Piramide di paura

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Piramide di paura
Piramidе di paura.png
Il giovane Sherlock Holmes
Titolo originale Young Sherlock Holmes
Lingua originale inglese
Paese di produzione USA
Anno 1985
Durata 109 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere avventura, giallo
Regia Barry Levinson
Sceneggiatura Chris Columbus
Produttore Mark Johnson e Henry Winkler
Fotografia Stephen Goldblatt
Montaggio Stu Linder
Effetti speciali Dennis Muren
Musiche Bruce Broughton
Scenografia Norman Reynolds
Interpreti e personaggi
Doppiatori originali
Doppiatori italiani
Premi
  • Nomination all'Oscar 1986 "migliori effetti speciali".

Piramide di paura (Young Sherlock Holmes) è un film del 1985 diretto da Barry Levinson.

Scritta da Chris Columbus, la pellicola immagina una investigazione di Sherlock Holmes e del suo assistente John Watson adolescenti, che insieme sono impegnati a risolvere un misterioso caso di omicidi. Tra i produttori esecutivi spicca il nome di Steven Spielberg.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il giovane e brillante studente Sherlock Holmes studia in un college di Londra, assieme al nuovo arrivato e inseparabile amico John Watson. Viene coinvolto in un misterioso caso che dalla loro scuola li porta nei sotterranei di Londra, dove una setta criminale ha ricostruito un tempio egizio. Spinto sempre di più dalla sua passione investigativa e dalla sua vasta cultura riuscirà a scoprire i veri colpevoli dei misteriosi omicidi: il suo insegnante e mentore Rathe e la governante della scuola signora Dribbs. Alla fine del film, quando Holmes e Watson si salutano, dopo i titoli di coda c'è un epilogo inquietante: un uomo (il professor Rathe) entra in uno chalet di montagna e firma il registro: Moriarty!

Effetti speciali[modifica | modifica wikitesto]

Questo è uno dei primi lungometraggi in cui appare un personaggio interamente realizzato con la grafica computerizzata e che interagisce con i personaggi reali. Si tratta del cavaliere raffigurato su una vetrata di una chiesa che improvvisamente prende vita e scende a terra per terrorizzare un sacerdote, in seguito ad un'allucinazione provocata da una spina avvelenata. Si tratta di una creazione del gruppo di lavoro dello statunitense John Lasseter, famoso per aver portato alla celebrità la casa di produzione Pixar e film quali Toy Story.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

La scena in cui Holmes, Watson ed Elisabeth scoprono la piramide, si intrufolano dentro e assistono al sacrificio che si sta compiendo è un chiaro riferimento alla scena del sacrificio alla dea Kalì presente in Indiana Jones e il tempio maledetto, uscito nelle sale solo un anno prima e diretto dal produttore esecutivo, ovvero Steven Spielberg.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]