Jaguar XF

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jaguar XF
2009 Jaguar XF DC.JPG
Descrizione generale
Costruttore Regno Unito  Jaguar
Tipo principale Berlina
Produzione dal 2008
Euro NCAP (2010[1]) 4 stelle
Altre caratteristiche
Dimensioni e massa
Lunghezza 4.961 mm
Larghezza 1.877 mm
Altezza 1.460 mm
Passo 2.909 mm
Massa da 1.679 a 1.842 kg
Altro
Auto simili Audi A6
Audi A7
BMW Serie 5
Mercedes-Benz Classe E
Porsche Panamera
Saab 9-5
Volvo S80
Infiniti M
Lexus GS
Cadillac CTS
Jaguar XF Rear-view.JPG

La XF è un'autovettura berlina di lusso appartenente al segmento E, prodotta dalla Jaguar, a partire dal 2008 e sottoposta a restyling nel 2011.

Il contesto[modifica | modifica wikitesto]

Svelata al pubblico il 28 agosto 2007 e commercializzata a partire dal febbraio 2008, la nuova vettura della casa del giaguaro si inserisce nel filone delle berline alto di gamma.

La XF riprende nella parte posteriore le eleganti linee della seconda generazione di XK, mentre la parte anteriore riprende il classico stile Jaguar come la griglia a nido d'ape in acciaio spazzolato e i fari anteriori che presentano una goccia. Nel complesso, comunque, la nuova nata è una berlina-coupé a 4 porte elegante e sportiva al tempo stesso, lontana dagli stilemi tradizionali del marchio. E se l'esterno è di rottura, ancor di più lo sono gli interni, ottimamente rifiniti, ma privi di quell'old style caratteristico dei modelli della casa. Sulla plancia il legno pregiato è stato affiancato dell'alluminio satinato e dalle soluzioni high-tech.

Dove la tradizione viene rispettata è nello schema meccanico: la XF, infatti, è una classica trazione posteriore con motore anteriore longitudinale.

Il restyling 2012[modifica | modifica wikitesto]

La versione dopo il restyling

Nell'ottobre 2011 è iniziata la commercializzazione in Italia del restyling denominato XF 2012, in onore del nuovo anno, con un nuovo design frontale, molto simile al prototipo C-XF presentato al Salone di Detroit del 2007[2] e con un nuovo motore, il 2.2D, che riduce notevolmente i consumi grazie anche all'adozione dello stop&start. Con il "restyling" vengono aggiornati i sedili, ed aumentate le possibilità di personalizzazioni (principalmente pelli e legni preziosi).

Sono disponibili 5 motorizzazioni (2 a benzina e tre diesel), con architettura: motore 4 cilindri (2.200 Diesel) V6 (3.000 Diesel con due potenze) ed infine V8 (benzina con due potenze). I motori diesel sono di origine PSA.

Gli allestimenti da febbraio 2013 sono tre come per le altre Jaguar in vendita in Italia e nella maggior parte del pianeta.

Le due versioni dispongono delle principali dotazioni di sicurezza 8 airbag (2 frontali, 2 laterali e 4 per la testa), ABS, controllo della stabilità DSC, controllo della trazione) e di comfort servosterzo idraulico a gestione elettronica, climatizzatore automatico bizona, cambio automatico-sequenziale a 8 rapporti (per le motorizzazioni Diesel) e a 6 rapporti (per le motorizzazioni benzina) di ultima generazione, prodotti da ZF, a comandi digitali anziché meccanici, impianto audio da 400W, cerchi in lega da 17 pollici "Libra".

Allestimento Alive[modifica | modifica wikitesto]

Nel marzo 2012 è iniziata la commercializzazione, per il mercato italiano, dell'allestimento Alive, solo per le motorizzazioni diesel. Questo allestimento prevede elementi sportivi esterni come il paraurti anteriore sportivo con inserti neri per la griglia e per le prese d'aria inferiori, oltre alle lame delle prese d'aria inferiori dal design sportivo; inoltre per tutta la lunghezza dei longheroni laterali sono presenti applicazioni modellate, mentre per il bagagliaio posteriore è disponibile uno spoiler esclusivo; il paraurti posteriore presenta un nuovo design scolpito (non disponibile per XF 2.2D che presenta il paraurti standard); infine i cerchi in lega da 19 pollici "Aquila".

Gli interni offrono (in più dell'allestimento standard): sedili interamente in pelle martellata (con 6 regolazione elettriche lato guida e lato passeggero); inoltre hanno il sistema di navigazione satellitare (con DVD Player, Traffic Channel Messenger e Hard Disk Drive da 30 gigabyte di memoria); con pedaliera sportiva in alluminio e soglie d'ingresso anteriori illuminate con luci azzurre.

