In My Room

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
In My Room
Artista The Beach Boys
Tipo album Singolo
Pubblicazione 28 ottobre 1963
Genere Sunshine pop
Etichetta Capitol
Produttore Brian Wilson
The Beach Boys - cronologia
Singolo precedente
(1963)
Singolo successivo
(1963)

In My Room è un brano musicale scritto da Brian Wilson e Gary Usher per il gruppo rock statunitense The Beach Boys. La canzone venne pubblicata come b-side del singolo del 1963 Be True to Your School, pubblicato per promuovere il loro album Surfer Girl. Il pezzo stanziò al numero 23 della classifica americana e fu introdotto alla Grammy Hall of Fame nel 1999. La rivista britannica Rolling Stone lo collocò al posto 212 della lista delle 500 migliori canzoni dells a storia[1].

Il brano[modifica | modifica sorgente]

Gary Usher spiegò che:

«In My Room ci ha permesso di prendere il nostro mestiere più seriamente. Brian e io tornammo a casa dopo una notte a giocare ad over-the-line (una partita di baseball). Ho suonato il basso e Brian l'organo. La canzone è stata scritta in un'ora ... La melodia di Brian tracciò la strada. La sensibilità... questo concetto ha significato molto per lui. Quando abbiamo finito, era tardi, dopo la mezzanotte, cioè il coprifuoco. In realtà, Murry [il padre dei fratelli Wilson] era venuto un paio di volte dicendomi di andarmene via. In ogni caso, Audree [madre dei fratelli Wilson] fu molto più disponibile, così mentre si rimetteva a posto i capelli, abbiamo suonato per lei. Ha detto, "Questa è la canzone più bella che tu abbia mai scritto". Murry disse, "Non male, Usher, non male", che era la cosa più bella che abbia mai detto a me.»

Usher (che co-scrisse il testo con Wilson) più avanti disse che "Brian diceva sempre che la sua stanza era tutto il suo mondo". Quest'ultimo confermò questa sua opinione: «Avevo una camera, e la immaginavo come il mio regno. Scrissi il pezzo, decisamente, sul fatto che nessuno ha mai paura quando è nella propria stanza. Ciò è assolutamente vero.»

Nel 1990, Brian scrisse:

«Ho apprezzato molto anche la produzione di In My Room. C'è una storia dietro questa canzone. Quando Dennis, Carl e io vivevamo in Hawthorne da bambini, abbiamo dormito tutti nella stessa stanza. Una notte gli ho cantato Ivory Tower e gli piacque molto. Poi un paio di settimane più tardi, ho provveduto a insegnargli sia il modo di cantare sia le parti armoniche di essa. C'è voluto un po' di tempo, ma finalmente impararono. Da quel momento la suonammo ogni notte. Portò la pace in noi. Quando registrammo In My Room, c'erano solo Dennis, Carl e me nella prima strofa... e ci sembrava proprio di essere ritornati indietro nel tempo, nella nostra gioventù. Questo racconto ebbe più senso che mai dopo la morte di Dennis.»

Demo e pubblicazione finale[modifica | modifica sorgente]

Il box set del 1993, Good Vibrations: Thirty Years of The Beach Boys, contiene una prima versione di In My Room, molto diversa dall'originale, anche se è chiaro che sia stata registrata nello stesso giorno.[2] La demo prevede la partecipazione di sei Beach Boys: sia Al Jardine (nella voce) sia David Marks (la cui chitarra suona la parte di Carl Wilson) sono comunque presenti.[3]

Il pezzo inizia con il gruppo che esegue la melodia principale senza parole per poi cominciare con il pronunciare la prima strofa. Questa introduzione venne in seguito scartata e rimpiazzata con un arpeggio di chitarra solista. Altre differenze sono: il coro, che nella versione definitiva si struttura a partire dalla voce di Brian Wilson, seguita da quella del fratello Carl Wilson e infine da quella di Dennis Wilson e il finale, che a parte il fatto che va a svanire nel singolo ufficiale, contiene una perfetta sincronizzazione di Jardine e Marks.[4]

Accoglienza[modifica | modifica sorgente]

In My Room rimase nella "Billboard Hot 100" per 11 settimane, toccando il ventitreesimo posto nel 1963.[5] Nella UPI (United Press International) secondo il sondaggio settimanale, si trovò al diciassettesimo a livello nazionale, sostenuto anche dal suo successo molto esteso in tutto il paese dove è stato trattato come un lato A:

Riconoscimenti e cover[modifica | modifica sorgente]

Formazione[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ The RS 500 Greatest Songs of All Time in Rolling Stone. URL consultato il 17 febbraio 2013.
  2. ^ Badman, Keith- The Beach Boys: The Definitive Diary of America's Greatest Band on Stage and in the Studio- Pg. 39- 2004- Backstreet Books- San Francisco- ISBN 0-87930-818-4.
  3. ^ Jon Stebbins, The Lost Beach Boy, London, Virgin Books Ltd, 2007, p. 83, ISBN 978-1-85227-391-0.
  4. ^ Philip Lambert, Inside the Music of Brian Wilson, New York, Continuum International Publishing Group Inc, 2007, p. 97, ISBN 978-0-8264-1877-7.
  5. ^ Joel Whitburn's Top Pop Singles 1955-2006 ISBN 0-89820-172-1 and ISBN 978-0-89820-172-7

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Rock