Pieris angelika

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Pieris angelika
Immagine di Pieris angelika mancante
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Superphylum Protostomia
(clade) Ecdysozoa
Phylum Arthropoda
Subphylum Tracheata
Superclasse Hexapoda
Classe Insecta
Sottoclasse Pterygota
Coorte Endopterygota
Superordine Oligoneoptera
Sezione Panorpoidea
(clade) Amphiesmenoptera
Ordine Lepidoptera
Sottordine Glossata
Infraordine Heteroneura
Divisione Ditrysia
(clade) Apoditrysia
(clade) Obtectomera
Superfamiglia Papilionoidea
Famiglia Pieridae
Sottofamiglia Pierinae
Tribù Pierini
Genere Pieris
Specie P. angelika
Nomenclatura binomiale
Pieris angelika
Eitschberger, 1983

Pieris angelika Eitschberger, 1983, è un lepidottero appartenente alla famiglia Pieridae.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Adulto[modifica | modifica wikitesto]

Specie nordamericana, poco conosciuta, affine a Pieris oleracea e Pieris marginalis.

Il maschio ha una colorazione da bianca a bianco-grigiastra, con nervature più o meno marcate; il margine esterno delle ali è più scuro, soprattutto in corrispondenza della terminazione delle nervature.

La femmina ha colorazioni giallastre o giallo-grigiastre. Presenta due macchie nere sull'ala anteriore e scaglie nere in corrispondenza delle venature. Il lato inferiore è più scuro e con nervature più marcate rispetto a quello superiore.

L'apertura alare è compresa tra 3,3 e 4,2 cm.

Uova[modifica | modifica wikitesto]

Dati mancanti.

Larva[modifica | modifica wikitesto]

Dati mancanti.

Pupa[modifica | modifica wikitesto]

Dati mancanti.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Specie Neartica, diffusa in Alaska, Yukon e Territori del Nord-Ovest.

La si può trovare in boscaglie uumide e nella tundra alpina.

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Periodo di volo[modifica | modifica wikitesto]

Da maggio a luglio in un'unica generazione annua

Alimentazione[modifica | modifica wikitesto]

Non sono note le piante ospite, ma probabilmente si tratta di specie appartenenti alle Brassicaceae.

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Non sono state descritte sottospecie.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Capinera, J. L. (Ed.), Encyclopedia of Entomology, 4 voll., 2nd Ed., Dordrecht, Springer Science+Business Media B.V., 2008, pp. lxiii + 4346, ISBN 978-1-4020-6242-1, LCCN 2008930112, OCLC 837039413.
  • (EN) Kükenthal, W. (Ed.), Handbuch der Zoologie / Handbook of Zoology, Band 4: Arthropoda - 2. Hälfte: Insecta - Lepidoptera, moths and butterflies in Kristensen, N. P. (a cura di), Handbuch der Zoologie, Fischer, M. (Scientific Editor), Teilband/Part 35: Volume 1: Evolution, systematics, and biogeography, Berlino, New York, Walter de Gruyter [1998], 1999, pp. x + 491, ISBN 978-3-11-015704-8, OCLC 174380917.
  • Opler Paul, Pavulaan Harry, Stanford Ray, Pogue Michael; Butterflies and Moths of North America; Mountain Prairie Information Node
  • Opler & Warren, 2003 (April); Butterflies of North America. 2. Scientific Names List for Butterfly Species of North America, north of Mexico.
  • (EN) Scoble, M. J., The Lepidoptera: Form, Function and Diversity, seconda edizione, London, Oxford University Press & Natural History Museum [1992], 2011, pp. xi, 404, ISBN 978-0-19-854952-9, LCCN 92004297, OCLC 25282932.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]