Off the Wall (album Michael Jackson)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Off the Wall
Artista Michael Jackson
Tipo album Studio
Pubblicazione 29 agosto 1979
Durata 42 min: 23 s
(edizione originale)
60 min : 20 s
(special edition 2001)
Dischi 1
Tracce 10 (edizione originale)
19 (special edition 2001)
Genere Rhythm and blues
Disco
Soul
Etichetta Epic Records
Produttore Quincy Jones
Registrazione 4 dicembre 1978 - 7 luglio del 1979
Note Ristampato nel 2001 con 9 bonus tracks.
Certificazioni
Dischi d'oro Italia Italia[1]
(Vendite: 30.000+)
Dischi di platino Australia Australia (5)[2]
(Vendite: 350.000+)
Francia Francia[3]
(Vendite: 300.000+)
Stati Uniti Stati Uniti (8)[4]
(Vendite: 8.000.000+)
Michael Jackson - cronologia
Album successivo
(1981)
Singoli
  1. Don't Stop 'Til You Get Enough
    Pubblicato: 28 luglio 1979
  2. Rock with You
    Pubblicato: 3 novembre 1979
  3. Off the Wall
    Pubblicato: 2 febbraio 1980
  4. She's Out of My Life
    Pubblicato: 19 aprile 1980
  5. Girlfriend
    Pubblicato: 16 luglio 1980

Off the Wall è il quinto album in studio del cantante statunitense Michael Jackson, pubblicato il 10 agosto 1979 dalla Epic Records. Il disco presenta uno stile più vario rispetto ai precedenti lavori del cantante, sia da solista che con i Jackson Five nella Motown. Esso, infatti, presente diversi generi musicali, spaziando dal R&B al Disco e dal Soul al Pop.

L'album ricevette molte critiche e recensioni positive, in particolar modo verso la performance vocale di Jackson, e valse al cantante il suo primo Grammy dall'inizio degli anni settanta. Con Off the Wall, Jackson divenne il primo artista nella storia della musica ad aver piazzato in classifica quattro singoli provenienti dallo stesso album: Don't Stop 'Til You Get Enough, Rock with You, Off the Wall e She's Out of My Life. All'album va attribuito anche il merito di aver rotto ogni barriera razziale, almeno musicalmente parlando, dato che divenne il primo lavoro di cantante di colore ad entrare in una classifica di artisti bianchi, dando così il via alla nascita delle classifiche unificate.

Il 6 ottobre 2001, in occasione dell'anniversario dei 30 anni di carriera di Jackson, l'album fu ristampato in edizione speciale dalla Sony Music con demo inedite e varie interviste fatte a Quincy Jones e Rod Temperton. Recenti recensioni di All Music Guide e Blender hanno continuato a lodare Off the Wall per la sua importanza nel XXI secolo. Nel 2003, la nota rivista Rolling Stone l'ha inserito alla posizione numero 68 della sua lista dei 500 migliori album. Nel 2008, invece, entrò nella prestigiosissima Grammy Hall of Fame.

Il disco[modifica | modifica sorgente]

Questo è il primo lavoro da solista di Jackson ad aver avuto un successo strepitoso tanto da screditare le critiche che volevano la sua carriera conclusa dopo il divorzio con la casa discografica Motown nel 1975; il titolo originale dell'album doveva essere Girlfriend.

A più di 25 anni dalla sua prima pubblicazione, Off the Wall rimane l'album con cui Michael Jackson iniziò ad imporsi nel panorama musicale mondiale come Re del Pop. Nel 2003 il network televisivo VH1 nominò Off the Wall il 36º album più importante di tutti i tempi. L'album che seguì a questo, Thriller, ebbe però molto più successo.

In totale, il disco ha venduto oltre 20 milioni di copie in tutto il mondo.[senza fonte]

Off the Wall è l'album che segna la consacrazione del cantante ottenendo buoni risultati, successo che verrà battuto dal successivo album Thriller (pubblicato 3 anni dopo, nel 1982) e che seguirà una lunga carriera ricca di successi da li' in poi, per il cantante americano.

A séguito della morte dell'artista, avvenuta il 25 giugno 2009, Off The Wall è rientrato ai primo posti nelle classifiche internazionali, in particolare negli Stati Uniti, dove ha venduto 250.000 copie nella prima settimana dopo la morte. A distanza di 4 mesi, in ottobre, ha ricevuto l'ottavo disco di platino dalla RIAA.

Inoltre è uscito che, a seguito della morte del cantante, verranno pubblicati altri 10 album (dopo Michael e Xscape) per i prossimi 8 anni; uno di questi (ancora da preparare e montare) si baserà su alcune tracce proprio di Off the Wall.

Tracce[modifica | modifica sorgente]

  1. Don't Stop 'til You Get Enough – 6:05 (Michael Jackson)
  2. Rock With You – 3:40 (Rod Temperton)
  3. Workin' Day and Night – 5:14 (Michael Jackson)
  4. Get On The Floor – 4:39 (Michael Jackson, Louis Johnson)
  5. Off the Wall – 4:05 (Rod Temperton)
  6. Girlfriend – 3:05 (Paul McCartney)
  7. She's Out of My Life – 3:37 (Tom Bahler)
  8. I Can't Help It – 4:29 (Stevie Wonder, Susaye Greene)
  9. It's The Falling In Love – 3:48 (Carole Bayer Sager, David Foster) – Duetto con Patti Austin
  10. Burn This Disco Out – 3:41 (Rod Temperton)
Tracce extra, aggiunte nella Special Edition del 2001
  1. Intervista #1 con Quincy Jones – 0:37
  2. introduzione per Don't Stop 'til You Get Enough (Original Demo From 1978) – 0:13
  3. Don't Stop 'Til You Get Enough (Original Demo From 1978) – 4:48 (Michael Jackson)
  4. Intervista #2 con Quincy Jones – 0:30
  5. introduzione per Workin' Day And Night (original Demo From 1978) – 0:10
  6. Workin' Day and Night (Original Demo From 1978) – 4:20 (Michael Jackson)
  7. Intervista #3 con Quincy Jones – 0:49
  8. Intervista #1 con Rod Temperton – 4:57
  9. Intervista #4 con Quincy Jones – 1:33

Durata totale: 17:57

Out-takes[modifica | modifica sorgente]

Classifica[modifica | modifica sorgente]

Classifica (1979/1980) Posizione
massima
Stati Uniti 3
Canada 4
Regno Unito[5] 5
Francia 27
Germania 25
Giappone 26
Australia 1
Italia 7

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ CERTIFICAZIONE ALBUM fisici e digitali dalla settimana 1 del 2009 alla settimana 14 del 2012, FIMI. URL consultato il 22 aprile 2012.
  2. ^ (EN) ARIA Charts - Accreditations - 2009 Albums, ARIA. URL consultato il 14 aprile 2012.
  3. ^ (FR) Les Certifications - Michael Jackson, InfoDisc. URL consultato il 21 aprile 2012.
  4. ^ (EN) RIAA Gold & Platinum, RIAA. URL consultato il 14 aprile 2012.
  5. ^ (EN) Andamento di Off the Wall nella classifica del Regno Unito, chart archive. URL consultato il 14 aprile 2012.