Moscufo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Moscufo
comune
Moscufo – Stemma
Moscufo – Veduta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Abruzzo-Stemma.svg Abruzzo
Provincia Provincia di Pescara-Stemma.png Pescara
Amministrazione
Sindaco Alberico Ambrosini (lista civica) dall'08/06/2009
Territorio
Coordinate 42°26′00″N 14°03′00″E / 42.433333°N 14.05°E42.433333; 14.05 (Moscufo)Coordinate: 42°26′00″N 14°03′00″E / 42.433333°N 14.05°E42.433333; 14.05 (Moscufo)
Altitudine 246 m s.l.m.
Superficie 20,26 km²
Abitanti 3 277[1] (31-12-2010)
Densità 161,75 ab./km²
Frazioni Bivio Casone, Casale, Moscufo Scalo, Pischiarano, Selvaiella, Senarica, Valle Pelillo, Villa Sibi
Comuni confinanti Cappelle sul Tavo, Collecorvino, Loreto Aprutino, Pianella, Spoltore
Altre informazioni
Cod. postale 65010
Prefisso 085
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 068025
Cod. catastale F765
Targa PE
Cl. sismica zona 3 (sismicità bassa)
Cl. climatica zona D, 1 429 GG[2]
Nome abitanti moscufesi
Patrono san Cristoforo
Giorno festivo 25 luglio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Moscufo
Posizione del comune di Moscufo all'interno della provincia di Pescara
Posizione del comune di Moscufo all'interno della provincia di Pescara
Sito istituzionale

Moscufo è un comune italiano di 3.275 abitanti della provincia di Pescara in Abruzzo.

Sull'origine del nome "Moscufo" non c'è chiarezza. Potrebbe derivare da Moscosus, oppure da Muskulf, nome di un capo longobardo che aveva posto il suo accampamento sul pianoro di Contrada Santa Maria, dove oggi c'è il cimitero e l'abbazia di Santa Maria del Lago. Pare ci sia un toponimo uguale nell'Hannover.[senza fonte] Nel dialetto originario, correntemente parlato e compreso dai residenti fino al 1970 circa, il nome del paese è Meuscuf dove la o iniziale è sostituita da un suono molto simile al dittongo francese eu in sillaba aperta e l'ultima o è muta.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Diverse sono le tracce del passato di Moscufo. Sembra che l'antico pagus romano fosse centrato intorno all'abbazia di Santa Maria del Lago, quindi più a sud dell'antico paese, come hanno testimoniato i frequenti ritrovamenti in quelle zone di monete romane e altri reperti. L'attuale conformazione del paese a borgo fortificato sarebbe di epoca carolingia. La natura di Moscufo come antico borgo fortificato è testimoniata dalla toponomastica: le due entrate del paese sono ancora soprannominate porta cieca e porta furia, e c'è una via del Castello. Inoltre rimangono ancora in piedi parte dalle mura, oltre che un bastione in cotto verso la valle del Tavo. Fuori il paese, in campagna, ci sono ancora alcuni torrioni di avvistamento spuntati durante le incursioni turche (la casa-torre più vicina è datata da una maiolica al 1527).

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[3]

Edifici d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Chiesa di San Cristoforo

La chiesa parrocchiale dedicata a San Cristoforo sorge nel cuore del paese di fronte al palazzo comunale. Nel 1324 questa chiesa figurava già soggetta al pagamento delle dècime della Curia romana, ma l'attuale costruzione risale al XVII secolo. La monumentale facciata, tutta in laterizio, rivela chiaramente il carattere barocco, infatti fu costruita nel 1607. La forte muraglia è vivacizzata da lesène sporgenti e arretrate poggiate su alti basamenti e da aggetanti cornici. Il semplice portale è chiuso da battenti in legno dello stesso carattere barocco; nella lunetta soprastante ha risalto lo stemma municipale. Un ampio frontone curvilineo conclude la zona mediana della facciata, mentre il coronamento a fronte triangolare è classicheggiante. L'interno, ampio e luminoso, è ad unica navata su pianta rettangolare a spigoli arrotondati. Ricco è l'ornamento scultoreo con varietà di stucchi; in gran parte eseguiti da Ambrosio Piazza: opulenti festoni, angioletti in atteggiamenti diversi, a tutto tondo e ad altorilievo, svolazzano sulle pareti, sugli archi, sugli altari laterali, creando un piacevole movimento. Negli angoli concavi sporgono pulpiti convessi a creare maggior movimento e contrasti tra spazi ricurvi dove si aprono anche nicchie recanti statue di santi. La zona presbiteriale è cartatterizata da un profondo arco a tutto sesto, riccamente ornato da stucchi; sulla parete di fondo la grande tela raffigurante San Cristoforo, incorniciata da rilevi in un festoso barocco. Ai lati dell'altare maggiore, due grandi tele: "San Vincenzo De Paoli" e la "Madonna Addolorata". Altre di un certo pregio, sugli altari laterali: "il purgatorio", il "SS. Rosario", "San Biagio" e il "San Francesco di Paola". Altre pitture sulla movimentata volta a botte, in caratteristici riquadri, rappresentano scene ispirate al libro di Ester; le finestre, anche esse adornate da stucchi, sono coronate da profonde lunette. Sotto la finestra mediana che illumina il presbiterio, due graziosi angioletti reggono lo scudo con lo stemma di Moscufo. Anche le pareti laterali seguono un movimento tipicamente barocco: lesène binate dai ricchi capitelli artisticamente modellati si inseriscono nel fregio di altorilievi a festoni che, con l'aggettante cornicione, gira tutto intorno al perimetro della chiesa. Due eleganti colonne isolate, poste su alti basamenti, reggono la sinuosa balaustrata dell'artistico organo in legno addossato alla parete retrofacciata. Interessanti anche il coro in noce finemente intagliato e i confessionali realizzati nel 1778 da Fabrizio De Fabritiis di Orsogna. È del 1780 il prezioso reliquiario di San Cristoforo, lavorato in argento.

