Paul Hildgartner

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Paul Hildgartner
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Altezza 178 cm
Peso 79 kg
Slittino Luge pictogram.svg
Dati agonistici
Specialità Singolo, doppio
Squadra Carabinieri
Ritirato 1988
Hall of Fame FIL Hall of Fame (2004)
Palmarès
Olimpiadi 2 1 0
Mondiali 2 0 3
Europei 4 1 1
Coppa del Mondo - Singolo 3 trofei
Per maggiori dettagli vedi qui
Statistiche aggiornate al 21 settembre 2012

Paul Hildgartner (Chienes, 8 giugno 1952) è un ex slittinista italiano. È stato uno dei più forti ed eclettici atleti di questo sport, l'unico che sia mai stato capace di vincere tanto nel singolo quanto nel doppio la medaglia d'oro ai Giochi olimpici, ai mondiali ed agli europei.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

In carriera inizialmente ha gareggiato in entrambe le discipline, ma è nel doppio che ha colto i primi successi, in coppia con Walter Plaikner, trionfando sia ai campionati mondiali che in quelli europei del 1971 e l'anno successivo vincendo la medaglia d'oro ai Giochi olimpici di Sapporo 1972 ex aequo con il duo della Germania Est formato da Horst Hörnlein e Reinhard Bredow[1][2].

Dopo aver conseguito un bronzo mondiale nel 1973 ed un altro oro europeo nel 1974 ha concluso la sua avventura nella specialità del doppio dopo il ritiro dall'attività agonistica di Plaikner, avvenuto all'indomani dell'undicesima piazza ottenuta alle Olimpiadi di Innsbruck 1976.

Focalizzandosi esclusivamente nel singolo è riuscito nuovamente a primeggiare in tutte le più importanti competizioni internazionali, conquistando la medaglia d'argento ai Giochi di Lake Placid 1980 e quella d'oro nella successiva rassegna a cinque cerchi a Sarajevo 1984, ed inoltre un oro nel 1978 e due bronzi nel 1979 e nel 1983 ai campionati mondiali e due titoli europei nel 1978 e nel 1984

Ha debuttato nella gara inaugurale della Coppa del Mondo del 20 dicembre 1977 a Königssee ottenendo subito la prima vittoria nel singolo. In classifica generale per tre volte, nel 1978/79, 1980/81 (a pari punti con Ernst Haspinger) e nel 1982/83 ha vinto il trofeo del singolo.

A Sarajevo 1984 ha avuto altresì l'onore di essere nominato portabandiera della rappresentativa italiana alla cerimonia d'apertura dei Giochi olimpici; tale privilegio gli è stato conferito pure quattro anni più tardi a Calgary 1988, dove però riuscì a piazzarsi soltanto 10°. Tuttavia, oltre al marciatore Ugo Frigerio, allo schermidore Edoardo Mangiarotti e allo sciatore Gustav Thöni, Hildgartner è stato l'unico italiano scelto per due volte come portabandiera dell'Italia nella cerimonia di apertura.

Come riconoscimento di questa strepitosa carriera, nel 2004 è stato il primo, insieme a Klaus Bonsack e Margit Schumann, ad essere introdotto nella Hall of Fame della Federazione Internazionale di Slittino[3].

In suo onore la curva numero diciassette della pista di Cesana Torinese, che è stata la sede di gara per quanto concerne bob, slittino e skeleton ai Giochi olimpici di Torino 2006, è stata ribattezzata con il suo nome[4].

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Olimpiadi[modifica | modifica wikitesto]

Mondiali[modifica | modifica wikitesto]

Europei[modifica | modifica wikitesto]

Coppa del Mondo[modifica | modifica wikitesto]

  • Vincitore della Coppa del Mondo nella specialità del singolo nel 1978/79, nel 1980/81 e nel 1982/83.
  • 22 podi (tutti nel singolo):
    • 11 vittorie;
    • 7 secondi posti;
    • 4 terzi posti.

Coppa del Mondo - vittorie[modifica | modifica wikitesto]

Data Luogo Paese Disciplina
20 dicembre 1977 Königssee bandiera Germania Ovest Singolo
21 gennaio 1979 Imst Austria Austria Singolo
18 febbraio 1979 Igls Austria Austria Singolo
21 dicembre 1980 Winterberg bandiera Germania Ovest Singolo
11 gennaio 1981 Imst Austria Austria Singolo
17 gennaio 1982 Imst Austria Austria Singolo
30 gennaio 1983 Lake Placid Stati Uniti Stati Uniti Singolo
27 febbraio 1983 Königssee bandiera Germania Ovest Singolo
15 gennaio 1984 Imst Austria Austria Singolo
26 febbraio 1984 Königssee bandiera Germania Ovest Singolo
11 gennaio 1987 Valdaora Italia Italia Singolo

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Hildgartner-Plaikner sullo slittino volante in Stampa Sera, 10 febbraio 1972, p. 11. URL consultato il 13 ottobre 2012.
  2. ^ Carlo Moriondo, Fedeli alla consegna di vincere i due carabinieri dello slittino in La Stampa, 11 febbraio 1972, p. 17. URL consultato il 13 ottobre 2012.
  3. ^ (EN) First admission to the „Hall of Fame“ in the sport of luge in www.fil-luge.org. URL consultato il 21 settembre 2012.
  4. ^ (EN) Luge at the 2006 Torino Winter Games in www.sports-reference.com. URL consultato il 21 settembre 2012.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Alfiere dell'Italia ai Giochi olimpici invernali Successore
Gustav Thöni Sarajevo 1984 Paul Hildgartner I
Paul Hildgartner Calgary 1988 Alberto Tomba II