Mappa di Piri Reis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La cosiddetta mappa di Piri Reis (dimensioni: 90 x 63 cm).

La mappa di Piri Reis è un documento cartografico realizzato dall'ammiraglio turco Piri Reìs nel 1513.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

La mappa pergamenacea è conservata nella Biblioteca del Palazzo Topkapı di Istanbul, dove fu rinvenuta nel 1929 durante i lavori di rifacimento per trasformarlo in museo: è una parte di un documento più ampio, di cui rappresenta circa un terzo (o forse la metà) dell'estensione originaria. Rappresenta una porzione dell'Oceano Atlantico oltre alle coste dell'Europa, dell'Africa e del versante orientale dell'America meridionale.

Reca una scritta che dice:

« Composta dall’umile Pīr figlio di Hajji Mehmet, noto come nipote per parte di padre di Kemāl Reʾīs - possa Dio perdonarli -, nella città di Gallipoli, nel mese del sacro Muḥarram, nell’anno 919 [dell’Egira, corrispondente al marzo-aprile 1513] »

La mappa venne probabilmente realizzata da Piri Re'ìs per essere offerta al Sultano ottomano Solimano il Magnifico nel 1517. Probabilmente, subì alcuni ritocchi minori, successivi al 1519. Essa fu redatta sulla scorta di diverse informazioni, ricavate da carte nautiche e da mappamondi precedenti, rendendo il tutto coerente. Oltre a quattro portolani portoghesi, Pīrī Reʾīs si avvalse anche della cosiddetta "mappa di Colombo" (usata cioè dal grande navigatore italiano,[1] come attesta lo stesso Piri Re'is nella scritta autografa sulla sua Mappa), che era stata razziata dopo la cattura di sette navi spagnole al largo di Valencia.

Alcuni scienziati[2] hanno avanzato ipotesi alternative per spiegare una loro differente interpretazione, secondo cui alcune linee di costa rappresenterebbero invece l'Antartide con un livello di dettaglio difficilmente raggiungibile nel XVI secolo. Nell'estremo lembo di terra è disegnato un serpente a pois, con una scritta esplicativa, che potrebbe rappresentare una foca leopardo. Tuttavia è stato dimostrato[3] che non vi è alcuna correlazione tra la forma del continente antartico attuale (né passato) con le linee indicate sulla mappa.

La mappa poi si ispira chiaramente (anche se in maniera imprecisa e distorta) ad altre mappe coeve, come quella di Martin Waldseemüller, e, più probabilmente, a mappe portoghesi che non ci sono pervenute, ma di cui abbiamo alcune descrizioni. In particolare, l'ammiraglio potrebbe essere riuscito a mettere le mani sulle mappe realizzate nella spedizione del capitano portoghese Pedro Alvarez Cabral, che nel 1500 raggiunse il Sudamerica partendo dalla Guinea; oppure su quelle realizzate tra il 1501 e il 1504 da Vespucci, quando, al servizio del capitano portoghese Gonzalo Coelho, discese di molto le coste sudamericane, arrivando in Patagonia.

Dopo la scoperta, le numerose note sulla mappa vennero tradotte nel 1935 - per esplicita volontà di Atatürk - da Bay Hasan Fehmi e Yusuf Akcura, per conto della "Società storica turca" (Turk tarihi kurumu). I due curatori allegarono l’integrale trascrizione delle legende della Carta di Piri Reis (Piri Reis Haritasi), presenti in margine all'originale, in lingua turca moderna, tedesco, francese, inglese e italiano. La Carta è stata nuovamente riprodotta nel 1966, anche in seguito all'approfondito studio di Ayşe Afetinan che, nel 1954, parlò dell'opera nel lavoro The oldest map of America.

Il riferimento a Colombo[modifica | modifica wikitesto]

Particolarmente illuminante appare una sua frase, riportata in margine al foglio e redatta in lingua turca ottomana (con caratteri quindi derivati dall'arabo). In un passaggio in cui si parla del continente americano letteralmente si può leggere:

(TR)
« … Amma şöyle rivayet ederler kim Cinevizden bir kâfir adına Qolōnbō derler imiş, bu yerleri ol bulmuştur … »
(IT)
« … Ma si racconta che un infedele di Genova di nome Colombo abbia scoperto questi paraggi … »
(Piri Reis haritası - Piri Reìs)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Si veda il lemma «Pīrī Reʾīs», su The Encyclopaedia of Islam (S. Soucek).
  2. ^ Charles Hapgood, Mappe degli antichi re del mare, 1966; Erich von Däniken, Gli extraterrestri torneranno, 1969; Flavio Barbiero, Una civiltà sotto il ghiaccio, 2000; Graham Hancock, Impronte degli dei, 1995.
  3. ^ D. Cuoghi, "I misteri della mappa di Piri Reis", in M. Polidoro, Gli enigmi della storia, Milano 2003.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Paul E. Kahle, A Lost Map of Columbus, in "Geographic Review" (American Geographical Society) XXIII (1933), pp. 621–638.
  • Hakkinda Izahname e Yusuf Akçura, Piri Reis Haritasi (La Carta di Piri Reis), Ankara, 1935 (ristampa 1999).
  • A. Afetinan, The Oldest Map of America, Drawn by Piri Reis, Türk Tarih Kurumu Basimevi, Ankara 1954, pp. 6–15.
  • Charles H. Hapgood, Maps of the Ancient Sea Kings: Evidence of Advanced Civilization in the Ice Age, Chilton Books, New York 1966, ISBN 0-8019-5089-9.
  • Sevim Tekeli, The Map of America by Piri Reis, in "Erdem" I (1985), pp. 673–683.
  • A. Afetinan, Life and Works of Piri Reis: The Oldest Map of America. (2nd ed.), Turkish Historical Society, Ankara 1987.
  • Pierluigi Portinaro - Franco Knirsch, The Cartography of North America, 1500–1800, New York 1987. ISBN 0-8160-1586-4.
  • M. Yerci, The Accuracy of the First World Map Drawn by Piri Reis, in "Cartographic Journal" XXVI (1989), pp. 154–155.
  • Svat(opluk) Soucek, Piri Reis and Turkish map-making after Columbus, Londra, 1992.
  • Gregory C. McIntosh, The Piri Reis Map of 1513, University of Georgia Press, Athens, Georgia, 2000. ISBN 0-8203-2157-5.
  • Peter Mesenburg, Kartometrische Untersuchung und Rekonstruktion der Weltkarte des Pīrī Re'īs (1513), in "Cartographica Helvetica" XXIV (2001), pp. 3–7 testo integrale.
  • S. Fuso, Pinocchio e la scienza. Come difendersi da false credenze e bufale scientifiche, Bari 2006, pp. 188-190.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]