Pieris rapae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Cavolaia minore
Kleiner Kohlweissling Pieris rapae 2.jpg
Pieris rapae (maschio)
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Superphylum Protostomia
(clade) Ecdysozoa
Phylum Arthropoda
Subphylum Tracheata
Superclasse Hexapoda
Classe Insecta
Sottoclasse Pterygota
Coorte Endopterygota
Superordine Oligoneoptera
Sezione Panorpoidea
(clade) Amphiesmenoptera
Ordine Lepidoptera
Sottordine Glossata
Infraordine Heteroneura
Divisione Ditrysia
(clade) Apoditrysia
(clade) Obtectomera
Superfamiglia Papilionoidea
Famiglia Pieridae
Sottofamiglia Pierinae
Tribù Pierini
Genere Pieris
Specie P. rapae
Nomenclatura binomiale
Pieris rapae
(Linnaeus, 1758)
Sinonimi

Papilio rapae
Linnaeus, 1758

Nomi comuni

Rapaiola

Sottospecie
  • Pieris rapae rapae
  • Pieris rapae crucivora
  • Pieris rapae debilis
  • Pieris rapae deleta
  • Pieris rapae kenteana
  • Pieris rapae mauretanica
  • Pieris rapae meleager
  • Pieris rapae transcaucasica
  • Pieris rapae yunnaensis
Femmina

La cavolaia minore o rapaiola (Pieris rapae (Linnaeus, 1758)), è un lepidottero appartenente alla famiglia Pieridae.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Adulto[modifica | modifica wikitesto]

È simile alla Pieride del biancospino, ma contraddistinta da dimensioni minori. La fascia apicale è estesa verso il basso fino alla VI venatura. La femmina presenta una sfumatura giallastra e due macchie nere sull'ala anteriore.

L'apertura in genere è di 50 - 60,5 mm.

Le generazioni dei mesi estivi presentano una colorazione più scura sulle parti superiori e sulle parti inferiori dell'ala posteriore, mentre le generazioni primaverili risultano più grigiastre.

Uova[modifica | modifica wikitesto]

Uova di Pieris rapae

Si trovano, da marzo a ottobre, sulla pagina superiore o inferiore delle foglie.

Larva[modifica | modifica wikitesto]

Larva

Le larve, di colorazione verde-giallognola, sono presenti tutto l'anno, ma solitamente da marzo a novembre, isolate e ben mimetizzate nella vegetazione. Il bruco risulta molto simile a quello di Pieris napi (Pieride del navone), da cui può essere distinto per la presenza di una linea gialla lungo il dorso, segnatamente nelle ultime deposizioni.

Pupa
Giovane adulto
Maschio e femmina in fase di copula

Pupa[modifica | modifica wikitesto]

Le pupe sono succinte e si possono trovare tutto l'anno, su ogni tipo di supporto verticale. La specie trascorre l'inverno sotto forma di pupa, ma se la stagione non è molto rigida, si possono trovare anche larve.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

La specie è diffusa dall'Europa all'Africa del Nord e al Giappone. Alcuni esemplari sono stati introdotti in Nordamerica. Rinvenibile anche in Australia. Diffusa in tutta l'Italia.

È uno dei lepidotteri diurni più comuni e lo si può trovare su terreni incolti, giardini, aree fiorite in genere, ma anche ai bordi delle strade. La fascia altimetrica va dal livello del mare fino a 2000 m di quota in Europa centrale; in Italia si spinge fino a 2300 m.

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Periodo di volo[modifica | modifica wikitesto]

Da marzo a ottobre, con 2-4 generazioni l'anno.

Alimentazione[modifica | modifica wikitesto]

Il bruco si alimenta su varie specie, coltivate e non della famiglia Brassicaceae, tra cui

Vengono inoltre parassitate le foglie di altre specie come:

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Vengono attualmente riconosciute 9 sottospecie di Pieris rapae, con diverso areale:

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Carter, David, 1993 - Farfalle e falene - Fabbri Editori
  • Chinery, Michael, 1987 - Guida degli insetti d'Europa - Franco Muzzio Editore
  • Chinery, Michael, 1989 - Farfalle d'Italia e d'Europa - De Agostini/Collins
  • Chou Io (Ed.); Monographia Rhopalocerum Sinensium, 1-2
  • D'Abrera, 1980; Butterflies of the Afrotropical Region
  • Dunn K. L. & L. E., 1991; Review of Australian Butterflies: distribution, life history and taxonomy. Pushlished by authors, Melbourne Review Austr. Butts. (1-4)
  • Hemming Francis, 1937; HÜBNER, A bibliographical and systematic account of the entomological works of Jacob Hübner and of the supplements thereto by Carl Geyer, Gottfried Franz von Frölich and Gottlieb August Wilhelm Herrich-Schäffer, Vol 1 & 2
  • Hemming Francis, 1967; Generic names of the butterflies and their type-species (Lepidoptera: Rhopalocera) Bull. Br. Mus. Nat. Hist. (Ent.), Suppl.
  • (EN) Hodges, R. W. et al. (Eds), Check list of the Lepidoptera of America north of Mexico: including Greenland, Londra / Washington, D.C., E.W. Classey / Wedge Entomological Research Foundation, giugno 1983, pp. xxiv + 284, ISBN 978-0860960164, OCLC 9748761.
  • Lamas Gerardo, 2004; Atlas of Neotropical Lepidoptera; Checklis: Part 4A; Hesperioidea - Papilionoidea
  • Leraut, Patrice, 1992 - Le farfalle nei loro ambienti - Ed. A. Vallardi (ecoguide)
  • Lewis, H. L., 1974; Butterflies of the World; ISBN 0-245-52097-X
  • Linnaeus, 1758 ; Systema Naturae per Regna Tria Naturae, Secundum Clases, Ordines, Genera, Species, cum Characteribus, Differentiis, Symonymis, Locis. Tomis I. 10th Edition Syst. Nat. (Edn 10) 1
  • Mazzei Paolo, Reggianti Diego and Pimpinelli Ilaria; Moths and Butteflies of Europe
  • Opler Paul, Pavulaan Harry, Stanford Ray, Pogue Michael; Butterflies and Moths of North America; Mountain Prairie Information Node
  • Opler & Warren, 2003 (April); Butterflies of North America. 2. Scientific Names List for Butterfly Species of North America, north of Mexico.
  • Pyle Robert Michael; National Audubon Society: Field Guide to North American Butterflies; 1981; ISBN 0-394-51914-0
  • Pyle Robert Michael, 2002; The Butterflies of Cascadia
  • Seppänen, E. J, 1970; Suomen suurperhostoukkien ravintokasvit, Animalia Fennica 14
  • Smart, Paul, 1976; The Illustrated Encyclopedia of the Butterfly World; ISBN 0-600-31381-6
  • Tennent, John, 1996; The butterflies of Morocco, Algeria and Tunisia; ISBN 0-906802-05-9
  • Tuzov, Bogdanov, Devyatkin, Kaabak, Korolev, Murzin, Samodurov, Tarasov, 1997; Guide to the Butterflies of Russia and adjacent territories; Hesperiidae, Papilionidae, Pieridae, Satyridae; Volume 1
  • Verity, 1908; Rhopalocera Palaearctica Iconographie et Description des Papillons diurnes de la région paléarctique. Papilionidae et Pieridae Rhopalocera Palaearctica 1: 86+368pp, 2+12+72pls
  • Williams Mark C.; Checklist of Afrotropical Papilionoidea and Hesperoidea; Compiled by Mark C. Williams, 7th ed. (2008) (April 2007)

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

artropodi Portale Artropodi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di artropodi