Luigi Bettazzi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Luigi Bettazzi
vescovo della Chiesa cattolica
2008 luigi bettazzi a torino sede gruppo abele.gif
BishopCoA PioM.svg
Titolo Ivrea
Incarichi attuali Vescovo emerito di Ivrea
Nato 26 novembre 1923, Treviso
Ordinato presbitero 4 agosto 1946
Consacrato vescovo 4 ottobre 1963 dal cardinale Giacomo Lercaro

Luigi Bettazzi (Treviso, 26 novembre 1923) è un vescovo cattolico italiano.

Vita[modifica | modifica sorgente]

Trascorre l'infanzia a Treviso, dove il padre lavorava; si trasferisce a Bologna, città di origine della madre, in gioventù, dove è ordinato sacerdote il 4 agosto 1946. Si è laureato in Teologia presso la Pontificia Università Gregoriana e poi in Filosofia presso l'Università degli Studi Alma Mater di Bologna. Nella giovinezza ha abbracciato le posizioni del personalismo cristiano. A Bologna ha insegnato presso il Pontificio Seminario Regionale ed è stato impegnato nei movimenti giovanili, in qualità di assistente diocesano e vice assistente nazionale degli universitari cattolici della FUCI.

Il 10 agosto 1963 è nominato vescovo titolare di Tagaste e vescovo ausiliare di Bologna. Il 4 ottobre 1963 è consacrato vescovo dal cardinale Giacomo Lercaro il vescovo dei poveri, coconsacranti i vescovi Gilberto Baroni e Franco Costa. Partecipa a tre sessioni del Concilio Vaticano II citando, il 4 ottobre 1965, il filosofo Antonio Rosmini, autore dell'opera Cinque Piaghe della Santa Chiesa, allora ancora all'Indice dei libri proibiti della Chiesa.

Al termine del Concilio, il 26 novembre 1966, diviene vescovo di Ivrea. Ha conferito l'ordinazione episcopale all'arcivescovo Arrigo Miglio e al vescovo Piergiorgio Debernardi. Nel 1968 è nominato presidente nazionale di Pax Christi, movimento cattolico internazionale per la pace e nel 1978 ne diventa presidente internazionale, fino al 1985 vincendo per i suoi meriti il Premio Internazionale dell'Unesco per l'Educazione alla Pace. È una delle figure di riferimento per il movimento pacifista. Nel 1978, insieme al vescovo rosminiano Clemente Riva e al vescovo Alberto Ablondi, chiese alla Curia Vaticana di potersi offrire prigioniero in cambio del presidente della Democrazia Cristiana Aldo Moro. La richiesta, tuttavia, venne fermamente respinta. Celebre per le sue battaglie per l'obiezione fiscale alle spese militari, l'obiezione di coscienza quando ancora si rischiava il carcere ed il dialogo con i non credenti.

Nel 1992 partecipa alla marcia pacifista organizzata da Pax Christi insieme a Mons. Antonio Bello nel mezzo della guerra civile in Bosnia ed Erzegovina. Mons. Antonio Bello spirerà nel suo letto confortato dall'amicizia di Luigi Bettazzi. Il 20 febbraio 1999 si dimette per raggiunti limiti di età, conservando il titolo di vescovo emerito di Ivrea. Risiede nel Castello Vescovile di Albiano, residenza estiva dei vescovi di Ivrea.

Nel 2007 dichiarò pubblicamente che la sua coscienza gli imponeva di disobbedire e che era favorevole al riconoscimento delle unioni civili, i DICO, sostenendo le iniziative del governo Prodi e riconoscendo alle coppie omosessuali un fondamento d'amore equiparato a quelle eterosessuali.

È presidente del Centro Studi Economico Sociali di Pax Christi Italia ed è impegnato nell'attività di conferenziere in diverse regioni d'Italia.

Il suo nome viene citato da molte testate e notiziari televisivi per aver pronosticato la rinuncia di Benedetto XVI circa un anno prima la sua ufficializzazione, avvenuta nel corso del concistoro ordinario dell'11 febbraio 2013. All'epoca, molti periodisti ed alti dignitari della Chiesa smentirono seccamente le dimissioni del pontefice.

Genealogia episcopale[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Genealogia episcopale.

Pubblicazioni[modifica | modifica sorgente]

  • Bettazzi Luigi, Ateo a diciotto anni?, Milano, Rizzoli, 1982.
  • Bettazzi Luigi, La sinistra di Dio, Molfetta, La Meridiana, 1996.
  • Bettazzi Luigi, Esseri ed Essere. Cicaléccio... per i filosofi principianti, Pazzini Editore, 2004.
  • Bettazzi Luigi, Giovani per la pace, La Meridiana, 2004.
  • Bettazzi Luigi, Anticlericali e clericali. Dal Risorgimento italiano alla nonviolenza, EDB, 2006.
  • Bettazzi Luigi, Chi crede in Cristo sarà salvo, Cittadella, 2007.
  • Bettazzi Luigi e Aldo Maria Valli, Difendere il Concilio, San Paolo Edizioni, 2008.
  • Bettazzi Luigi, In dialogo con i lontani. Memorie e riflessioni di un vescovo un po' laico, Aliberti, 2009.
  • Bettazzi Luigi, Vescovo e laico? Una spiegazione per gli amici, EDB, 2010.

Biografie[modifica | modifica sorgente]

  • Bettazzi, Luigi (a cura di), Don Tonino Bello, Milano, San Paolo, 2001.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Vescovo titolare di Tagaste Successore BishopCoA PioM.svg
Gilberto Baroni 10 agosto 1963 - 26 novembre 1966 Antonio Mauro
Predecessore Vescovo di Ivrea Successore BishopCoA PioM.svg
Albino Mensa 26 novembre 1966 - 20 febbraio 1999 Arrigo Miglio

Controllo di autorità VIAF: 102133143 LCCN: n82079216

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie