Kurt Brugger

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Kurt Brugger
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Altezza 185 cm
Peso 85 kg
Slittino Luge pictogram.svg
Dati agonistici
Specialità Singolo, doppio
Squadra Forestale Forestale
Ritirato 2003
Palmarès
Olimpiadi 1 0 0
Mondiali 0 2 2
Europei 1 3 0
Mondiali juniores 1 0 1
Per maggiori dettagli vedi qui
Statistiche aggiornate al 26 febbraio 2012

Kurt Brugger (Brunico, 17 marzo 1969) è un ex slittinista italiano, vincitore di una medaglia d'oro ai Giochi olimpici di Lillehammer 1994.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Iniziò a gareggiare per la nazionale italiana nelle varie categorie giovanili sia nella specialità del singolo che in quella del doppio con Wilfried Huber, ottenendo, quali migliori risultati, una medaglia d'oro nel singolo ed una di bronzo nel doppio ai campionati mondiali juniores di Valdaora 1988.

A livello assoluto esordì in Coppa del Mondo nella stagione 1986/87 gareggiando sia nel doppio sia nel singolo, ma ben presto abbandonò quest'ultima specialità per concentrarsi unicamente nel doppio, dove colse tutte le sue maggiori soddisfazioni; conquistò il primo podio di Coppa l'11 gennaio 1987 nel doppio a Valdaora (2°) e la prima vittoria l'11 dicembre 1988 nel doppio a Sarajevo. In classifica generale si classificò al secondo posto in quattro occasioni nella specialità del doppio.

In carriera prese parte a quattro edizioni dei Giochi olimpici invernali: esordì a Calgary 1988 dove colse la settima piazza nel doppio e la quindicesima nel singolo, si ripresentò ad Albertville 1992 giungendo quinto nel doppio, mentre a Lillehammer 1994 vinse il titolo olimpico nella specialità del doppio; partecipò per l'ultima volta sempre nel doppio a Nagano 1998, classificandosi nuovamente quinto.

Nel corso della sua carriera conquistò altresì quattro medaglie ai campionati mondiali, due d'argento e due di bronzo ed altre quattro nelle rassegne continentali, tra le quali una d'oro nella gara a squadre a Schönau am Königssee 1994.

Lasciata l'attività agonistica al termine della stagione 2002/03 si dedicò ad un'altra sua passione: l'alpinismo. La sua impresa più importante è stata la scalata al Nanga Parbat, una delle cime più alte e temute dell'Himalaya nonché del mondo[1].

Da anni fa parte dello staff della nazionale italiana di slittino, divenendone capo allenatore dalla stagione 2013/14[2][3][4][5].

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Olimpiadi[modifica | modifica wikitesto]

Mondiali[modifica | modifica wikitesto]

Europei[modifica | modifica wikitesto]

Mondiali juniores[modifica | modifica wikitesto]

Coppa del Mondo[modifica | modifica wikitesto]

  • Miglior piazzamento in classifica generale nel doppio: 2° nel 1989/90, nel 1992/93, nel 1994/95 e nel 1997/98.
  • 35 podi (tutti nel doppio):
    • 7 vittorie;
    • 15 secondi posti;
    • 13 terzi posti.

Coppa del Mondo - vittorie[modifica | modifica wikitesto]

Data Luogo Paese Disciplina
11 dicembre 1988 Sarajevo Jugoslavia Jugoslavia Doppio
con Wilfried Huber
11 febbraio 1990 Winterberg bandiera Germania Ovest Doppio
con Wilfried Huber
28 febbraio 1993 Lake Placid Stati Uniti Stati Uniti Doppio
con Wilfried Huber
4 dicembre 1994 Winterberg Germania Germania Doppio
con Wilfried Huber
19 febbraio 1995 Altenberg Germania Germania Doppio
con Wilfried Huber
26 gennaio 1997 Oberhof Germania Germania Doppio
con Wilfried Huber
18 febbraio 2001 Lake Placid Stati Uniti Stati Uniti Doppio
con Wilfried Huber

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Kurt Brugger climbed Nanga Parbat in Federazione Internazionale Slittino, 14 ottobre 2003. URL consultato il 13 luglio 2013.
  2. ^ Slittino artificiale, le squadre 2007-08 in Federazione Italiana Sport Invernali, 18 giugno 2007. URL consultato il 13 luglio 2013.
  3. ^ Slittino su pista artificiale, le squadre della stagione 2009/10 in Federazione Italiana Sport Invernali, 6 giugno 2009. URL consultato il 13 luglio 2013.
  4. ^ Slittino, la composizione delle squadre per la stagione 2012-2013 in Federazione Italiana Sport Invernali, 10 maggio 2012. URL consultato il 13 luglio 2013.
  5. ^ Slittino artificiale e naturale, le squadre per la stagione 2013/14 in Federazione Italiana Sport Invernali, 10 maggio 2013. URL consultato il 13 luglio 2013.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]