Diocesi di Iglesias

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Diocesi di Iglesias
Dioecesis Ecclesiensis
Chiesa latina
Cattedrale Iglesias.jpg
Suffraganea dell' arcidiocesi di Cagliari
Regione ecclesiastica Sardegna
Vescovo Giovanni Paolo Zedda
Vescovi emeriti Tarcisio Pillolla
Sacerdoti 84 di cui 77 secolari e 7 regolari
1.738 battezzati per sacerdote
Religiosi 7 uomini, 56 donne
Diaconi 2 permanenti
Abitanti 147.000
Battezzati 146.000 (99,3% del totale)
Superficie 1.678 km² in Italia
Parrocchie 64
Erezione IV-V secolo
Rito romano
Cattedrale Santa Chiara
Santi patroni Antioco di Sulcis
Indirizzo Piazza Municipio 1, 09016 Iglesias [Cagliari], Italia
Sito web www.diocesidiiglesias.it
Dati dall'Annuario Pontificio 2011 * *
Chiesa cattolica in Italia

La diocesi di Iglesias (in latino: Dioecesis Ecclesiensis) è una sede della Chiesa cattolica suffraganea dell'arcidiocesi di Cagliari appartenente alla regione ecclesiastica Sardegna. Nel 2010 contava 146.000 battezzati su 147.000 abitanti. È attualmente retta dal vescovo Giovanni Paolo Zedda.

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

La diocesi è situata nella parte sud-occidentale della Sardegna e comprende 24 comuni a cavallo fra le province di Carbonia-Iglesias e Cagliari.

Sede vescovile è la città di Iglesias, dove si trova la cattedrale di Santa Chiara d’Assisi.

Il territorio si estende su 1.678 km² ed è suddiviso in 64 parrocchie.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La diocesi di Sulci (odierna Sant'Antioco) fu eretta alla fine del IV o all'inizio del V secolo. Le prime tracce le ritroviamo nel 484 quando il vescovo di Sulci, Vitale, partecipò al concilio di Cartagine.

Si ipotizza che la diocesi di Solci sia stata soppressa in seguito alle invasioni saracene verso la fine del VII secolo. Fu poi ristabilita da papa Alessandro II nella seconda metà dell'XI secolo.

Al principio del XIII secolo la sede della diocesi fu trasferita da Sulci a Tratalias. Ed ancora fu traslata da Tratalias a Iglesias da papa Giulio II con la bolla Aequum reputamus dell'8 dicembre 1503.

Il 9 gennaio 1514 l'ultimo vescovo di Sulci-Iglesias, Giovanni Pilares, fu nominato arcivescovo di Cagliari; da questo momento le due sedi furono unite fino alla seconda metà del XVIII secolo.

Nel 1580, con l'avallo di Filippo II di Spagna, e nel 1620 ci furono tentativi per restaurare la diocesi, i cui preti mal sopportavano l'unione con Cagliari. Nel 1654 la Rota Romana sancì definitivamente l'unione; ma a Iglesias fu riconosciuto il diritto di nominare un proprio vicario capitolare durante la vacanza della sede cagliaritana e il diritto di avere un proprio vicario generale.

La sede di Iglesias è stata ristabilita da papa Clemente XIII il 18 maggio 1763.

Nel 1986, in occasione del riordino delle diocesi italiane, ne è stato discusso l'accorpamento all'arcidiocesi di Cagliari, ma è stato rigettato dai vescovi.[senza fonte]

Cronotassi dei vescovi[modifica | modifica wikitesto]

Vescovi di Sulci[modifica | modifica wikitesto]

