15 Big Ones

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
15 Big Ones
Artista The Beach Boys
Tipo album Studio
Pubblicazione luglio 1976
Durata 39:20
Dischi 1
Tracce 15
Genere Pop rock
Surf pop
Etichetta Brother Records
Reprise Records
MS 2251
Produttore Brian Wilson
Registrazione 1976
Note n. 8 Stati Uniti
n. 31 Gran Bretagna
The Beach Boys - cronologia
Album precedente
Album successivo

15 Big Ones è un album del gruppo musicale statunitense The Beach Boys pubblicato nel 1976.

In questo album, Bruce Johnston aveva temporaneamente lasciato il gruppo, ma Brian Wilson era tornato a registrare con gli altri a pieno regime. Si tratta del primo LP sin dai tempi di Pet Sounds del lontano 1966, del quale Brian Wilson tornò ad occuparsi della produzione.

Attualmente 15 Big Ones è disponibile in formato CD in abbinamento con Love You.

Il disco[modifica | modifica sorgente]

Origine e registrazione[modifica | modifica sorgente]

Le sessioni per l'album iniziarono alla fine del 1974 allo studio Caribou Ranch (proprietà di James William Guercio) in Colorado e al Brother Studio di Santa Monica con previsione di pubblicazione per i primi mesi del 1975. Anche se Brian fu attivamente coinvolto in queste fasi iniziali di lavorazione dell'opera, l'uscita del disco dovette essere rimandata. Molti dei nastri furono accidentalmente distrutti in un incendio al Caribou Ranch nel quale lo studio andò completamente a fuoco; soltanto i pochi nastri che erano stati portati in precedenza al Brother Studio sopravvissero.

Nel 1975, la compilation di successi dei Beach Boys Endless Summer stava vendendo molto bene e la band (senza Wilson) era in tournée da diversi mesi, impegnata a fare molti concerti in tutti gli USA per promuovere il disco. Alla fine di gennaio del 1976, i Beach Boys tornarono in studio, con Brian Wilson nuovamente in veste di produttore artistico. Egli avrebbe voluto che il gruppo incidesse un album di "vecchi classici", ma i suoi fratelli Carl e Dennis non furono d'accordo, pensando che un album di nuove canzoni originali sarebbe stato molto meglio commercialmente. Mike Love e Al Jardine volevano che il disco uscisse più velocemente possibile per sfruttare l'ondata della loro rinnovata popolarità. Ad un certo punto durante le sessioni, venne deciso che l'album sarebbe stato un doppio LP: un vinile di standard ed un altro di materiale originale. Alla fine, venne raggiunto un compromesso in base al quale il nuovo album sarebbe stato singolo ma costituito in parte da cover di vecchi successi e in parte da originali, soluzione che però lasciò perplessi i due fratelli più giovani di Brian.

NBC TV: "Failure to Surf"[modifica | modifica sorgente]

Data la rinnovata attenzione dei media nei loro confronti, i Beach Boys parteciparono ad uno speciale televisivo della NBC. Uno dei momenti migliori dello speciale fu l'esecuzione del brano That Same Song insieme al coro Alexander Hamilton Double Rock Baptist Choir, dove Brian sembra essere più a suo agio di quanto in realtà fosse. Egli apparve molto più insicuro nello sketch comico "Failure to Surf" nel quale i "poliziotti del surf" Dan Aykroyd e John Belushi buttavano giù dal letto Brian per portarlo a fare surf in spiaggia.

Dopo lo show, il gruppo si imbarcò in un grosso tour in giro per gli Stati Uniti, con svariati concerti ai quali partecipò anche Brian. Anche se Dennis Wilson aveva suggerito di intitolare l'album Group Therapy, e rifiutato il titolo Pick Ya Up at 8 (un riferimento alla canzone I Wanna Pick You Up poi esclusa dal disco), si decise di intitolare il nuovo disco 15 Big Ones, in onore ai quindici anni di carriera della band e per il fatto che sull'LP erano presenti lo stesso numero di tracce.

Pubblicazione e accoglienza[modifica | modifica sorgente]

Il disco venne pubblicato alla fine di giugno, e raggiunse la posizione numero 8 negli Stati Uniti restando in classifica per ben 27 settimane e aggiudicandosi un disco d'oro. In Gran Bretagna l'album raggiunse la posizione numero 31. 15 Big Ones fu l'album dei Beach Boys di maggior successo negli Stati Uniti in oltre dieci anni, anche se il responso critico non fu altrettanto entusiasta.

Tracce[modifica | modifica sorgente]

  1. Rock and Roll Music (Chuck Berry) 1
  2. It's OK (B.Wilson/M.Love) 1
  3. Had To Phone Ya (B.Wilson/M.Love) 2
  4. Chapel Of Love (Spector/Barry/Greenwich) 3
  5. Everyone's In Love With You (Mike Love) 1
  6. Talk To Me (Seneca) 4
  7. That Same Song (B.Wilson/M.Love) 3
  8. T M Song (Wilson) 5
  9. Palisades Park (Barris) 4
  10. Susie Cincinnati (Al Jardine) 5
  11. A Casual Look (Wells) 1-5
  12. Blueberry Hill (Lewis/Stock/Rose) 1
  13. Back Home (Wilson) 3
  14. In The Still Of The Night (Parris) 6
  15. Just Once In My Life (Spector/King/Goffin) 3-4

Specifiche esecutori[modifica | modifica sorgente]

Singoli[modifica | modifica sorgente]

  • Rock And Roll Music / T M Song (Brother 1354), 24 maggio 1976 US numero 5; UK numero 36
  • It's O.K. / Had to Phone Ya (Brother 1368), 9 agosto 1976 US numero 29
  • Everyone's In Love With You / Susie Cincinnati (Brother 1375), 1 novembre 1976

Note[modifica | modifica sorgente]

rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rock