Privazione del sonno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

La privazione del sonno è una condizione, cronica o acuta, che consiste nella notevole riduzione o totale assenza del sonno di un individuo od animale, che può anche condurre a morte.

Durante l'insonnia prolungata si osservano disturbi psichici (allucinazioni sono frequenti) e somatici, anche se la privazione non può essere mai totale.[1]

Nella cultura di massa[modifica | modifica sorgente]

Nei film si possono osservare rappresentazioni degli effetti della privazione del sonno, un esempio è nel film Fight Club o ancora più nello specifico nel caso del film L'uomo senza sonno.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Clete Anthony Kushida, Sleep deprivation pp 1-2, Informa Health Care, 2005, ISBN 978-88-386-3917-3.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Giorgio Macchi, Malattie del sistema nervoso, seconda edizione, Piccin, 2005, ISBN 9788829917396.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina