesso a unire queste due nebulose sotto l'unica designazione NGC 1554/5. La regione di T Tauri e le nebulose ad essa associate si trovano a una distanza di circa 576 anni luce.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Simbad Query Result. URL consultato il 15 ottobre 2009.
  2. ^ a b c van den Bergh, S., A study of reflection nebulae. in Astronomical Journal, vol. 71, dicembre 1966, pp. 990-998, DOI:10.1086/109995. URL consultato il 14 ottobre 2009.
  3. ^ Hind's Variable Nebula, Encyclopedia of Science. URL consultato il 20 ottobre 2009.
  4. ^ Struve's Lost Nebula (NGC 1554), Encyclopedia of Science. URL consultato il 20 ottobre 2009.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Tirion, Rappaport, Lovi, Uranometria 2000.0 - Volume I - The Northern Hemisphere to -6°, Richmond, Virginia, USA, Willmann-Bell, inc., 1987, ISBN 0-943396-14-X.
  • Tirion, Sinnott, Sky Atlas 2000.0 - Second Edition, Cambridge, USA, Cambridge University Press, 1998, ISBN 0-933346-90-5.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]



Orion Nebula - Hubble 2006 mosaic 18000.jpg    New General Catalogue:    NGC 1553  •  NGC 1554  •  NGC 1555  •  NGC 1556  •  NGC 1557   
oggetti del profondo cielo Portale Oggetti del profondo cielo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di oggetti non stellari