Martiri polacchi della seconda guerra mondiale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

I martiri polacchi della seconda guerra mondiale sono un gruppo di 108 tra ecclesiastici, religiosi e laici vittime delle persecuzioni contro la Chiesa cattolica in Polonia da parte delle truppe di occupazione tedesche negli anni tra il 1939 e il 1945. Il gruppo non comprende tutti i cattolici polacchi vittime del nazismo.

Il gruppo comprende: 3 vescovi, 52 sacerdoti e 3 seminaristi appartenenti al clero secolare; 26 sacerdoti professi, 7 fratelli professi e 8 religiose; 9 laici.

Antoni Julian Nowowiejski, vescovo di Płock, è ritenuto il capofila dei martiri.

Nowowiejski e i suoi 107 compagni sono stati proclamati beati da papa Giovanni Paolo II il 13 giugno 1999 a Varsavia.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

cattolicesimo Portale Cattolicesimo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cattolicesimo