Raytheon T-6 Texan II

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Raytheon T-6 Texan II
Un esemplare di T-6 Texan II dell'USAF ripreso durante un volo di addestramento nel cielo sopra la Randolph Air Force Base.
Un esemplare di T-6 Texan II dell'USAF ripreso durante un volo di addestramento nel cielo sopra la Randolph Air Force Base.
Descrizione
Tipo aereo da addestramento
Equipaggio 2 (allievo/pilota + istruttore)
Costruttore Stati Uniti Raytheon Aircraft Company
Stati Uniti Hawker Beechcraft
Utilizzatore principale Stati Uniti USAF
Altri utilizzatori Stati Uniti U.S. Navy
Canada Canadian Forces
Grecia Polemikí Aeroporía
Esemplari oltre 435[1]
Sviluppato dal Svizzera Pilatus PC-9
Dimensioni e pesi
Lunghezza 10,20 m (33 ft 4 in)
Apertura alare 10,20 m (33 ft 5 in)
Altezza 3,3 m (10 ft 8 in)
Superficie alare
Peso a vuoto 2 087 kg (4 900 lb)
Peso carico 2 971 kg (6 550 lb)
Peso max al decollo 2 958 kg (6 500 lb)
Propulsione
Motore un turboelica Pratt & Whitney Canada PT6A-68B
Potenza 1 100 shp (820 kW)
Prestazioni
Velocità max 585 km/h (316 kt IAS)
Velocità di salita 22,9 m/s (4 500 ft/min)
Autonomia 1 575 km (850 nm)
Tangenza 9 448 m (31 000 ft)
Note dati relativi alla versione T-6A

[senza fonte]

voci di aerei militari presenti su Wikipedia

Il T-6 Texan II è un addestratore intermedio, sviluppato e prodotto dall'azienda aeronautica statunitense Raytheon Aircraft Company, ora Hawker Beechcraft.

Caratterizzato dalla propulsione turboelica, è equipaggiato dal Pratt & Whitney Canada PT6A-68 di produzione canadese, inoltre possiede una configurazione alare ad ala bassa e l'abitacolo può ospitare 2 posti in tandem. È dotato di due seggiolini eiettabili Martinbaker, con capacità 0/0 e un sistema di frantumazione della cappottina, azionata automaticamente con l'eiezione, o manualmente in caso di necessità. È dotato di due valvole d'aria spillata dal compressore, per l'azionamento delle tute anti-G, previste per entrambi i piloti, date le prestazioni assai elevate e i limiti strutturali dell'aereo (+7.0g -3.5g).

Il trainer statunitense è stato sviluppato dallo svizzero Pilatus PC-9, rispetto al quale offre prestazioni lievemente superiori, anche se a prima vista i due addestratori appaiono molto simili. Attualmente la United States Navy utilizza il T-6B, versione full glass cockpit della precedente, dotata nell'abitacolo anteriore di un HUD, presso il Training Air Wing 5 di Whiting Field, Florida. È in programma la sostituzione dei T-34C anche presso il Training Air Wing 4 di Corpus Christi in Texas.

Nell'ottobre 2009 la Royal Moroccan Air Force diventa il cliente di lancio della nuova versione T-6C, variante aggiornata del T-6B Texan II, dotata di attacchi subalari per l'addestramento con munizioni reali. La forza aerea marocchina ha ordinato 24 esemplari nel quadro delle Foreign Military Sales; essi verranno impiegati per sostituire i Beechcraft T-34 Turbo Mentor ed i Cessna T-37 Tweet attualmente in uso. Il valore dell’accordo viene stimato attorno ai 185 milioni di dollari.

Utilizzatori[modifica | modifica wikitesto]

Canada Canada
26x CT-156 Harvard II (impiegati dalla NATO Flying Training)
Germania Germania
usati per la formazione dei propri piloti negli Stati Uniti e dotati di coccarde USAF[2]
Grecia Grecia
45x T-6A Texan II;
Iraq Iraq
8x T-6A Texan II (la data di consegna non è stata ancora stabilita);[3]
Israele Israele
25x T-6A Texan II (4 esemplari già sono stati consegnati);
Marocco Marocco
24x T-6C (ordinati nell'ottobre 2009),
Stati Uniti Stati Uniti
340x T-6A Texan II (nei prossimi anni saranno consegnati altri 249 esemplari);
47x T-6B Texan II (nei prossimi anni saranno consegnati altri 95 esemplari);

Velivoli comparabili[modifica | modifica wikitesto]

Brasile Brasile
Corea del Sud Corea del Sud
Svizzera Svizzera

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ HawkerBeechcraft Production
  2. ^ http://www.luftwaffe.de/portal/a/luftwaffe/kcxml/04_Sj9SPykssy0xPLMnMz0vM0Y_QjzKLNzKId_c1B8lB2D4B-pFQVghC1MsZJgpUG5SSqu_rkZ-bqu-tH6BfkBsaUe7oqAgAbnymMQ!!/delta/base64xml/L2dJQSEvUUt3QS80SVVFLzZfMjBfMjZTUA!!?yw_contentURL=%2F01DB060000000001%2FW27MDGCR759INFODE%2Fcontent.jsp
  3. ^ Aeronautica & Difesa n°277 anno XXIV, novembre 2009.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]