Lanius excubitor

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Averla maggiore
Lanius excubitor 1 (Marek Szczepanek).jpg
Lanius excubitor
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Classe Aves
Ordine Passeriformes
Famiglia Laniidae
Genere Lanius
Specie L. excubitor
Nomenclatura binomiale
Lanius excubitor
Linnaeus, 1758
Lanius excubitor

L'Averla maggiore (Lanius excubitor, Linnaeus 1758) è un uccello della famiglia dei Laniidae, che è possibile osservare in Italia.[1]

Sistematica[modifica | modifica wikitesto]

L'Averla maggiore ha 10 sottospecie, da non confondersi con l'Averla meridionale (Lanius meridionalis, Temminck 1820), che fino a poco tempo fa alcuni autori considerevano una sottospecie del Lanius excubitor.

Aspetti morfologici[modifica | modifica wikitesto]

Tra le averle è quella più grande, la taglia media di questo uccello è di 24 cm di lunghezza ed un peso di 55 grammi, ha un petto di colore bianco, ali nere con una macchia bianca, capo e dorso di colore grigio, ed una maschera facciale di colore nero.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

L'Averla maggiore nidifica nei paesi più a nord dell'Europa, per poi svernare nei paesi più a sud, Italia compresa, fino ad arrivare in Africa del nord. Il suo habitat è simile a quello di quasi tutte le averle, ambienti agricoli e, vicino alla boscaglia, è possibile osservarlo in appostamento su rami bassi, da cui individua le prede che può catturare anche al volo.

Cibo e alimentazione[modifica | modifica wikitesto]

Si nutre come le altre averle di grossi insetti, piccoli uccelli e qualche piccolo rettile o piccolo mammifero. Quando le prede abbondano è solita infilzarle su arbusti spinosi, per poi andare a prenderle quando necessita.

Riproduzione[modifica | modifica wikitesto]

Fa nidi in bassi cespugli, in cui depone dalle 4 alle 7 uova, che si schiudono dopo 16 giorni e, per lo svezzamento dei piccoli, bisogna aspettare tre settimane. I nidi delle averle sono tra i preferiti dei cuculi per il loro parassitismo[senza fonte].

Stato di conservazione[modifica | modifica wikitesto]

L'Averla maggiore è una specie protetta.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Gill F. and Donsker D. (eds), Family Laniidae in IOC World Bird Names (ver 4.4), International Ornithologists’ Union, 2014. URL consultato il 6 maggio 2014.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Galleria immagini[modifica | modifica wikitesto]

Averla maggiore
uccelli Portale Uccelli: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di uccelli