La Smorfia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Smorfia.

La Smorfia è il libro dei sogni, usato per trarre dai vari sogni i corrispondenti numeri da giocare al lotto, viene chiamata anche cabala. Altre teorie sono infatti propense a credere che l'origine della Smorfia risieda all'interno della tradizione cabalistica ebraica. Secondo la Cabala (Qabbalah), nella Bibbia non vi è parola, lettera o segno che non abbia qualche significato misterioso correlato. Il mondo stesso non sarebbe altro che un insieme di simboli da decodificare. Per questo i cabalisti crearono una sorta di dottrina interpretativa per svelare i significati nascosti dietro alla realtà apparente.

L'origine del termine "smorfia" è incerta, ma la spiegazione più frequente è che sia legata al nome di Morfeo, il dio dei sogni nell'antica Grecia. La smorfia è tradizionalmente legata alla città di Napoli, che ha una lunga tradizione di affetto nei confronti del gioco del lotto, ma esiste un gran numero di smorfie locali legate ad altre città.

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi La smorfia napoletana.

In ogni smorfia un vocabolo, un evento, una persona, un oggetto, è trasformato in uno o più numeri, attraverso una codifica anche abbastanza precisa che prevede un numero diverso a seconda del contesto. Ad esempio "giocare" fa 79, ma cambia se si gioca ai cavalli (81), al lotto (33), a calcio (50), a carte (17), o a scacchi (22) e così via.

La smorfia originariamente veniva tramandata oralmente, successivamente trascritta su carta. Vista l'origine popolare della smorfia, non sono poche le edizioni della smorfia che utilizzano le figure, per gli analfabeti, affiancate ai numeri.

La Smorfia è spesso stata fonte di ispirazione anche per il cinema diventando talvolta protagonista di dialoghi e sketch ideati e proposti soprattutto da attori napoletani.

I numeri della smorfia a Napoli[1][2][modifica | modifica wikitesto]

Italiano Napoletano Significato della metafora
(Solo in alcuni casi)
1 L'Italia L'Italia La patria
2 La bambina 'A piccerella Bambino/bambina
3 La gatta 'A jatta Gatto/gatta
4 Il maiale 'O puorco Animale
5 La mano 'A mano Parte del Corpo
6 Quella che guarda verso terra Chella ca guarda 'nterra Organo sessuale femminile
7 Il vaso di creta 'O vasetto assonanza tra nome e numero
8 La Madonna 'A Maronna Religione
9 La figliolanza 'A figliata
10 I fagioli 'E fasule
11 I topolini 'E suricille
12 Il soldato 'O surdato
13 Sant'Antonio Sant'Antonio giorno corrispondente a sant'Antonio da Padova

