Pieris krueperi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Pieris krueperi
PierisKrueperi.jpg
Pieris krueperi
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Superphylum Protostomia
(clade) Ecdysozoa
Phylum Arthropoda
Subphylum Tracheata
Superclasse Hexapoda
Classe Insecta
Sottoclasse Pterygota
Coorte Endopterygota
Superordine Oligoneoptera
Sezione Panorpoidea
(clade) Amphiesmenoptera
Ordine Lepidoptera
Sottordine Glossata
Infraordine Heteroneura
Divisione Ditrysia
(clade) Apoditrysia
(clade) Obtectomera
Superfamiglia Papilionoidea
Famiglia Pieridae
Sottofamiglia Pierinae
Tribù Pierini
Genere Pieris
Specie P. krueperi
Nomenclatura binomiale
Pieris krueperi
Staudinger, 1860
Sottospecie
  • Pieris krueperi krueperi
  • Pieris krueperi devta

Pieris krueperi Staudinger, 1860, è un Lepidottero appartenente alla famiglia Pieridae.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Adulto[modifica | modifica sorgente]

Filogeneticamente affine a Pieris ergane, Pieris mannii, Pieris napi e Pieris rapae; da queste si differenzia fondamentalmente per il fatto che la parte superiore dell'ala anteriore presenta una macchia scura triangolare in prossimità dell'apice.

L'apertura alare va da 2,1 a 2,5 cm.

Uova[modifica | modifica sorgente]

Le uova vengono deposte da aprile a ottobre.

Larva[modifica | modifica sorgente]

Le larve si possono osservare da aprile a novembre.

Pupa[modifica | modifica sorgente]

Si trovano tutto l'anno; questo stadio va in ibernazione durante l'inverno.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

La specie ha un areale di tipo paleartico, compreso tra la Penisola Balcanica sud-orientale (Bulgaria Macedonia e Grecia), l'Iran, fino all'Asia Centrale (Turkestan e Kashmir). È considerata vulnerabile in Bulgaria ed è comunque rara in tutto l'areale.

La si può osservare in corrispondenza a pendii rocciosi, anche vulcanici, dal livello del mare fino a 2000 metri di quota. Le popolazioni più meridionali raggiungono quote anche maggiori.

Biologia[modifica | modifica sorgente]

Periodo di volo[modifica | modifica sorgente]

Da marzo a ottobre, in 2-4 generazioni l'anno.

Alimentazione[modifica | modifica sorgente]

I bruchi si nutrono sulle foglie di Brassicaceae del generi Aurinia e Alyssum (in particolare Alyssum montanum).

Tassonomia[modifica | modifica sorgente]

Si distinguono due sottospecie, con differente distribuzione:

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Carter, David, 1993 - Farfalle e falene - Fabbri Editori
  • de Nicéville, 1897; On new or little-known Butterflies from the Indo- and Austro-Malayan Regions J. Asiat. Soc. Bengal (II) 66 (3): 543-577, pls. 1-4
  • Higgins, L.G, Riley, N.D, 1970; A Field Guide to the Butterflies of Britain and Europe
  • Lewis, H. L., 1974; Butterflies of the World; ISBN 0-245-52097-X
  • Mazzei Paolo, Reggianti Diego and Pimpinelli Ilaria; Moths and Butteflies of Europe
  • Smart, Paul, 1976; The Illustrated Encyclopedia of the Butterfly World; ISBN 0-600-31381-6
  • Staudinger, 1860; Pieris krueperi, Ein neuer europäischer Tagfalter Wien. ent. Mon. 4 (1): 19-20
  • Staudinger, 1886; Centralasiatische Lepidopteren Stett. Ent. Ztg. 47 (7-9): 193-215, 225-256
  • Tuzov, Bogdanov, Devyatkin, Kaabak, Korolev, Murzin, Samodurov, Tarasov, 1997; Guide to the Butterflies of Russia and adjacent territories; Hesperiidae, Papilionidae, Pieridae, Satyridae; Volume 1
  • Williams Mark C.; Checklist of Afrotropical Papilionoidea and Hesperoidea; Compiled by Mark C. Williams, 7th ed. (2008) (April 2007)

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

artropodi Portale Artropodi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di artropodi