  • Vitale † (menzionato nel 484)
  • Anonimo † (menzionato nel 599)
  • Pietro † (inizi VII secolo)
  • Eutalio † (seconda metà del VII secolo)
  • Anonimo † (menzionato nel 1061)
  • Anonimo † (menzionato nel 1073)
  • Anonimo † (menzionato nel 1089)
  • Raimondo † (menzionato nel 1090)
  • Salvio † (menzionato nel 1108)
  • Arnaldo † (menzionato nel 1112)
  • Anonimo † (menzionato prima del 1118)
  • Anonimo † (menzionato nel 1118)
  • Alberto † (menzionato nel 1123)
  • Aimo † (1151 - 1163)
  • Mariano † (1206 - 27 marzo 1218 nominato arcivescovo di Cagliari)
  • Bandino † (1221 - 1226)
  • Arzotto † (menzionato nel 1235)
  • Gregorio † (prima del 1263 - dopo il 2 gennaio 1267)
  • Mondasco de' Sismondi † (prima del 1281 - dopo il 1282)
  • Comita † (circa 1300 - 1324 deceduto)
    • Bonifacio della Gherardesca, O.F.M. † (1324 - 1324 deposto) (vescovo eletto)
  • Angelo Portasole, O.P. † (24 aprile 1325 - 12 febbraio 1330 nominato vescovo di Grosseto)
  • Bartolomeo, O.Carm. † (12 febbraio 1330 - 1332 deceduto)
  • Guglielmo Jornet, O.F.M. † (24 aprile 1332 - 1334)
  • Guglielmo Jaffer † (8 aprile 1334 - 1335)
  • Mariano † (1342 - 1349)
  • Ramón Gilet † (18 maggio 1349 - 1359)
  • Francesco Alegre, O.P. † (8 giugno 1359 - 1364 deceduto)
  • Leonardo, O.F.M. † (27 novembre 1364 - ?)
  • Francesco † (prima del 1387)
  • Obbedienza romana:
    • Andrea † (prima del 1387)
    • Corrado de Cloaco † (24 aprile 1387 - 1389 dimesso)[1]
    • Filippo † (5 aprile 1389 - ?)
    • Biagio di Prato † (4 aprile 1398[2] - 1409)
  • Obbedienza avignonese:
    • Pietro Tordora, O. de M. † (24 settembre 1388 - 1410)
    • Giovanni Rodrigo de Corella, O.P., † (27 gennaio 1410 - 1415)
  • Giovanni Cassani, O.E.S.A. † (4 maggio 1418 - 1441 deceduto)
    • Raimondo de Torres, O.F.M. † (17 ottobre 1441 - ?) (antivescovo)[3]
  • Sisinnio † (19 novembre 1442 - 5 luglio 1443 nominato vescovo di Ampurias)
  • Antonio Presto, O.P. † (24 luglio 1443 - 1447 deceduto)
  • Garsia, O.F.M. † (22 settembre 1447 - 1461 deceduto)
  • Giuliano Matoni, O.P. † (6 novembre 1461 - 1487 deceduto)
  • Simone Vargiu, O.F.M. † (4 aprile 1487 - 1503)
  • Giovanni Pilares † (7 luglio 1503 - 9 gennaio 1514 nominato arcivescovo di Cagliari)
    • Sede unita all'arcidiocesi di Cagliari (1514-1763)

Vescovi di Iglesias[modifica | modifica wikitesto]

  • Luigi Satta † (26 settembre 1763 - aprile 1772 deceduto)
  • Giovanni Ignazio Gautier † (7 settembre 1772 - ottobre 1773 deceduto)
  • Francesco Antonio Deplano † (13 marzo 1775 - 1781 deceduto)
  • Giacinto Rolfi, O.S.A. † (18 luglio 1783 - circa 1790 deceduto)
  • Giuseppe Domenico Porqueddu † (26 marzo 1792 - circa 1797 deceduto)
  • Nicolo Navoni † (11 agosto 1800 - 29 marzo 1819 nominato arcivescovo di Cagliari)
  • Giovanni Nepomuceno Ferdiani † (23 agosto 1819 - 19 gennaio 1841 deceduto)
  • Giovanni Battista Montixi † (25 gennaio 1844 - 26 febbraio 1884 deceduto)
  • Raimondo Ingheo † (10 novembre 1884 - 16 dicembre 1907 dimesso)
    • Sede vacante (1907-1911)
  • Giuseppe Dallepiane † (22 settembre 1911 - 13 aprile 1920 deceduto)
  • Saturnino Peri † (16 dicembre 1920 - 1º novembre 1929 dimesso)
  • Giovanni Pirastru † (22 luglio 1930 - 7 settembre 1970 ritirato)
  • Giovanni Cogoni † (7 settembre 1970 - 25 marzo 1992 ritirato)
  • Arrigo Miglio (25 marzo 1992 - 20 febbraio 1999 nominato vescovo di Ivrea)
  • Tarcisio Pillolla (3 luglio 1999 - 3 giugno 2007 ritirato)
  • Giovanni Paolo Zedda, dal 17 giugno 2007

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

La diocesi al termine dell'anno 2010 su una popolazione di 147.000 persone contava 146.000 battezzati, corrispondenti al 99,3% del totale.

anno popolazione sacerdoti diaconi religiosi parrocchie
battezzati totale % numero secolari regolari battezzati per sacerdote uomini donne
1950 149.600 150.000 99,7 61 52 9 2.452 30
1969 141.000 143.000 98,6 94 79 15 1.500 19 182 51
1980 146.350 146.750 99,7 102 90 12 1.434 14 170 63
1990 153.600 154.000 99,7 99 87 12 1.551 1 14 119 69
1999 139.000 140.874 98,7 88 77 11 1.579 1 12 89 62
2000 143.800 145.900 98,6 80 72 8 1.797 1 9 77 64
2001 143.900 146.000 98,6 84 74 10 1.713 1 11 79 64
2002 146.000 146.800 99,5 87 76 11 1.678 1 12 70 64
2003 145.000 145.800 99,5 87 76 11 1.666 1 11 70 64
2004 147.000 147.200 99,9 82 76 6 1.792 1 7 45 64
2006 145.000 145.600 99,6 89 80 9 1.629 2 9 65 64
2010 146.000 147.000 99,3 84 77 7 1.738 2 7 56 64

Parrocchie[modifica | modifica wikitesto]

Parrocchie per comune di appartenenza

Buggerru

  • San Giovanni Battista

Calasetta

  • San Maurizio Martire

Carbonia Le 12 Parrocchie:

  • Beata Vergine Addolorata - (Rione Nord - Monte Rosmarino)
  • Cristo Re - (Rione Est - Cannas di Sotto)
  • Gesù Divino Operaio - (Rione Sud - Santu Millanu - Is Meis)
  • San Camillo - (Rione Nord - Schisorgiu - Sirai)
  • San Giovanni Bosco - (Rione Nord - Cannas di Sopra)
  • San Ponziano Pontefice Martire - (Rione Centro - Monte Fossone - Su Pranu)
  • Santa Barbara Vergine Martire - (Villaggio Bacu Abis)
  • Vergine Santa Maria delle Grazie - (Villaggio Barbusi)
  • Santa Maria di Barega [nuova chiesa] - (Borgate Barega - Piolanas)
  • Sacro Cuore di Gesù - (Villaggio Cortoghiana)
  • San Marco Evangelista - (Borgata Is Gannaus - Coderra)
  • San Narciso - (Rione Est - Serbariu - S. Caterina)

Carloforte

  • San Carlo Borromeo
  • San Pietro Apostolo

Domusnovas

  • Sant'Ignazio di Laconi
  • Vergine Assunta

Fluminimaggiore

  • Sant'Antonio di Padova
  • San Pietro Apostolo

Giba

  • San Giuseppe Sposo della B.V. - (Villarios)
  • San Pietro Apostolo - Giba

Gonnesa

  • Sant'Andrea Apostolo - Gonnesa
  • Sant'Isidoro Agricoltore - (Nuraxi Figus)

Iglesias

  • B.V. di Valverde - Iglesias
  • Cuore Immacolato di Maria - Iglesias
  • Sacro Cuore di Gesù - Iglesias
  • San Giuseppe Artigiano - Iglesias
  • San Paolo Apostolo - Iglesias
  • San Pio X Papa - Iglesias
  • Santa Chiara d'Assisi (Cattedrale) - Iglesias
  • Santa Lucia Vergine Martire - Iglesias
  • Santa Barbara Vergine Martire - (Nebida - Masua)
  • Santa Benedetto Abate - (Guindili San Benedetto)
  • San Giovanni Miniera - (Bindua - San Giovanni)

Masainas

  • San Giovanni Battista

Musei

  • Sant'Ignazio di Loyola

Narcao

  • San Nicolò di Bari - Narcao
  • San Giuseppe - (Riomurtas)
  • San Gioacchino - (Terraseo)

Nuxis

  • San Pietro Apostolo

Perdaxius

  • San Giacomo Apostolo

Piscinas

  • Vergine della Neve

Portoscuso

  • San Giovanni Battista - Portoscuso
  • Vergine d'Itria - Portoscuso
  • San Giuseppe - (Paringianu)

San Giovanni Suergiu

  • San Giovanni Battista - San Giovanni Suergiu
  • San Raffaele Arcangelo - (Is Urigus)
  • Sant'Elena Imperatrice - (Matzaccara)
  • Vergine delle Grazie - (Palmas Suergiu)

Santadi

  • San Nicolò di Bari - Santadi
  • Madonna di Fatima - (Murdeu)
  • Santa Maria di Montefracca - (Monte Fracca)
  • San Giovanni Bosco - (Terresoli)

Sant'Anna Arresi

  • Sant'Anna

Sant'Antioco

Teulada

  • San Giovanni Battista
  • Vergine del Carmine

Tratalias

  • Santa Maria (nuova chiesa parrocchiale)
  • Vergine Santa Maria di Monserrato (ex cattedrale)

Villamassargia

  • Vergine della Neve

Villaperuccio

  • B.V. del Rosario - Villaperuccio

Chiese non parrocchiali[modifica | modifica wikitesto]

Buggerru

  • San Nicolao - (Località San Nicolao)

Calasetta

  • Cristo Re - (Frazione Cussorgia)

Carbonia

  • S. Anna - (Casali Corongiu - Tanì)
  • S. Antonio - (Borgata Flumentepido)
  • S. Barbara - (Casale Piolanas)
  • S. Giorgio - (Località Terra Niedda) [trasformata]
  • S. Giuliana - (Borgata Sirri) [in rovina]
  • S. Lucia - (Borgata Sirri)
  • S. Maria - (Borgata Sirri) [in rovina]
  • S. Maria - (Borgata Flumentepido) [già monastero benedettino]
  • S. Maria Ausiliatrice - (Casale Is Perdas o Aquas Callentis)
  • S. Michele - (Località Is Arenas - Serbariu di Sopra) [in rovina]
  • S. Pio da Pietrelcina - (Borgata Medau Desogus)
  • Chiesa del Cimitero

Iglesias

  • Santuario di San Giuseppe - Iglesias
  • Santuario della Vergine del Buon Cammino - Iglesias
  • Santuario della Vergine delle Grazie- Iglesias
  • Chiesa della Purissima o del Collegio - Iglesias
  • Oratorio delle Anime Purganti - Iglesias
  • Chiesa di San Domenico - Iglesias
  • Chiesa di San Francesco - Iglesias
  • Chiesa di San Michele - Iglesias
  • Chiesa di Sant'Antonio Abate - Iglesias

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Nominato vescovo di Amelia il 23 agosto 1390.
  2. ^ Eletto il 21 novembre 1396.
  3. ^ Confermato dall'antipapa Felice V nel mese di ottobre 1442.

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

diocesi Portale Diocesi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diocesi