nel Calendario dei santi

14 L'ubriaco 'O mbriaco
15 Il ragazzo 'O guaglione Umano
16 Il culo 'O culo Parte del corpo
17 La disgrazia 'A desgrazia Sfortuna
18 Il sangue 'O sang Liquido nel corpo umano
19 La risata 'A resata Movimento
20 La festa 'A festa
21 La donna nuda 'A femmena annura
22 Il pazzo 'O pazzo Con problemi psicologici
23 Lo scemo 'O scemo
24 Le guardie (o La vigilia) 'E Gguardie (o 'A vigilia) Giorno che precede (la festa)
25 Natale Natale Festa cattolica
26 La piccola Anna Nanninella
27 Il pitale 'O cantaro Vaso da notte
28 I seni 'E zizze Petto femminile
29 Il padre dei bambini 'O pate d' 'e criature Organo sessuale maschile
30 Le palle del tenente 'E palle d' 'o tenente Testicoli
31 Il padrone di casa 'O patrone 'e casa
32 Il capitone 'O capitone
33 Gli anni di Cristo L'anne 'e Cristo
34 La testa 'A capa
35 L'uccellino 'Aucielluzzo
36 Le nacchere 'E castagnelle
37 Il monaco 'O monaco
38 Le botte 'E mmazzate
39 Il cappio al collo 'A fune nganno
40 La noia 'A noja
41 Il coltello 'O curtiello
42 Il caffè 'O ccafè
43 La donna al balcone Onna Pereta fore ô barcone Donna sguaiata/impicciona messa alla gogna
44 La prigione 'E ccancelle
45 Il vino buono 'O vino bbuono
46 Il denaro 'E denare
47 Il morto 'O muorto
48 Il morto che parla 'O muorto che pparla
49 La carne 'A carne
50 Il pane 'O ppane
51 Il giardino 'O ciardino
52 La mamma 'A mamma
53 Il vecchio 'O viecchio
54 Il cappello 'O cappiello
55 La musica 'A museca
56 La caduta 'A caduta
57 Il gobbo 'O scartellato
58 Il regalo 'O regalo
59 I peli 'E pile
60 Il lamento - si lamenta 'O lamiento - se lamenta
61 Il cacciatore 'O cacciatore
62 Il morto ammazzato 'O muorto acciso
63 La sposa 'A sposa
64 La marsina 'A sciammerìa
65 Il pianto 'O chianto
66 Le due zitelle 'E ddoje zetelle sineddoche (si veda il numero 6)
67 Il totano nella chitarra 'O totaro dint' 'a chitarra Riferimento all'atto sessuale
68 La zuppa cotta 'A zuppa cotta
69 Sottosopra sott'e 'ncoppa
70 Il palazzo 'O palazzo
71 L'uomo di merda l'omm 'e mmerd persona malvagia
72 Lo stupore 'A maraviglia
73 L'ospedale 'O spitale
74 La grotta 'A grotta
75 Pulcinella Pulecenella
76 La fontana 'A funtana
77 I diavoli

(o le gambe delle donne)

'E riavulille

(o 'E ccosc' d' 'e ffemmn)

parti del corpo e loro funzione di seduzione
78 La bella figliuola 'A bella figliola la prostituta
79 Il Ladro 'O mariuolo
80 La bocca 'A vocca
81 I fiori 'E sciure
82 La tavola imbandita 'A tavula apparicchiata
83 Il maltempo 'O maletiempo
84 La chiesa 'A chiesa
85 L'anima del Purgatorio L'Anema d' 'o priatorio
86 La bottega 'A puteca
87 I pidocchi 'E perucchie
88 I caciocavalli 'E casecavalle
89 La vecchia 'A vecchia
90 La paura 'A paura Emozione

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La tombola napoletana
  2. ^ Significato della Smorfia

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Michele Zezza, La smorfia ossia Il nuovo metodo per perdere danaro, e cervello con maggior sicurezza al gioco del lotto, Napoli, Torchi della Società filomatica, 1835.
  • Giuseppe Romeo di Luca, Nuova smorfia del giuoco del lotto, Napoli, Gaetano Nobile, 1839; Napoli, Gennaro Monte, 1905.
  • Antonio Quirola, Nuova smorfia pel giuoco del lotto, Napoli, Tipografia degli eredi Migliaccio, 1846.
  • Raffaele N. M. Borrelli, Nuova smorfia perpetua ed universale dell'astronomo Zoroastro, Napoli, Tipografia dell'Ariosto, 1856.
  • Giustino Rumeo, Nuova Smorfia del giuoco del lotto, Napoli, Chiurazzi, 1867.
  • Rutilio Benincasa, La novissima smorfia unificata, vero Tesoro del giuocatore al Lotto per tutte le otto ruote del Regno, ossia la gabbala delle gabbale ricorretta, riformata e arricchita interamente di quanto I giuocatori contemporanei possono desiderare, ecc, Napoli, Soc. Ed. Partenopea, 1919.
  • Paola De Sanctis Ricciardone, Il tipografo celeste. Il gioco del lotto tra letteratura e demologia nell'Italia dell'Ottocento e oltre, Bari, Dedalo, 1987. ISBN 88-220-6066-0