Love You (The Beach Boys)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Love You
Artista The Beach Boys
Tipo album Studio
Pubblicazione 11 aprile 1977
Durata 34:50
Dischi 1
Tracce 14
Genere Pop rock
Pop
Etichetta Brother Records
Reprise Records
MS 2258
Produttore Brian Wilson
Registrazione 1970, 1973, autunno 1976 – gennaio 1977
Note n. 53 Stati Uniti
n. 28 Regno Unito
The Beach Boys - cronologia
Album precedente
(1976)
Album successivo
(1978)
Singoli
  1. Honkin' Down the Highway/Solar System
    Pubblicato: 30 maggio 1977

Love You (conosciuto anche come The Beach Boys Love You) è un album discografico del gruppo musicale statunitense The Beach Boys, pubblicato nel 1977.

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

Wilson durante le sessioni in studio per Love You.

Quasi interamente scritto ed eseguito dal solo Brian Wilson, l'album ha ampiamente diviso critica e pubblico sin dalla sua prima pubblicazione. Alcuni reputano il disco, che originariamente avrebbe dovuto intitolarsi Brian Wilson Loves You ed essere un album solista dello stesso Wilson, come il ritorno ufficiale di Brian Wilson alla sua migliore forma artistica sin dai tempi degli anni sessanta, mentre altri invece pensano che l'album sia l'opera dove Wilson perse definitivamente l'abilità di produrre e cantare a livello professionale. Fu nel corso delle sessioni di lavorazione per questo LP che Wilson fece la sua celebre apparizione al Saturday Night Live la sera del 27 novembre, eseguendo dal vivo in solitaria al pianoforte il brano Love Is a Woman in maniera vocalmente incerta.[1]

Non propriamente tutte le canzoni sul disco erano nuove composizioni, alcune erano state scritte durante il periodo delle sessioni per l'album 15 Big Ones; Good Time risaliva addirittura ai tempi di Sunflower del 1970, e Ding Dang, composta insieme all'ex leader dei Byrds Roger McGuinn era stata già incisa a fine 1973. L'inclusione di Good Time è particolarmente anomala perché, a differenza del restante materiale presente in Love You, include una performance vocale da parte di Wilson all'altezza dei vecchi tempi, e cioè prima che la voce gli si rovinasse a causa del forte consumo di tabacco e cocaina nel periodo 1973-75.

Considerato da alcuni come l'ultimo vero grande album dei Beach Boys, Love You è un'opera di difficile assimilazione e giudizio per un ascoltatore occasionale. Pubblicato appena dopo l'annuncio della firma del nuovo contratto che la band aveva stipulato con la CBS Records (ora Sony Music), la Reprise Records fece molta poca promozione al disco, e con l'avvento della disco music e del punk, l'appeal commerciale dei Beach Boys calò nuovamente a picco. L'album raggiunse la cinquantatreesima posizione in classifica negli Stati Uniti, e la ventottesima in Gran Bretagna, senza riscuotere particolari attenzioni. Tuttavia, con il passare degli anni, l'opera si è ritagliata una consistente nicchia di ammiratori. Peter Buck dei R.E.M. dichiarò che Love You è il suo album preferito dei Beach Boys nelle note interne della ristampa in CD dell'album.

Attualmente Love You è disponibile in formato CD in abbinamento con 15 Big Ones.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Lato 1
  1. Let Us Go on This Way (B. Wilson/Mike Love) - 1:58
  2. Roller Skating Child (Love/C. Wilson/Al Jardine/B. Wilson) - 2:17
  3. Mona (Dennis Wilson/B. Wilson) - 2:06
  4. Johnny Carson (Love/C. Wilson) - 2:47
  5. Good Time (B. Wilson/Jardine) - 2:50
  6. Honkin' Down the Highway (Jardine) - 2:48
  7. Ding Dang (B. Wilson/Roger McGuinn) - 0:57
Lato 2
  1. Solar System (B. Wilson) - 2:49
  2. The Night Was So Young (B. Wilson/C. Wilson) - 2:15
  3. I'll Bet He's Nice (D. Wilson/B. Wilson/C. Wilson) - 2:36
  4. Let's Put Our Hearts Together (B. Wilson/Marilyn Wilson) - 2:14
  5. I Wanna Pick You Up (D. Wilson/B. Wilson) - 2:39
  6. Airplane (Love/B. Wilson/C. Wilson) - 3:05
  7. Love Is a Woman (B. Wilson/Love/Jardine) - 2:57

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

  • Honkin' Down the Highway / Solar System (Brother 1389), 30 maggio 1977

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Brian Wilson - Saturday Night Live (1976) su YouTube
rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rock