A pochi passi dalla chiesa, sorge il municipio (palazzo Orsini), restaurato recentemente, è diventato di nuovo sede del comune di Moscufo. L'edificio, altro non è, antica dimora della nobile famiglia Orsini. L'unica nota degna di citazione che emerge dalla facciata è l'artistico balcone in ferro battuto a linea sinuosa, che come la chiesa antistante, ricorda il possente stile barocco. La struttura architettonica è molto semplice con rafforzamenti angolari e cornicione di completamento; le finestre sono prive di ornamenti. Imponente, invece, il portone d'ingresso, anch'esso restaurato, che reca lo stemma del Comune. All'interno un piccolo atrio conduce alla scalinata che immette al piano superiore con i vari ambienti intercomunicativi; vi sono ancora porte dipinte, dal carattere settecentesco; poco è rimasto, invece, della vecchia struttura. Oltre al palazzo Orsini, altro edificio civile degno di nota è palazzo Ferri.

Uscendo dalla piazzetta nel centro storico, che coincide con il punto più alto della collina su cui sorge Moscufo, e scendendo per le strade del paese, si incontrano via via tutti gli altri edifici della cittadina.

Altra chiesa settecentesca, con grazioso campanile a cipolla, è la chiesa della Pietà. Chi sono anche due palazzi interessanti, il Palazzo Ferri è il Palazzo Orsini.

Santa Maria del Lago[modifica | modifica wikitesto]

Il monumento di maggior rilievo di Moscufo è però la bella chiesa romanica di Santa Maria del Lago. La chiesa, anticamente detta così per via della vicinanza del bosco (Lucus) era un'abbazia benedettina, come testimoniano le aperture laterali a forma di ogiva verso il chiostro. La facciata, estremamente spoglia e semplice, introduce a un interno elegante e sobrio, con eleganti affreschi del XII secolo, parzialmente sbiaditi dal tempo e dalla sovrapposizione di altre pitture. Ma il vero capolavoro della chiesa è l'ambone policromo, del maestro Nicodemo da Guardiagrele, bellissimo esempio di scultura romanica. Scolpite in rilievo sull'ambone vi sono storie veterotestamentarie (tra le quali: Davide – o Sansone? - che uccide il leone, Davide che affronta l'orso, Giona inghiottito dal pesce, Giona rigettato dal pesce); storie di Santi (San Giorgio che uccide il drago); figure allegoriche; animali fantastici; deformi figure umane come telamoni. In dimensioni maggiori e in rilievo molto più accentuato sono scolpiti i simboli del Tetramorfo. L'opera inoltre è firmata e datata (1159). Le ampie tracce di policromia ancora visibili fanno di questo pregevolissimo monumento - tra i maggiori d'Abruzzo, ma di rilievo senza dubbio nazionale - una rara testimonianza dell'uso di dipingere le sculture, un tempo molto diffuso ma oggi difficilmente visibile a causa del degrado del colore. La stessa chiesa ospita ancora una pregevole Madonna con Bambino del 1465 circa, tavola di Andrea De Litio, massimo pittore abruzzese del suo tempo. L'attiguo cimitero, di fondazione napoleonica, vale una visita perché i moscufesi hanno replicato le amatissime forme di Santa Maria del Lago per le proprie cappelle funebri, disegnando uno scenario assolutamente caratteristico.

Moscufo
La chiesa Santa Maria del Lago

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
2004 2009 Dilva Ferri lista civica Sindaco
2009 in carica Alberico Ambrosini lista civica Sindaco

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Moscufo è gemellata con:

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Moscufo ospita rigogliosi uliveti e numerosi frantoi formando con i comuni di Pianella e Loreto Aprutino il cosiddetto "triangolo d'oro dell'olio". Si tratta di un'area le cui caratteristiche geomorfologiche e microclimatiche consentono la produzione di olio extravergine Aprutino Pescarese dalle straordinarie qualità chimiche e organolettiche[4]. Spesso d'estate si tiene una sagra dedicata al rinomato olio.

È proprio a Moscufo, inoltre, che ha sede Universal Caffè, azienda abruzzese che opera nel settore della torrefazione del caffè.

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Calcio[modifica | modifica wikitesto]

La principale squadra di calcio della città è la Polisportiva Moscufo 1971 che milita nel girone B abruzzese di Promozione. È nata nel 1971.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al primo gennaio 2012.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF) in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  4. ^ Provincia di Pescara Turismo

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Abruzzo Portale Abruzzo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Abruzzo