Versioni speciali[modifica | modifica wikitesto]

XF Sportbrake[modifica | modifica wikitesto]

Si tratta della versione Wagon della berlina XF 2012.

È stata presentata al Salone dell'automobile di Ginevra dell'8 marzo 2012. Presenta forme esterne alternative ed eleganti, con interior design contemporaneo.

XFR[modifica | modifica wikitesto]

Presso il salone automobilistico di Detroit del 2009 la Jaguar ha presentato la versione ad alte prestazioni della XF, denominata XFR. Meccanicamente essa è dotata di un propulsore AJ-V8 Mk III 5.0 da 510 cv. Esteticamente, è stato modificato il paraurti anteriore e sono stati aggiunti uno spoiler anteriore e cerchioni in lega da 20".[3]

XFR-S[modifica | modifica wikitesto]

Presso il salone automobilistico di Los Angeles del 2012, la Jaguar ha presentato un modello potenziato della XFR, denominato XFR-S. Prodotto in soli 100 esemplari, questo mezzo è stato dotato di un propulsore V8 5.0 litri compresso da 550 cv e 680 Nm derivato dalla XKR-S. Tale motore permette alla vettura di accelerare da 0 a 100 km/h in 4,6 secondi, con una punta massima di 300 km/h limitata elettronicamente. La maneggevolezza è stata perfezionata con l'introduzione di un differenziale attivo elettronico e di un sistema di controllo di stabilità dinamico. Anche il design è stato rimaneggiato grazie all'inserimento di prese d’aria maggiorate, splitter anteriore in fibra di carbonio, passaruota allargati, diffusore posteriore in fibra di carbonio, alettone e cerchi forgiati Varuna da 20'.[4]

Record[modifica | modifica wikitesto]

Nel Novembre del 2008, la Jaguar, con la collaborazione dell'azienda Rocketsports, realizzò una versione speciale della XFR da schierare sul tracciato di Bonneville. Il mezzo era equipaggiato con un propulsore AJ -V8 Mk III a cui era stata rimappata la centralina elettronica e abbinato un nuovo impianto di scarico. Fatta eccezione per questo, gli unici altri elementi modificati della XFR erano i sistemi di sicurezza interni e le componenti aerodinamiche esterne. Tale vettura, pilotata dallo statunitense Paul Gentilozzi, raggiunse la velocità massima di 363 km/h, divenendo in questo modo la Jaguar più veloce mai prodotta, battendo la Jaguar XJ220.

Attività sportiva[modifica | modifica wikitesto]

La XF, dotata di un nuovo body kit aerodinamico, di nuovi impianti di sicurezza e di un nuovo propulsore 3.5 V6, ha preso parte nel 2010 al campionato belga BTCS.

Motorizzazioni[modifica | modifica wikitesto]

Jaguar XF
Modello Disponibilità Motore Cilindrata
(cm³)
Potenza Coppia Massima
(Nm)
Emissioni CO2
(g/Km)
0–100 km/h
(secondi)
Velocità max
(Km/h)
Consumo medio
(Km/l)
2.0 T aut. da febbraio 2013 Benzina 1999 177 Kw ( 241 Cv ) 340 207 7.9 241 13.0
5.0 V8 aut. dal debutto Benzina 4999 283 Kw (385 Cv) 515 292 5.7 250 9.0
3.0 V6 aut. da febbraio 2013 Benzina 2995 250 Kw ( 340 Cv ) 450 224 5.9 250 9.0
5.0 R S/C aut. dal debutto Benzina 4999 375 Kw (510 Cv) 625 292 4.9 250 8.0
2.2 D aut. da ottobre 2013 Diesel 2179 119 Kw (163 Cv) 400 129 10.5 209 18.5
2.2 D aut. da ottobre 2011 Diesel 2179 140 Kw (190 Cv) 450 149 8.5 225 18.5
3.0 D V6 aut. dal debutto Diesel 2993 177 Kw (240 Cv) 500 169 7.1 240 15.9
3.0 DS V6 aut. dal debutto Diesel 2993 202 Kw (275 Cv) 600 169 6.4 250 15.9

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Crash-test EuroNCAP 2010
  2. ^ Luca Capannolo, C-XF 2007 in Passione auto. Jaguar, Rozzano (MI), Editoriale Domus, 2007, ISBN 978-88-7212-551-9.
  3. ^ (EN) Jonathon Ramsey, http://www.autoblog.com/2009/01/12/detroit-2009-jaguar-xfr-makes-us-purrrrr-really-really-fast/ in Auto Blog.com, 12 gennaio 2009. URL consultato il 25 gennaio 2013.
  4. ^ (EN) Umberto Sanna, SupercarTeam.it, 28 novembre 2012, http://www.supercarteam.com/jaguar-xfr-s-ufficiale/ . URL consultato il 4 maggio 2013.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

automobili Portale Automobili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobili