Jaguar XJ13

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jaguar XJ13
Jaguar XJ 13 vr green TCE.jpg
Descrizione generale
Costruttore Regno Unito  Jaguar
Tipo principale Barchetta
Sostituisce la Jaguar D-Type
Esemplari prodotti 1
Altre caratteristiche
Dimensioni e massa
Lunghezza 4.483 mm
Larghezza 1.854 mm
Altezza 965 mm
Passo 2.438 mm
Massa 998 kg
Altro
Stile Malcolm Sayer
Auto simili Ferrari 330 P4, Ford GT40, Porsche 907
Jaguar XJ 13 hr green TCE.jpg

La Jaguar XJ13 è un'automobile da competizione realizzata dalla casa britannica Jaguar durante gli anni sessanta per competere alla 24 Ore di Le Mans. La vettura non corse mai a causa di un cambio di regolamento.[1]

Storia[modifica | modifica sorgente]

Le origini e la mancata storia agonistica[modifica | modifica sorgente]

Dal 1951 al 1957, la Jaguar, prima con la C-Type e poi con la D-Type, dominò la 24 Ore di Le Mans vincendo 5 edizioni su 7. Ma nel 1958, un cambio di regolamento, che limitava la cilindrata massima a 3000 cm³, costrinse queste vetture al ritiro dalle competizioni. Nei primi anni sessanta, un nuovo cambio di regolamento spinse alcuni uomini della Jaguar alla realizzazione di un prototipo per riportare la casa nelle competizioni. Questa vettura, che avrebbe dovuto montare un inedito (per la Jaguar) motore V12, fu progettata e costruita in gran segreto, in quanto l'allora presidente e fondatore dell'azienda sir Williams Lyons aveva espresso parere contrario alla sua realizzazione. Anche per questa ragione la costruzione, iniziata nel 1966, procedette molto lentamente, e la vettura non fu pronta per la 24 Ore di Le Mans del 1967, l'ultima alla quale avrebbe potuto partecipare, in quanto nel 1968 ci fu un ulteriore cambio di regolamento, che limitava nuovamente la cilindrata a 3000 cm³ per quanto riguarda le vetture prototipo.

Vista dell'abitacolo.

Gli incidenti e il restauro[modifica | modifica sorgente]

Dopo la fine di ogni possibilità di impiego sportivo, la XJ13 venne accantonata fino al 1971, quando uscì la versione della E-Type con motore V12 derivato proprio da quello montato sul prototipo. La XJ13 venne quindi rispolverata e usata in filmati pubblicitari per il lancio della nuova vettura. Poco prima del termine delle riprese sul circuito del MIRA (Motor Industry Research Association) però una delle ormai vecchie ruote in lega cedette di colpo e la vettura uscì di pista, con conseguenze piuttosto gravi per la robusta Jaguar, cui solo l'abilità del collaudatore Norman Dewis evitò danni ancora maggiori. Due anni dopo l'incidente, nel 1973, l'auto venne ricostruita. Il motore, rimasto danneggiato nell'impatto, venne sostituito con l'unico degli altri sei con le specifiche da competizione. L'auto venne impiegata in varie manifestazioni pubblicitarie, e durante una di queste il motore rimase nuovamente danneggiato a causa di un fuorigiri prolungato. Si decise così di rimontare il motore dell'incidente, nel frattempo riparato. Poiché la riparazione aveva comportato la saldatura di un pistone, per sicurezza si decise di impiegare la vettura in modo limitato. Nel 2004, a Copenaghen, mentre veniva scaricata da un camion, la vettura urtò violentemente contro il marciapiede. I danni furono estesi, soprattutto al basamento del motore. La Jaguar iniziò quindi un profondo restauro, con la ricostruzione e la sostituzione della maggior parte delle componenti. La carrozzeria venne riparata e riverniciata con l'originale British Racing Green e la frizione venne sostituita con una nuova. Il motore venne riparato e riutilizzato a piena potenza dopo aver verificato ai raggi x la perfetta integrità del pistone saldato.

Meccanica[modifica | modifica sorgente]

Vista del motore.

Motore[modifica | modifica sorgente]

La XJ13 era equipaggiata con un V12 da 4994 cm³, con l'angolo tra le bancate di 60°. Questo motore, progettato da Claude Bailey, fu il primo 12 cilindri realizzato dalla Jaguar. La distribuzione era a doppio albero a camme in testa, ma le valvole per cilindro erano solo due. Ogni albero a camme era azionato da quattro ingranaggi, il primo collegato all'albero motore tramite una cinghia. L'alesaggio era di 87 mm e la corsa di 70 mm. L'alimentazione, all'inizio a carburatori, passò presto all'iniezione indiretta della Lucas che portò la potenza a 502 CV. Il motore, abbinato a un cambio ZF a 5 rapporti, era solidale al differenziale formando così uno schema di tipo Transaxle. Complessivamente furono costruiti 7 motori, di cui 2 con specifiche da gara. Dopo l'abbandono del progetto, il motore venne modificato, portando l'alesaggio a 90 mm e lasciando un solo albero a camme per bancata. Questo motore venne montato sulla E-Type e sulla XJ, in sostituzione del 6 cilindri ormai non più capace di tenere il passo a livello di prestazioni con la concorrenza.

Struttura[modifica | modifica sorgente]

Il telaio era una semimonoscocca in alluminio, il motore era longitudinale e in posizione centrale/posteriore, le sospensioni erano a doppi triangoli sovrapposti. La carrozzeria, disegnata da Malcolm Sayer, era realizzata in fogli di alluminio.

Caratteristiche tecniche - Jaguar XJ13
Jaguar XJ 13 v green TCE.jpg
Configurazione
Carrozzeria: roadster Posizione motore: posteriore longitudinale Trazione: posteriore
Dimensioni e pesi
Ingombri (lungh.×largh.×alt. in mm): 4.483 × 1.854 × 965 Diametro minimo sterzata:
Interasse: 2.438 mm Carreggiate: anteriore ? - posteriore ? mm Altezza minima da terra:
Posti totali: Bagagliaio: Serbatoio: 186,4 litri
Masse a vuoto: 998 kg
Meccanica
Tipo motore: 12 cilindri a V con Angolo tra le bancate di 60° Cilindrata: (Alesaggio x corsa cm³
Distribuzione: Bialbero a camme in testa, 2 valvole per cilindro. Alimentazione: Carburatori (prima versione), iniezione indiretta Lucas in seguito.
Prestazioni motore Potenza: 450 CV (carburatori), 502 CV a 7600 giri/minuto (iniezione). Potenza specifica: 90,1 CV/litro (carburatori), 100,52 CV/litro (iniezione). Rapporto peso/potenza: 2,22 kg/CV (carburatori) 1,98 kg/CV (iniezione). / Coppia: 518 Nm a 6800 giri/minuto
Frizione: Cambio: ZF a 5 rapporti.
Telaio
Corpo vettura Semimonoscocca in alluminio
Sterzo A cremagliera
Freni anteriori: A a disco / posteriori: a disco
Prestazioni dichiarate
Velocità: Oltre 280 km/h Accelerazione:
Altro
Lubrificazione Carter secco

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) The finest Jaguar that never was in The Sunday Times, 1º ottobre. URL consultato il 29-3-2011.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]